wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

L'Armenia vanta migliaia di anni di storia del vino, ma per la maggior parte degli amanti del vino è un punto vuoto sulla mappa. Eppure ci sono molti giovani viticoltori, vitigni autoctoni e vini entusiasmanti da scoprire. Anna Burghardt si è immersa nella cultura del vino armeno.

300 giorni di sole all'anno, 80% di montagne, circa 17.000 ettari di vigneti e oltre 400 varietà di uva: sono cifre impressionanti che danno un'idea della cultura del vino in Armenia. Probabilmente più importanti per la fiducia in se stesso del piccolo Stato caucasico, che confina con Georgia, Turchia, Iran e Azerbaigian, sono però i seguenti fatti: Nel 2007, gli archeologi hanno trovato prove di una cultura del vino risalente a circa 6.000 anni fa nella Grotta di Areni, non lontano dall'importante Monastero di Noravank nella Valle di Arpat. Qui sono stati scavati un torchio, recipienti di argilla per la fermentazione e l'abbeveraggio e semi d'uva. L'Armenia è quindi oggi considerata uno dei paesi vinicoli più antichi del mondo.

Spirito di ottimismo nell'industria del vino

In der Areni-Höhle wurden Zeugnisse der 6.100 Jahre alten armenischen Weinkultur gefunden. Nella Grotta di Areni sono state trovate prove della cultura del vino armena di 6.100 anni fa.

Il sito settore del vino, invece, un'interazione tra ricerca della qualità, distribuzione e marketing, è probabilmente giovane. Durante il regime sovietico, la Georgia era considerata il paese del vino per eccellenza - il paese sul Mar Nero era chiamato "la Toscana sovietica" - e i vini georgiani hanno da tempo conquistato il loro posto a livello internazionale. All'Armenia, tuttavia, era stato assegnato il ruolo di produttore di brandy dopo la fondazione dell'Unione Sovietica nel 1922. I viticoltori dovevano concentrarsi sulla coltivazione delle varietà particolarmente adatte alla produzione di brandy, tra cui Garan Dmak e Kangun. Non è stata prestata attenzione all'invecchiamento, alla conservazione e ad altre categorie.

Nel frattempo, l'Armenia è determinata ad attirare l'attenzione internazionale. La Vine and Wine Foundation, fondata nel 2016, si considera una forza trainante: vuole far conoscere all'estero le varietà autoctone più importanti come Areni, Haghtanak, Tozot e Voskeat, lavorare per una maggiore consapevolezza ecologica tra i viticoltori, inserire i vini armeni nei menu dei migliori ristoranti internazionali e incentivare il turismo del vino nelle cinque regioni vinicole del Paese. Presto ci sarà anche un negozio online tedesco dedicato esclusivamente ai vini armeni, il cui magazzino si trova a Berlino.

Vento di coda dall'estero

Die Weinberge der Old Bridge Winery liegen auf rund 1.300 Metern Höhe.I vigneti della Old Bridge Winery si trovano a un'altitudine di circa 1.300 metri.

A dare una spinta al settore sono anche gli impulsi provenienti dall'estero. Molti emigranti sono tornati nella loro vecchia patria dopo decenni di successo in Europa e oltreoceano e hanno investito in nuove aziende vinicole. I produttori di botti francesi danno lezioni ai loro colleghi armeni, finanziati congiuntamente da alcuni viticoltori che poi utilizzano queste botti caucasiche. Degno di nota è anche il coinvolgimento dell'americana Veronica Joy Rogov, che ha partecipato a un sensazionale pop-up gastronomico presso il ristorante Tsaghkunk, in una regione rurale in via di sviluppo, dove il danese Mads Refslund, veterano del Noma, ha approfondito la cultura culinaria armena. Insieme al direttore dell'Armenian Food Lab, ha esplorato la natura selvaggia degli ingredienti e ha costruito una rete di produttori. Rogov, formatosi in diversi ristoranti stellati americani, è stato incaricato di raccogliere i migliori e più interessanti vini dell'Armenia per accompagnare il suo menu temporaneo a base di kebab di zampa d'anatra, zuppa di granchio ai fiori secchi e gelato al lavash. Un compito difficile, come racconta Rogov: "Il networking dei viticoltori è moderatamente sviluppato, ho dovuto faticosamente farmi strada attraverso raccomandazioni in parte di colleghi stranieri e degli stessi viticoltori".

Inoltre, i vini naturali, che sono particolarmente importanti per il team di questo ristorante, non sono stati finora un grande problema in Armenia. L'antipasto fisso della lista del ristorante Tsaghkunk è quindi il neo-viticoltore Aaron Sedrick Rawlins, ex chef statunitense, che oggi produce vini naturali di alta classe da vitigni autoctoni in Armenia. Secondo Veronica Joy Rogov, anche gli spumanti di Keush sono di livello internazionale, "esclusivamente da varietà di uve locali e da vigneti a 1.750 metri di altitudine". Il Blanc de Blanc Extra Brut del team padre-figlia Keush, ad esempio, è composto da Voskeat e Khatouni, l'Extra Brut Rosé da uve Areni al 100%.

Varietà di culto con potenziale da star

Bei Trinity Canyon Vineyards setzt man auf naturnahe Weinproduktion. Links Besitzer Hovakim Saghatelian, rechts der verantwortliche Winzer Artem Parsegian.Presso Trinity Canyon Vineyards, la produzione di vino è vicina alla natura. A sinistra il proprietario Hovakim Saghatelian, a destra l'enologo responsabile Artem Parsegian.

Tra l'altro, non si può fare a meno della parola chiave Areni quando si parla di vino armeno. È considerata la star tra i vitigni. "Paragonabile al Pinot Nero, solo più colorato", così lo descrive Varuzhan Mouradian, proprietario della cantina Van Ardi nella provincia di Aragazotn, nell'Armenia occidentale, non lontano dalla capitale Yerevan. L'Areni merita di essere annoverato tra i vitigni nobili (cépages nobles), afferma. Mouradian è uno di quegli imprenditori che hanno fatto soldi all'estero e sono tornati in Armenia, nel suo caso con la moglie e i quattro figli. I suoi vigneti si trovano a un'altitudine di oltre 1.000 metri e sono stati piantati su un terreno vulcanico incolto. Grazie alla loro posizione, godono di giornate calde e notti fresche e sono coltivati in modo biologico. Da un campanile appositamente costruito, si ha una vista sull'Ararat, la montagna di culto degli armeni, anche se ora si trova in territorio turco. Qui le vigne ascoltano jazz e canti spirituali la domenica, e la sala di produzione è inondata di musica tranquilla ogni giorno. "La musica ha un effetto sui movimenti dell'acqua e l'acqua è abbondante nell'uva", afferma Mouradian con convinzione. Non lontano da Van Ardi, un'altra cantina con museo annesso si presenta più come una destinazione turistica: all'Armenia Wine hanno costruito un monumento alla vite con un'architettura monumentale color terracotta visibile da lontano.

Vini anfora e salsicce dolci

Ein Weingut mit monumentaler Architektur als Ausflugsziel: Armenia Wines.Una cantina dall'architettura monumentale come meta di un'escursione: Armenia Wines.

Ben diversa è l'azienda idiosincratica Trinity Canyon Vineyards, nella provincia di Wajoz Dsor, nel sud del Paese. Qui si lavora in parte in biodinamica e si produce Orange wines. Per la macerazione viene utilizzata la varietà di uva bianca Voskeat, tipica della regione, che in Armenia non è così comune come in Georgia. L'uva per il "Voskeat Ancestors" riposa per cinque mesi in karas, le anfore armene. Oltre agli aromi animali, sono chiaramente percepibili note di incenso. L'"Antenati Areni" 2018 è vinificato con uve Areni provenienti da viti centenarie che crescono a un'altitudine di 1.450 metri.

Anche questo vino è stato fermentato in caras interrate nel terreno. Il suo profilo aromatico con bacche nere e note pepate è simile a quello di un buon Gamay, afferma l'enologo responsabile, Artem Parsegian, che ha studiato a Montpellier e Geisenheim. Ciò che rende speciale la visita al Trinity Canyon Vineyards, oltre alla personalità eccentrica del proprietario Hovakim Saghatelian e ai vini espressivi, è la qualità del cibo servito per la degustazione: le salsicce dolci a base di noci e il succo d'uva addensato, che sono onnipresenti in Armenia, qui sono prodotti direttamente senza additivi come lo zucchero di conservazione. Il pane scuro, simile al pumpernickel, proviene dal loro forno e anche la carne di manzo conservata nel burro chiarificato è fatta in casa. L'azienda possiede anche l'enoteca In Vino di Yerevan, che sostiene di essere l'unica enoteca del Paese ad avere un'ampia selezione di vini armeni oltre a bottiglie italiane, austriache e di altri Paesi.

Sta emergendo una nuova cultura del vino

Varuzhan Mouradian hat nach Jahrzehnten in Kalifornien das Weingut Van Ardi gegründet.Varuzhan Mouradian ha fondato l'azienda vinicola Van Ardi dopo decenni trascorsi in California.

Parte dell'identità dell'Armenia di oggi è, non da ultimo, la bonifica di terreni su cui il vino non è mai cresciuto prima.

Van Ardi non è l'unico a poter cantare una canzone a riguardo, ma anche l'azienda vinicola di famiglia Old Bridge Vinery a Jeghegnadzor, sempre nella provincia meridionale di Vayoz Dzor.

Dal 1998, sulla riva destra del fiume Arpa, a un'altitudine di circa 1.300 metri, si coltivano principalmente i vitigni Areni, Voskeat e Kakhet. Il terreno: sabbioso, pietroso, desertico. Come la cultura del vino armeno, è stata letteralmente riportata in vita.

Anna Burghardt è giornalista gastronomica a Vienna. È vice caporedattore della rivista "Schaufenster" del quotidiano "Die Presse" e scrive anche per la "Frankfurter Allgemeine Zeitung", la "Neue Zürcher Zeitung" e "A la Carte".
Tutte le foto © David Egui

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze