wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Prof. John Hanf La parola d'ordine "nudging" è attualmente una delle grandi tendenze tra i professionisti del marketing. Jon Hanf, professore di International Marketing Management all'Università di Geisenheim, spiega cosa significa, come le cantine possono usarlo e che ruolo gioca il turismo in questo.

Siamo costantemente influenzati: fai questo, compra quello, se ordini quello, ti renderà felice. Non sempre notiamo i piccoli incentivi - o ci abituiamo così tanto che la soglia di stimolo diventa sempre più alta. Negli ultimi anni, il termine "nudging", che proviene dall'economia comportamentale, ha trovato la sua strada nel marketing e nella ricerca sui consumatori. Il nudging è un metodo per influenzare il comportamento delle persone senza comandamenti o divieti, ma con incentivi. In questo modo, le azioni inconsce sono incoraggiate senza che il destinatario sia consapevole di essere diretto. Due esempi sono il posizionamento di cibo sano e frutta all'altezza degli occhi per aumentare il loro consumo - o l'immagine di una mosca bloccata negli orinatoi per meglio "bersagliare" e quindi ridurre la necessità di pulizia.