wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

La quota del commercio elettronico nel commercio al dettaglio è in aumento anche su settore del vino. Non c'è quasi nessun commerciante o viticoltore che non utilizzi questo canale di vendita per se stesso, sia per accedere a nuovi gruppi di clienti sia per avere un modo semplice di riordinare i clienti esistenti. Tuttavia, su Internet non ci si trova di fronte a pochi, ma a molte migliaia di concorrenti. E, per quanto ci si possa rammaricare, la concorrenza significa sempre pressione sui prezzi. Per quanto si cerchi di enfatizzare le altre caratteristiche, alla fine è il prezzo che conta.

Attenzione alle trappole dei costi

Il motto è quindi ridurre i costi e aumentare l'efficienza. Tuttavia, ci sono molte insidie inaspettate di cui bisogna essere consapevoli nella vendita di vino online. È irrealistico e anche inutile evitarli completamente, ma è importante ottenere vantaggi decisivi rispetto alla concorrenza!

Poiché noi di wein.plus lavoriamo intensamente da 20 anni per sviluppare soluzioni e assistenza per i nostri membri Premium, conosco molto bene queste insidie e in molti casi possiamo anche offrire soluzioni ai nostri membri. Tuttavia, le seguenti informazioni si applicano senza limitazioni solo ai commercianti di vino e ai viticoltori con sede in Germania.

1 Spedizione troppo costosa

Viziati da Amazon & Co, i clienti oggi si aspettano la spedizione gratuita, almeno al di sopra di una certa quantità di ordini. Il semplice trasferimento delle spese di spedizione sostenute non funziona nella concorrenza su Internet. La ricerca di uno spedizioniere a basso costo è quindi fondamentale. Come combattente solitario, tuttavia, avete poco potere negoziale nei confronti di DHL, UPS e Co. È qui che la grande comunità di oltre 2000 membri Business Premium di wein.plus può aiutarvi. Questa comunità spedisce circa 1 milione di cartoni di vino all'anno e può quindi ottenere notevoli riduzioni di prezzo. Il partner di wein.plus è UPS, che si distingue anche per un tasso di rottura molto basso (particolarmente importante nel settore vinicolo) e un'elevata affidabilità. Non guadagniamo un centesimo, ma trasferiamo le condizioni 1:1 ai membri.

Chi non partecipa rischia il primo importante svantaggio di costo nella competizione.

2 Scatole di spedizione troppo costose

La seconda componente di costo che viene sostenuta per ogni ordine via Internet è il cartone di spedizione. Il prezzo dei cartoni per spedizioni certificati varia in modo significativo a seconda del fornitore; in questo caso potete risparmiare molto acquistando a basso costo.

Noi, ovvero la comunità dei membri Business Premium di wein.plus, dopo un'elaborata analisi di mercato e una lunga selezione preliminare, abbiamo concluso un accordo con un produttore di imballaggi in cartone ondulato, abbiamo sviluppato le nostre scatole e le abbiamo fatte certificare da UPS. Grazie al volume di acquisti molto elevato della comunità (si ipotizza una cifra molto alta a sei cifre all'anno), questo è stato molto favorevole. Poiché il produttore dispone di un proprio magazzino a scaffale alto e di un proprio reparto spedizioni, non c'è il classico intermediario. Gli ordini vengono gestiti in stretta collaborazione con wein.plus. wein.plus rinuncia anche in questo caso al proprio margine: di conseguenza, i prezzi dei cartoni ottenuti sono imbattibilmente bassi.

3 Cartoni di spedizione non certificati

Il vino è per sua natura un articolo particolarmente fragile da spedire. È quindi purtroppo inevitabile che una o l'altra spedizione si rompa durante il trasporto. Questo è molto fastidioso per il cliente perché la spedizione non arriva come previsto. Ma può essere ancora più fastidioso per voi se vi ritrovate a dover sostenere i costi dei vostri vini.

Anche se la spedizione con i soliti fornitori di servizi (UPS, DHL,...) è assicurata, i costi non sono coperti se la scatola di spedizione non è espressamente certificata dal mittente. Per alcuni spedizionieri (ad esempio DHL), questa certificazione è valida solo per un singolo Paese. In caso di spedizione in altri paesi, viene quindi effettuato un rifiuto nonostante le scatole siano certificate esclusivamente per la Germania, ad esempio!

Ancora peggio: se altri pacchi vengono danneggiati da una scatola non certificata, c'è anche la minaccia di ulteriori costi conseguenti.

Con UPS, il tasso di rottura è molto basso; se succede qualcosa, la certificazione e quindi l'assicurazione sono valide in tutta Europa. Questo è uno dei motivi per cui raccomandiamo UPS come spedizioniere e, naturalmente, solo l'uso di cartoni certificati.

4 Mancanza di certificazione biologica

In Germania, ogni commerciante di vino che spedisce vino e ha almeno un vino biologico nel suo assortimento deve ottenere una certificazione biologica annuale secondo il regolamento biologico dell'UE. I costi per questo ammontano a diverse centinaia di euro all'anno, a seconda dell'organismo di certificazione.

La certificazione è necessaria indipendentemente dal fatto che si pubblicizzi la dicitura "biologico". È sufficiente che uno dei vostri vini sia indicato come biologico sull'etichetta. Se non avete la certificazione, potreste incorrere in multe da parte delle autorità e di diffida ad adempiere, che possono rovinare i vostri calcoli molto rapidamente.

Anche in questo caso, wein.plus ha raggiunto un accordo con un ente di certificazione in base al quale quest'ultimo ci trasferisce i costi risparmiati dalla struttura omogenea dei membri Business Premium di wein.plus sotto forma di un prezzo molto favorevole.

5 Violazione della legge sugli imballaggi

Da diversi anni, il "primo distributore" di imballaggi è obbligato a pagare un corrispettivo a un sistema duale per lo smaltimento da parte del consumatore finale. A partire dall'1.1.2019, il decreto sugli imballaggi è stato sostituito dalla legge sugli imballaggi, che prevede possibilità di controllo molto ampie da parte delle autorità e dei concorrenti. In un registro pubblico, tutti possono ora verificare se state rispettando i vostri obblighi. In caso contrario, potreste essere soggetti a multe e avvertimenti.

6 diffida ad adempiere e o multe

Il nuovo sito web è pronto e potete iniziare a vendere vino. Purtroppo, però, viviamo in un sistema legale che rende possibile diffida ad adempiere da parte dei (cosiddetti) concorrenti anche per le violazioni più piccole. In quanto profani del diritto, di solito non siamo in grado di riconoscerli e di adattare costantemente il nostro sito web alle mutevoli condizioni del quadro giuridico.

È un segreto aperto che molte associazioni di diffida controllano regolarmente i nostri siti web per verificare la presenza di violazioni legali utilizzando robot automatici, cosicché dopo una modifica della legge o nel caso di nuovi siti web, spesso bastano pochi giorni prima che un costoso diffida ad adempiere svolazzi in casa.

Un campo molto frequentato è, ad esempio, il "Food Information Act", che ha portato molti nuovi obblighi per i fornitori di vino. Ma anche la legge sulla concorrenza, il regolamento sulla protezione dei dati di base, la legge tedesca sui media telematici (TMG), il regolamento sugli obblighi di informazione sui servizi, la legge sulla stampa e altre leggi comportano molti rischi.

A seguito di una sentenza del Tribunale regionale di Bochum del 23 gennaio 2019, il tema della verifica dell'età di acquirenti e destinatari nell'ambito della legge sulla tutela dei minori è molto attuale.

Quindi lasciate che un avvocato vi aiuti prima che il vostro sito web venga messo online. Per non incidere troppo sul vostro budget, abbiamo negoziato per voi un convenzione con un avvocato specializzato in diritto online nel settore del vino.

7 Inadempienze di pagamento

Il vino è stato consegnato e ora arrivano i soldi. È così che dovrebbe essere, e per fortuna di solito è così, ad esempio se nel processo di ordinazione vengono utilizzate procedure di pagamento sicure e il denaro è quindi al sicuro prima che la merce lasci la vostra casa.

Tuttavia, spesso è inevitabile consegnare un acconto. La fattura è ancora il metodo di pagamento preferito dai tedeschi e non vogliamo sempre fare a meno di questi clienti. Ma gli addebiti diretti possono essere revocati dal cliente entro 8 settimane senza alcuna giustificazione, quindi anche questi fondi non sono del tutto sicuri.

I mancati pagamenti sono doppiamente fastidiosi. Non volete e non potete fare a meno del denaro per le merci spedite, ma anche l'assunzione di un avvocato o di un'agenzia di recupero crediti non è priva di problemi. Se il cliente è decisamente insolvente, invece del denaro si riceve la fattura dell'agenzia di recupero crediti o dell'avvocato.

In collaborazione con un'agenzia di recupero crediti, abbiamo elaborato per i nostri soci una soluzione che consente di non sostenere alcun costo in caso di crediti irrecuperabili!

8 Pubblicità troppo costosa o assenza di pubblicità

Come faccio a conquistare nuovi clienti? Internet ha le sue leggi. È possibile prenotare banner, utilizzare la pubblicità sui motori di ricerca o acquistare pubblicità su marketplace come Amazon o eBay. Alla fine, si tratta sempre di capire quanto sforzo pubblicitario si è investito per cliente e per euro di fatturato. Questo può costare rapidamente l'intero fatturato o anche di più. Quindi fate attenzione a quali misure commissionate. Ma naturalmente anche "niente pubblicità" non è una soluzione. È quindi necessario trovare misure efficienti ed efficaci.

La ricerca su Google è praticamente gratuita. Il prerequisito più importante è la cosiddetta rilevanza dei link, ovvero la presenza di molti link qualificati da siti web di vino che rimandano al vostro sito. In qualità di membro Premium Business, riceverete automaticamente molti link di valore che vi porteranno molti clic aggiuntivi e una maggiore rilevanza del link.

9 Voler fare tutto da soli

Cosa c'è di più utile e conveniente nel mondo degli affari dei consigli di colleghi con cui si è praticamente sulla stessa barca? Una comunità forte aiuta, assicura che si evitino gli errori e permette di trarre profitto dall'esperienza. La comunità dei membri Business Premium ha formato uno speciale gruppo chiuso su Facebook, al quale potete accedere solo come membri Premium Business.

10 Pagamento errato dell'IVA per le consegne all'estero

Vendete vino all'estero? E a chi pagate l'imposta sulle vendite per queste vendite? Speriamo non all'ufficio delle imposte tedesco, perché sarebbe fiscalmente scorretto. E questo è diverso per il vino rispetto alla maggior parte degli altri beni - fin dal primo euro di fatturato, poiché la cosiddetta "soglia di consegna" per le bevande alcoliche è pari a zero. Vi invitiamo a discuterne con il vostro consulente fiscale. Altrimenti, in caso di controlli fiscali, si rischia di incorrere in un considerevole pagamento aggiuntivo dell'IVA non correttamente versata.

Panoramica delle formalità doganali e fiscali per le consegne di vino all'estero

Possiamo aiutarvi

Volete vendere vino su Internet e aumentare la vostra competitività? Noi, la comunità di tutti i membri dell'azienda e naturalmente il team di wein.plus, siamo felici di aiutarvi. Contattateci. Nel già citato Gruppo Facebook o via e-mail a me personalmente: graafmann@wein-plus.eu

More related Magazine Articles

Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze