wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

È uno dei viticoltori biodinamici più noti al mondo: Gérard Bertrand parla con il suo responsabile della biodinamica Gilles de Baudus in un'intervista di curiosità e impegno, della buccia vegetale dei loro vigneti e delle viti che sembrano piccoli alberi.

Il gruppo Gérard Bertrand in Linguadoca-Rossiglione è la più grande azienda vinicola al mondo che lavora in biodinamica. Nella regione meridionale della Francia, Gérard Bertrand possiede un totale di 17 cantine che coltivano 26 varietà di uve su oltre 850 ettari di vigneti e producono vini con dodici denominazioni di origine protetta. Il Languedoc-Roussillon è considerato una delle più grandi regioni vitivinicole biologiche del mondo: attualmente, circa 1.600 cantine lavorano in modo biologico o biodinamico su circa 25.000 ettari di vigneti. La regione offre le migliori condizioni per farlo: La posizione geografica, il clima mediterraneo caldo e ventilato e le numerose varietà di uva aiutano i viticoltori a ridurre al minimo le infezioni e le malattie.

In un'intervista con Werner Rüttgers, Gérard Bertrand, nato nel 1965, e Gilles de Baudus, responsabile della biodinamica, parlano del loro processo di apprendimento, durato più di 20 anni, e del loro lavoro in tempi di cambiamenti climatici.

Attualmente nel mondo del vino si discute molto se l'agricoltura biologica e la gestione biodinamica possano contribuire sufficientemente alla sostenibilità sulla scia dei cambiamenti climatici. Qual è la sua posizione?

Bertrand: Per me, biodinamica e sostenibilità sono strettamente legate. Entrambe hanno bisogno di un approccio e di una visione a lungo termine, di un processo che duri nel tempo. Nel 2002 abbiamo deciso di convertire la cantina Cigalus alle pratiche biodinamiche. La fase di conversione iniziata 20 anni fa continuerà per molti anni a venire.

Perché ci vuole così tanto tempo?

Bertrand: La biodinamica non consiste solo nel non utilizzare la chimica di sintesi, ma nel riportare la natura al centro dell'attenzione attraverso l'osservazione e l'interesse. È una mentalità di costante curiosità, di interesse per la natura e l'ambiente, non solo per la vite. È la ricerca dell'equilibrio.

© Gérard Bertrand

Attualmente possedete 16 cantine in Linguadoca-Rossiglione e a settembre di quest'anno ne avete aggiunta un'altra a Cahors. Come funziona questa ricerca su una scala così ampia?

Baudus: Abbiamo una scelta di 15 diversi fertilizzanti biodinamici per lavorare i vigneti. Ogni anno produciamo 2.000 tonnellate di letame di pecore, cavalli e bovini in cinque impianti di compostaggio. 460 ettari di vigneti sono coltivati a vegetazione, che si adatta al terreno e agisce come una pelle vegetale che protegge il suolo. In otto vigneti pascolano 960 pecore e tre vigneti sono gestiti da muli, per i quali ci sono tre addetti agli animali. Garantiamo la biodiversità nei vigneti con papaveri, ulivi e alveari.

Bertrand: La biodinamica è un'esperienza e una percezione umana. Riguarda il ciclo della vita. L'atteggiamento interiore e la dedizione dell'essere umano influenzano il modo in cui il vigneto e i preparati biodinamici utilizzano la loro energia.

La biodinamica è un impegno personale

Quali criteri utilizza per decidere quando e dove fare il lavoro? E come modificate questi requisiti, ad esempio per quanto riguarda il cambiamento climatico e il consumo di risorse?

Bertrand: La biodinamica, come la sostenibilità, richiede la responsabilità di tutti. Il filo conduttore è la dimensione sociale. Quando abbiamo iniziato eravamo solo io e Gilles de Baudus. Oggi ci sono 80 esperti e 350 dipendenti coinvolti in questa avventura umana. La conversione alla biodinamica significa imparare e reimparare. I nostri team hanno dovuto reimparare completamente a lavorare in vigna e in cantina per diventare 80 esperti di biodinamica. Significa mettersi costantemente in discussione, fare ulteriore formazione, migliorare continuamente. Ognuno ha dovuto fare il passo di imparare e implementare nuove pratiche rispettose dell'ambiente. Questo cambiamento ha richiesto la responsabilità di ciascuno dei miei collaboratori. È un impegno personale. Un vigneto è come un figlio che cresciamo per molti anni.

Baudus: Prepariamo i preparati biodinamici per tutti i vigneti in modo centralizzato, in una ex cantina appositamente adattata. Lavoriamo in modo molto preciso, perché il lavoro nei vigneti si basa sulle fasi lunari. Dopo ogni vendemmia, io e il mio team ci ritiriamo in isolamento per quindici giorni e analizziamo, sulla base del terreno, dell'uva e del vino giovane, come ogni singola parcella di vigneto ha reagito alle misure adottate nella stagione di crescita precedente, per poi determinare il trattamento per l'anno successivo.

Che importanza hanno le conseguenze del cambiamento climatico nelle vostre discussioni?

Baudus: Le piante possono adattarsi al loro ambiente e la biodinamica le aiuta a farlo. In termini pratici, questo ci dà un vantaggio molto significativo, anche per quanto riguarda il cambiamento climatico: la biodinamica aumenta di trenta volte l'attività, cioè la vitalità del suolo. Ciò significa che il nostro terreno è in grado di legare 30 volte più anidride carbonica rispetto a quello coltivato in modo convenzionale.

Alchimia tra innovazione, qualità e natura

Come si affrontano le fasi di estrema siccità?

© Gérard Bertrand

Baudus: La gestione biodinamica dei vigneti garantisce un equilibrio dei fluidi che permette di mantenere il verde anche in estati secche e molto calde. Le uve vengono raccolte a mano all'alba per preservare la freschezza derivante dall'abbassamento della temperatura durante la notte. Ogni singola parcella viene raccolta al momento ottimale e vinificata separatamente.

È sufficiente con queste temperature elevate?

Baudus: Osserviamo lo sviluppo molto da vicino. Un esempio: le viti dei vigneti intorno al nostro Château La Sauvageonne hanno circa 50 anni. Sono allevate con il sistema dei gobelet e quindi assomigliano a piccoli alberi. Una chioma di foglie protegge l'uva dalla forte luce solare diretta. Tuttavia, questo sistema di allevamento della vite è possibile solo con quattro varietà di uva: Carignan, Cinsault, Grenache Noir e Mourvèdre. Solo i loro tralci possono essere formati in posizione verticale, come è necessario per l'attuale protezione solare.

Bertrand: Diamo forma al nostro futuro creando un'alchimia tra innovazione, qualità eccellente e natura.

La vostra cantina Château l'Hospitalet è diventata un resort gastronomico e di benessere con molti turisti. Questo contribuisce davvero alla sostenibilità?

Bertrand: Il resort si trova in un luogo dove la natura è regina e dove la conservazione della biodiversità è la nostra priorità. Lo Château va oltre i requisiti della certificazione per preservare la biodiversità e l'intero ambiente del vigneto. Dal 2010, la tenuta è impegnata con la LPO (Ligue de Protection des Oiseaux - Associazione per la protezione degli uccelli) in un programma di azione per preservare la biodiversità nella nostra proprietà. La tenuta è anche coinvolta in "Safer Occitanie" per la protezione della fauna e della flora nell'area protetta del Massiccio della Clape. Nei vigneti sono state collocate diverse arnie. Per noi è importante proteggere gli insetti impollinatori e offrire loro buone condizioni di vita. A tal fine, abbiamo piantato siepi per le viti e conservato le risorse idriche. I tre ristoranti del resort puntano sulla sostenibilità e prediligono prodotti biologici. Le loro cucine coltivano la biodiversità e la stagionalità, affidandosi a produttori locali che sono diventati partner nel corso degli anni. Le nostre filiere corte si estendono dalla cucina al barattolo.

© Header foto: Marie Ormières

Per saperne di più:

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze