wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Non è facile controllare e garantire l'origine di una piccola zona di origine come Franciacorta, Montefalco Sagrantino, Taurasi, Gattinara o Ghemme. Con le aree DOCG più grandi come Barolo, Montalcino o Chianti Classico, un controllo efficiente è ancora più difficile da ottenere e la favolosa "garanzia" di origine è quasi un'esagerazione.

Il controllo dell'origine nelle circostanze attuali è una pura impossibilità in aree viticole molto grandi come il Chianti. Affermare addirittura che l'origine del Chianti è "garantita" - come si fa con l'etichetta DOCG - rasenta l'etichettatura fraudolenta.

L'introduzione della DOCG era già un atto incomprensibile per i non italiani. Secondo la legge italiana, ci sono denominazioni d'origine controllata garantite e "non garantite" dal 1980. Cercare di spiegare la differenza logica tra "controllato" e "controllato & garantito", però, ha portato in profondità nelle contraddizioni della dialettica amministrativa italiana e dovrebbe essere meglio evitato dagli amanti di questo bel paese.
Se si chiede a un funzionario la differenza tra la DOC e la DOCG, cioè un'origine con "G" e una senza "G", si cita la legge. Si spiega che per il DOC tali e tali controlli, per il DOCG tali, tali e ulteriori controlli sono prescritti.

Chiunque sia abbastanza ingenuo si accontenterà di questa risposta e si asterrà dal porre la domanda successiva: "I controlli previsti dalla legge sono effettivamente eseguiti? Non sentirà quindi le seguenti risposte: "Purtroppo solo in parte, i decreti attuativi necessari non sono ancora stati emessi le commissioni di degustazione presso le camere di commercio previste dalla legge esistono solo in parte abbiamo troppo pochi mezzi e persone per i controlli sistematici la legge non ci permette di controllare i non soci, ecc.
Nel caso delle grandi zone DOCG, non si può parlare oggi di garanzia d'origine. Se un'organizzazione di consumatori denunciasse i produttori del Chianti per etichettatura fraudolenta - l'indicazione "origine garantita" sulle etichette dei loro vini è dimostrabilmente un'affermazione falsa - potrebbe far vacillare il sistema delle DOC.

Chi, come Merum, crede nell'importanza fondamentale delle denominazioni d'origine deve trovare nel Chianti DOCG una spina nel fianco. Onorare il Chianti con la DOCG all'epoca si sta rivelando uno dei più grandi errori nella ricerca di una maggiore garanzia di origine e credibilità per il vino italiano di qualità.

Mentre gli organismi di controllo danno un contributo prezioso all'individuazione delle contraffazioni di vino e all'arresto dei truffatori, troppo poco viene fatto per prevenire le frodi. I controlli vengono effettuati solo a caso o sulla base di sospetti concreti, e non si presta sufficiente attenzione alla prevenzione.

In Italia, tutta una serie di autorità e istituzioni sono incaricate di compiti di controllo del vino. C'è la Repressione Frodi del Ministero dell'Agricoltura, il Nucleo Antisofisticazione (unità speciale dei Carbinieri per la prevenzione della contraffazione), la Guardia di Finanza, la USL, i consorzi di tutela e - dove presenti - gli uffici regionali di controllo. Tuttavia, queste agenzie lavorano indipendentemente - e di solito non coordinate - l'una dall'altra.

Le Camere di Commercio vigilano sui vini DOC/DOCG per conto del Ministero dell'Agricoltura, tengono i relativi registri, sono responsabili del controllo ufficiale della qualità (analisi e degustazione) dei vini DOC/DOCG e sono destinatari delle dichiarazioni di raccolto dei produttori. Sono anche obbligati a creare una commissione interprofessionale in assenza di un consorzio di protezione per una determinata denominazione. Ma le camere di commercio non contribuiscono al controllo molto più dei servizi burocratici e statistici.
Il contributo delle Camere di Commercio al controllo del vino è insoddisfacente per un vino nella situazione del Chianti. Non una, ma sei camere di commercio hanno il compito di rilasciare strisce di controllo DOCG ai produttori e alle case commerciali sulla base delle dichiarazioni di raccolto o delle bolle di consegna e delle fatture. Il Chianti è prodotto in sei province della Toscana - Firenze, Siena, Arezzo, Prato, Pistoia e Pisa - e la produzione deve essere registrata da sei diverse camere di commercio, sei enti sono quindi responsabili di emettere contemporaneamente i sigilli di controllo. E a giudicare dagli ultimi eventi, non sembra esserci un controllo coordinato sul numero totale di strisce emesse.

Nessuno in Italia ha il mandato e la competenza per monitorare un intero territorio DOC/DOCG, la vinificazione e la commercializzazione del vino DOC/DOCG corrispondente. Nessuna autorità ha la possibilità di impedire sistematicamente la contraffazione.

Un altro problema irrisolto è la mancanza di registri di imbottigliamento per le denominazioni. Anche per il Chianti non esiste un registro ufficiale delle cantine di commercializzazione. Nelle sei province produttrici di Chianti della Toscana, sono registrati circa 5000 imbottigliatori, il consorzio stima che circa 2000 di loro imbottigliano Chianti DOCG. Inoltre, ci sono imbottigliatori di Chianti fuori dalla Toscana.

È del tutto incomprensibile che non siano stati ancora approvati tutti i regolamenti di applicazione, essenziali per il funzionamento della legge sul vino, che ha esattamente dieci anni. Tra l'altro, anche se richiesto dalla legge, non esistono ancora registri ufficiali per gli imbottigliatori delle singole DOC/DOCG.

L'attuale sistema di controllo del vino italiano sembra essere un grande puzzle, con pochi pezzi che si incastrano l'uno nell'altro, molti si sovrappongono e molti mancano.
Contrariamente all'opinione prevalente, i consorzi di protezione non sono nemmeno legalmente autorizzati a fare più di qualsiasi altro club privato: i membri del club possono essere perquisiti, i non membri possono fare quello che vogliono. Le visite in cantina e le ispezioni in vigna da parte degli ispettori del consorzio sono consentite solo ai membri.

Ma il controllo e la garanzia di origine e quindi la prevenzione della contraffazione iniziano nel vigneto. Chi deve garantire l'origine del Chianti dovrebbe sapere quanto vino è in grado di produrre ogni singolo vigneto. Avrebbe dovuto conoscere il reale potenziale di tutti i vigneti del Chianti ed essere in grado di registrare questo potenziale in un database. Dovrebbe confrontare le dichiarazioni di produzione individuali dei viticoltori con questo database e, inoltre, preoccuparsi che ogni lotto di Chianti DOCG venduto possa essere rintracciato fino alla cantina del torchio attraverso i certificati di origine. Solo quando sarà garantito che i sigilli DOCG siano rilasciati esclusivamente a fronte di tali certificati d'origine, si potrà parlare di garanzia d'origine.

Un barlume di speranzaall'orizzonte
Un barlume di speranza per la credibilità del controllo del vino italiano è portato da un decreto del ministro dell'agricoltura dell'ultimo governo. Vuole mettere i consorzi in condizione di controllare sistematicamente e completamente tutta la produzione DOC, dalla vigna allo scaffale, dal più grande imbottigliatore al più piccolo viticoltore, che siano membri del consorzio o no.
Un consorzio può allora ricevere la funzione di controllo pubblico se i suoi membri rappresentano più di due terzi della produzione.

Tuttavia, questo non è ancora successo. La resistenza interna nell'italiano settore del vino è grande: non tutti quelli che hanno qualcosa da dire sono incantati dal rafforzamento del ruolo dei consorzi e da controlli più efficienti. Nessun consorzio ha ancora ricevuto la supervisione generale della sua denominazione. Ma come si dice in Italia: "La speranza è l'ultima a morire", "la speranza muore per ultima".

L'articolo di cui sopra ci è stato gentilmente messo a disposizione dalla redazione di Merum. Molte grazie per questo.

Related Magazine Articles

View All
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze