wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Photo_51 copyIl secondo vino di Château Monbousquet porta il nome della figlia di Gérard Perse, il "bambino prodigio" di Parigi, che è venuto a Saint Emilion 25 anni fa per cambiare carriera e vi sta ancora facendo dei guai. L'ambizioso uomo d'affari - un tempo proprietario di una catena di supermercati - voleva diventare un produttore di vino e probabilmente aveva gli spiccioli necessari. Nel frattempo, possiede cinque rinomate tenute vinicole (forse già un'altra, chi lo sa con certezza?): Château Monbousquet - è stato il suo primo acquisto -, cinque anni dopo Château Pavie, i cui vini sono ora più che decuplicati (prezzo di sottoscrizione da 200 franchi), Château Pavie-Decesse, Château La Clussière, che non esiste più perché è stato integrato in Château Pavie, Clos les Lunelles (Castillon). Monbousquet non può essere paragonato a Pavie (né per il prezzo né per la qualità), ma Monbousquet non può negare il vino-intento di Gérard Perse: estremamente denso, ricco, fruttato, speziato. Anche il secondo vino (per lo più da viti più giovani) è così?Saint Emilion

Questa è la prima volta che l'ho avuto nel mio bicchiere - e probabilmente l'ultima volta, perché questo vino non sarà più disponibile. Una parte di Château Monbousquet è stata venduta e le uve da cui è stata fatta Angélique andranno ora in "Esprit de Pavie", il secondo vino di Pavie. Questo non solo rende più facile la commercializzazione, ma aiuta anche ad aggirare le complicate leggi sull'eredità in Francia, quando possibile.

Il vino - lo ammetto - non mi ha entusiasmato molto. Pulito, piacevole, anche un po' educato, senza alcun carattere speciale, senza gli aromi densi che si trovano nel primo vino. Per venti franchi (è quanto costa il vino), si possono trovare vini migliori ovunque - anche a Bordeaux - ma difficilmente si trovano vini con un nome più illustre. Il bouquet altrimenti così espansivo dei vini Perse qui non è nemmeno rudimentale. Da qualche parte mi sono imbattuto in esso - accompagnato da caratteri cinesi - sotto il titolo "Everyday Bordeaux". Ovviamente, è (o era) rivolto a un mercato che ha poco a che fare con Bordeaux - soprattutto con i Grand Cru Bordeaux - ma piuttosto con il suo buon nome. In ogni caso, la mia vita quotidiana con il vino sembra diversa, ha molto più gusto e anche molta più passione.

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze