wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Sembra una favola: Il re del vino del Chianti Classico, il Marchese Piero Antinori, ha tre figlie che si dividono equamente il regno vinicolo della nobile famiglia. La competenza e la sensibilità con cui portano avanti l'eredità del pioniere della viticoltura toscana sono state rivelate da Albiera e Allegra Antinori in un'intervista di Wein-Plus con Eva Dülligen.

Allegra e Albiera Antinori (Foto: E. Dülligen)

Wein-PlusSignora Antinori, il suo nome di battesimo è Albiera, le sue sorelle Allegra e Alessia. I vostri genitori avevano in mente la "Tripla A", che viene assegnata dalle società di rating come massima valutazione del credito per le aziende, quando vi hanno dato il nome?

Albiera Antinori: Un bel pensiero: AAA. Ma no, ci sono dieci anni di differenza tra me e la mia sorella minore Alessia. I miei genitori avrebbero dovuto pensare ai nostri nomi con largo anticipo. Una tripla A avrebbe più senso con le triplette. (ride)

Wein-PlusCom'è per suo padre avere un'azienda vinicola di fama mondiale ma non avere un erede maschio diretto?

Albiera Antinori: I tempi in cui mio padre poteva lamentarsi di non avere un successore maschio sono passati. Lo sperava, ma non se lo aspettava. In sostanza, può ritenersi fortunato che le sue tre figlie abbiano assunto posizioni chiave nell'azienda. Inoltre, non c'erano così tanti bambini da poter scegliere. Ma, a parte gli scherzi, mio padre ha ancora l'ultima parola in molti ambiti perché ha semplicemente la maggiore esperienza.

Vigneti della Tenuta Tignanello (Foto: Antinori)

Wein-PlusTuttavia, il passaggio di potere al genere femminile è segnato. Lei è vicepresidente di Antinori, Allegra supervisiona le iniziative gastronomiche della casa vinicola e Alessia dirige la casa spumantistica di famiglia, la Franciacorta. È una fortuna o una coincidenza che ognuno di voi abbia trovato il resort dei propri sogni?

Allegra Antinori: Sicuramente la fortuna. Ognuno di noi ha le sue preferenze. Amo il marketing e viaggiare. Senza dimenticare la cucina italiana. Tutto questo confluisce, ad esempio, nel progetto "La Cantinetta Antinori" che gestisco. Si tratta di quattro osterie a Firenze, Zurigo, Vienna e Mosca che riuniscono semplici specialità italiane con la gamma media dei nostri vini.

Wein-PlusQuali vini sono adatti a questo concetto gastronomico?

Allegra Antinori: Per esempio, il Pèppoli 2010 che, con il suo stile leggermente acido, rappresenta la versione fruttata del Chianti Classico. Un Sangiovese al 90 per cento (10 per cento Merlot) la cui freschezza e il cui frutto si sposano perfettamente con la cucina semplice e snella dell'Italia. Troppo colore, troppi aromi sarebbero del tutto fuori luogo. E credo che anche il rapporto qualità-prezzo sia giusto, intorno ai 16 euro alla fine del consumo.

Villa Fonte de Medici a San Casciano Val di Pesa (Foto: Antinori)

Wein-PlusChe differenza c'è tra lavorare con ristoratori, diciamo, popolari e lavorare con la scena gastronomica di alto livello?

Allegra Antinori: Avete più libertà. Nel mondo della gastronomia di alto livello, ci sono maîtres di cucina molto individuali. Ci si aspetta qualcosa dalle loro carte dei vini, anche se i vini premium da diverse centinaia o migliaia di euro sono più che altro uno spreco e vengono ordinati raramente. Anche nei ristoranti stellati Michelin, i commensali si rivolgono sempre più spesso alla fascia media per quanto riguarda la selezione dei vini. Il nostro concetto di osteria è semplice e attraente per coloro che desiderano la regionalità toscana a prezzi accessibili nel piatto e nel bicchiere.

Wein-PlusOra la situazione in Italia non è necessariamente la più rilassata dal punto di vista politico ed economico. In questo clima difficile, come riuscite a portare avanti i vini Antinori insieme a questi concetti?

Albiera Antinori: Innanzitutto, la situazione politica: ci troviamo infatti in un'enorme crisi economica e strutturale. Prodi e Berlusconi non hanno mai agito nell'interesse del Paese. L'intera squadra del palazzo del governo è obsoleta. I ministri devono rimanere in carica solo per pochi mesi e ricevono una grassa pensione per il resto della loro vita. Abbiamo bisogno di una ventata di aria fresca, di un cambiamento radicale. Un candidato auspicabile potrebbe essere, ad esempio, il moderato di sinistra Mattheo Renzo, sindaco in carica di Firenze. Il nostro Paese ha così tanto potenziale, una cultura distinta. Abbiamo bisogno di una visione. E la prossima generazione deve fare un buon lavoro se si vogliono realizzare queste visioni.

Cantina in barrique (Foto: E. Dülligen)

Wein-PlusUna visione che è già diventata realtà non lontano da qui, a San Casciano Val di Pesa, in breve: vicino a Firenze.

Albiera Antinori: o più precisamente: nella nostra Nuova Cantina Antinori. È stato inaugurato un anno fa, dopo sette anni di capolavori architettonici. È realizzato con materiali come piastrelle, legno, acciaio corten e vetro, con un'attenzione al massimo rispetto dell'ambiente e del paesaggio toscano.

Wein-PlusLa nuova cantina è già considerata unica in Italia. Oltre al fascino visivo e agli aspetti ecologici, cos'altro lo rende unico per l'Italia?

Albiera Antinori: Si potrebbe definire il tutto un'esperienza enogastronomica. Mostriamo ai visitatori in prima persona cosa c'è dietro i vini Antinori: dall'auditorium, dove vengono proiettati, tra l'altro, filmati sulla nostra produzione vinicola, al ristorante della cantina, dove i risultati possono essere gustati con la cucina regionale nel mezzo della campagna toscana, all'interno o all'aperto. Nel mezzo, un museo con arte d'avanguardia e antica, sale di degustazione, cantine barrique e un'enoteca.

Auditorium della nuova cantina (Foto: Antinori)

Wein-PlusCon tutti i successi della vostra storia di oltre 600 anni nell'attuale 26a generazione di viticoltori, ci sono anche delle sconfitte? Come sta andando il Sangiovese nei vostri vigneti californiani?

Albiera Antinori: Dovete chiedere al nostro responsabile della Tenuta Tignanello. L'altro giorno ha riassunto così bene il confronto tra i vigneti del Chianti e quelli della Napa Valley.

Wein-PlusOnorevole Carpaneto, prenda il suo posto.

Stefano Carpaneto: La California è difficile. Il Sangiovese non ha avuto un grande successo. Semplicemente non ha le stesse condizioni di qui, diventa molto scuro, ma alla fine manca di carattere, diventa troppo dolce. Il nostro Sangiovese californiano manca di equilibrio.

Stefano Carpaneto (Foto: E. Dülligen)

Wein-PlusQual è il motivo preciso?

Stefano Carpaneto: Innanzitutto perché la California ha terreni troppo ricchi. Il Sangiovese è una specie di diva come il Nebbiolo, ha bisogno di terreni poveri e asciutti. Il clima deve essere secco e le differenze di temperatura tra il giorno e la notte devono essere notevoli. La Napa Valley ha anche questo, ma - e qui sta un criterio decisivo - c'è una luce diversa. L'intensità è diversa. Qui abbiamo un livello di UV molto alto, soprattutto in luglio e agosto. Nei terreni californiani, il Cabernet Sauvignon funziona meglio. Nel Chianti, invece, il Cabernet "sangioves", cioè assume i tratti del Sangiovese grazie al clima e al terreno.

Wein-PlusChe cos'altro si può dire del classico vitigno del Chianti Classico?

Stefano Carpaneto: Nel vigneto dell'azienda "Tenuta Tignanello", ad esempio, il Sangiovese beneficia di speciali pietre bianche che abbiamo ruspato sotto il terreno per conservare il calore nella primavera più fresca, anticipare la maturazione e portarlo così a piena maturazione. E poi c'è l'eccellente esposizione a sud. Il lavoro di cantina, per citare un aspetto, comprende anche la diraspatura manuale. Così vediamo quando l'uva è ancora verde all'interno e la selezioniamo. Il risultato è un incredibile equilibrio della buccia dell'uva, che non è né troppo legnosa né troppo tannica, ma ha una bella mineralità.

Paesaggio vinicolo autunnale in Toscana (Foto: E. Dülligen)

Wein-PlusSignora Antinori, lontano dalla California e dal Chianti, la Cina è sulla bocca di tutti come un mercato d'esportazione appetibile. La vostra azienda lo ha già scoperto da sola?

Albiera Antinori: La Cina è un grande mercato e allo stesso tempo un buco nero. Tutto ciò che vi entra scompare al suo interno. Non è un paese tradizionalmente produttore di vino. Le abitudini e le pratiche di importazione e il modo di bere il vino sono completamente diversi rispetto al resto del mondo. Il mercato del consumo di vino è tutt'altro che trasparente. Sebbene il tasso di crescita dei consumi in Cina sia attualmente il più alto al mondo, le modalità di vendita del vino rimangono spesso oscure. Oltre ai canali tradizionali dei rivenditori specializzati, di internet, degli alberghi o dei ristoranti, molto vino va alla festa del popolo e alle grandi aziende.

Wein-PlusConsegnate già in Cina?

Albiera Antinori: Quest'anno siamo stati all'Expo di Hong Kong. Tra le altre cose, abbiamo conquistato un cliente cinese, un imprenditore che pensava che la sua azienda di 60.000 dipendenti fosse piccola. Inizialmente voleva 10.000 bottiglie. Gli abbiamo detto che non potevamo consegnare 10.000 bottiglie a causa delle quote assegnate. Ha detto: "Pagherò in anticipo". Gli abbiamo detto che non avrebbe fatto alcuna differenza. Naturalmente la Cina, con i suoi milioni di consumatori, è un'interessante piazza commerciale per Antinori. Parteciperemo all'Expo anche nel 2014.

Vista esterna della Nuova Cantina Antinori (Foto: Antinori)

Wein-PlusMa prima di questo, si parte per la ProWein. Alla fiera del vino di Düsseldorf avrete uno stand insieme a Primum Familiae Vini, un gruppo di interesse di dodici aziende vinicole che comprende, tra gli altri, Torres, Vega Sicilia, Egon Müller-Scharzhof e Pol Roger. Quali sono le prospettive?

Albiera Antinori: Piccola correzione: al momento siamo undici membri, "Ocean's Eleven", per così dire. (ride) Mondavi non è più membro dal 2004, cioè dall'acquisizione da parte di Constellation Brands, perché il PFV ammette solo aziende a conduzione familiare. I segnali per la ProWein sono buoni. Abbiamo già avuto un'ottima risposta a Hong Kong con questo concetto di marketing.

Wein-PlusCosa rende il concetto attraente?

Albiera Antinori: Il mix. Cantine familiari di fama mondiale che producono diversi stili di vino dalle migliori regioni vinicole del mondo si presentano in un unico stand. Il tutto è cresciuto, non è stato tirato fuori dal cilindro. Per anni ci siamo sempre incontrati a casa di un altro membro del PFV e poi abbiamo discusso di vino in modo molto rilassato. Abbiamo tutti più o meno gli stessi problemi e siamo fortemente legati gli uni agli altri, abbiamo gli stessi distributori in tutto il mondo. Naturalmente, in questi incontri nascono anche delle idee, come quella di presentarsi insieme alle fiere.

Cantina delle botti (Foto: Antinori)

Wein-PlusCome fa l'imprenditrice Albiera Antinori a riprendersi dallo stress della vita quotidiana?

Albiera Antinori: È difficile separare il mio lavoro dal mio piacere. È difficile non innamorarsi della viticoltura. Ma a volte non ci si rende conto di quanto si è intossicati. E il rischio di portare il lavoro a casa con sé, con la famiglia, è grande. Per ricaricare le batterie, vado nella mia seconda casa in Bulgaria il più spesso possibile. Lì ho un "medico telefonico" che risponde alle chiamate e mi copre le spalle.

Wein-PlusLei è anche un appassionato cavaliere e allevatore di cavalli. Anche questo può essere molto contemplativo...

Albiera Antinori: Sì, Allegra e io siamo amanti dei cavalli. Tuttavia, ho rinunciato ad allevare cavalli dal sangue caldo, perché è diventato troppo costoso. Invece, ora allevo una razza speciale di maiali. Per un prosciutto molto speciale. Cucinare è anche qualcosa che porta molto relax nella vita.

Wein-PlusGrazie per l'intervista.

Albiera% Piero% Allegra e Alessia Antinori nella nuova barricaia (Foto: Antinori)

Fatti su Antinori

La casa vinicola, che ha circa 600 anni, è una delle più rinomate in Toscana, se non in Italia. Da quando è subentrato nel 1966, il Marchese Piero Antinori ha contribuito massicciamente al cambiamento d'immagine dei vini toscani. Portò nelle sue tenute i migliori enologi e i migliori vitigni francesi, ricoltivò i vigneti incolti, avviò nuove procedure di cantina e strumentalizzò il suo sofisticato talento nel marketing. Per esempio, ha rispolverato la bottiglia di Chianti bulbosa e avvolta nella rafia, tipica fino agli anni Settanta, commercializzando i primi Super Tuscan. Contro l'attuale legge italiana sul vino, ha utilizzato varietà di uve come Cabernet Sauvignon, Merlot e Syrah per il suo vino rosso Tignanello e lo ha vinificato - anche questo contro la tradizione prevalente - in rovere francese. Con progetti come la modernissima "Nuova Cantina Antinori" o il concetto di Osteria, le sue figlie continuano lo spirito pionieristico del vecchio maestro.

La Cantina Antinori Marchesi nella Guida ai Vini

Related Magazine Articles

Mostra tutti

Eventi nelle tue vicinanze