wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Il villaggio vinicolo altoatesino di Appiano è sinonimo di classici tradizionali - e di vini innovativi fatti con varietà Piwi.
Roland Brunner ha visitato per noi i produttori più importanti.

Nel paese vinicolo di Appiano, a sud di Bolzano, ci sono solo pochi produttori autocommercializzati rispetto al vicino comune di Caldaro. Tuttavia, queste poche aziende producono una grande varietà di vini individuali e allo stesso tempo tradizionali. È importante scoprire i classici altoatesini come il Pinot bianco e il Pinot nero, che possono esprimere il loro carattere elegante soprattutto nei siti di vigneti alti del paese. Ma anche i nuovi vini fatti con varietà Piwi come Bronner, Solaris o Souvignier gris sono convincenti.

Cantina Abraham

Martin e Marlies Abraham / Udo Bernhart, Alexander Gantioler (sotto)

Info sul produttore

Cantina Abraham
Indirizzo: Maderneid 29
Maderneid 29
39057 Eppan an der Weinstraße

Tel.fax +39 0471 664192
E-mail
Sito web

Vendita e degustazione di vini su appuntamento.

L'upupa è una creatura con molte sfaccettature. Con l'impressionante decorazione di piume sulla sua testa, ricorda un po' un indiano. Una volta era un ospite gradito nei vigneti. Non è interessato alla frutta matura, come la maggior parte degli altri uccelli, ma decima i parassiti con il suo lungo becco. Con il crescente uso di pesticidi, tuttavia, è diventato sempre più raro. Nei vigneti di Marlies e Martin Abraham, tuttavia, si è presentato di tanto in tanto. Non deve aver paura di non trovare cibo, perché qui non si usano prodotti chimici. Poiché si sentiva così a suo agio con gli Abraham, essi ne fecero rapidamente il simbolo che adorna le loro etichette di vino.

Volontà, forza e gioia nelle proprie azioni sono le caratteristiche della giovane coppia di viticoltori. Nel 2011, hanno iniziato a lavorare le loro uve da soli. "Siamo sempre stati affascinati dai vini profondi. I nostri vigneti hanno una struttura del suolo interessante e viti molto vecchie. Così abbiamo pensato di produrre noi stessi questi vini invece di consegnare l'uva alla cooperativa. Abbiamo voluto fare vini complessi che sono modellati dai nostri terreni e quindi non arbitrariamente intercambiabili. Vini che hanno bisogno di tempo - e che costano anche un po' di più". Gli Abraham hanno avuto la fortuna dei coraggiosi e degli audaci. L'interesse per i loro vini è cresciuto sempre di più, tanto che la domanda ora supera l'offerta.

Il senso della tradizione è evidente nella selezione delle varietà: Pinot bianco, Gewürztraminer, Vernatsch e Pinot nero. I vini sperimentali prendono il nome dall'upupa (italiano: Upupa). Il vino rosso è fatto principalmente con uve Vernatsch da vecchie viti che maturano sulla vite il più a lungo possibile. Secondo il tradizionale "Eppaner Verschnitt", c'è anche del Pinot Nero. Il Gewürztraminer, fermentato spontaneamente con il mosto e affinato in botti di legno usate, non è solo aromatico, speziato, ma anche molto secco. Con bordi ruvidi. Le selezioni di Pinot Bianco "Låmm" e "Vom Muschelkalk" esprimono ciascuna le caratteristiche specifiche di questi siti di Girlan e St. Il Pinot Noir sprona gli Abraham più di tutti. "Non vogliamo potenza, colore, calore e opulenza, ma eleganza, finezza, lunghezza e salinità", dicono. La vinificazione è quindi purista, con fermentazione spontanea nel tino di ammostamento, seguita da un lento invecchiamento in tonneaux di rovere. In anni speciali, ci sono selezioni "Abraham Art" di Pinot Bianco e Pinot Nero. Si tratta di crescite rare di cui vengono prodotte al massimo 600-800 bottiglie.

I vini della cantina Abraham nel
Recensioni divini da wein.plus

Josef Brigl

Josef Brigl / Cantina Josef Brigl

Info sul produttore

Cantina Josef Brigl
Indirizzo:
RMaria-Rast-Weg 3
I-39057 Appiano sulla strada del vino

Tel.: +39 0471 662419
E-mail
Sito web

Vendite dirette:
Tutti i giorni tranne la domenica dalle 08:00-12:00 e 14:00-18:00.

La cantina Josef Brigl è stata fondata nel 1309, il che la rende la più antica cantina dell'Alto Adige. La cantina è impegnata in questa tradizione, ed è per questo che l'anno di fondazione è enfatizzato sull'etichetta di nuova concezione. Il classico altoatesino Vernatsch è tenuto in grande considerazione a Brigl. "Non solo perché appartiene semplicemente all'Alto Adige - proprio come il nostro mondo di montagna - ma perché è un vino perfetto per oggi", dice Siegfried Prader, direttore operativo della cantina. "È fine e delicato, si sposa bene con quasi tutti i piatti, ha una gradazione alcolica piuttosto moderata e un alto valore di riconoscimento. Ecco perché avrà sempre un posto speciale per noi".

La gamma si divide in Linea Classica, Linea Cortile e Linea Master. Il primo offre vini bianchi, rossi e rosati che puntano sulla freschezza e sul carattere tipico del vitigno. Nella linea Höfe, che con l'eccezione del St. Magdalener 'Rielerhof' è composta da vini monovarietali, vengono messe in evidenza le caratteristiche che le varietà sviluppano nei siti più adatti. Le migliori uve dell'azienda vengono vinificate nella linea master composta da tre vini - Chardonnay, Blauburgunder e Lagrein.

Le aziende da cui provengono le uve per la linea omonima sono state rilevate dalle nipoti Elisabeth (Ansitz Windegg a Caldaro) e Monika (Rielerhof a St. Magdalena e Haslhof a Girlan) dopo la morte del capo anziano Ignaz Brigl nel 2013. A Caldaro, oltre al Vernatsch, si coltivano Pinot Grigio, Gewürztraminer, Merlot e Cabernet. Al Rielerhof producono St. Magdalener, Sauvignon Blanc, Riesling e la specialità di vino da dessert Rosenmuskateller, e all'Haslhof di Girlan, oltre al Pinot Bianco e al Pinot Nero, producono anche dell'Edelvernatsch.

I vini della cantina Josef Brigl nella
recensioni divini da wein.plus

Castello di Englar - Johannes Khuen-Belasi

Conte Johannes Khuen-Belasi (r.) / Khuen-Belasi

Info sul produttore

Castello di Englar
Indirizzo:
Pigenò 42
39057 Appiano sulla Strada del Vino

Tel.: +39 0471 671854
E-mail
Sito web

Degustazione di vini e vendita in fattoria su preavviso
Escursione didattica sul miele seguita da una degustazione
Prezzi delle camere a partire da 240 euro

Visibile da lontano, il castello di Englar domina i vigneti di Pigenò, una frazione di Appiano, e le sue dimensioni sono impressionanti. Una volta arrivati, però, la sensazione si dissolve rapidamente nel benessere. Polli, anatre e oche cavalcano nel cortile della tenuta di 600 anni. Nei vigneti adiacenti, si incontrano cavalli, asini, conigli e altri animali. Il ronzio delle api in sottofondo rende perfetta l'atmosfera di una fattoria intatta. Questa combinazione di proprietà storica di lusso e natura è molto importante per il proprietario, il conte Johannes Khuen-Belasi. "Abbiamo una lunga storia che ha lasciato dietro di sé un'architettura impressionante così come preziosi tesori d'arte, e siamo parte della natura".

Questo è evidente anche nel modo in cui vengono coltivate le viti. Khuen-Belasi attribuisce grande importanza alla coltivazione naturale. Nessun prodotto chimico è stato usato nei vigneti per anni. La coltivazione biologica praticata per convinzione personale sarà confermata ufficialmente con la certificazione biologica ufficiale dal 2023. In cantina, i vini sono trattati delicatamente. Anche le correzioni con mezzi artificiali non sono necessarie perché i vini hanno tutto il tempo di maturare. I vini bianchi, per esempio, sono messi in vendita al più presto dopo due anni e i vini rossi dopo tre o quattro anni. Anche il Vernatsch, che altrove è solitamente disponibile in primavera dopo il raccolto.

"I nostri siti alti con i loro suoli di ghiaia calcarea e porfido e le viti in parte molto vecchie producono vini complessi. Hanno bisogno di tempo per svilupparsi. Sono trattati di conseguenza in cantina. Tutti i vini maturano per un certo tempo in botti di legno di diverse dimensioni, a seconda della varietà".

Chiunque pensi che i vini di Schloss Englar siano potenti e pesanti si sbaglia. Tutti i vini affascinano con il loro frutto fine e delicato e il loro carattere animato. Si producono le varietà classiche dell'Alto Adige: Pinot Bianco, Sauvignon Blanc, Chardonnay, Gewürztraminer, Vernatsch e Pinot Nero, oltre al Riesling, che qui è piuttosto raro.

Fino al 2012, le uve sono state vendute alla cooperativa locale. Da allora, Johannes Khuen-Belasi, insieme al suo giovane maestro di cantina Johannes Pichler, è riuscito a produrre alcuni dei vini più interessanti della regione in crescita. Tre premi con il wein.plus-heart (il simbolo per i vini più fini e interessanti nel loro stile, categoria e fascia di prezzo) in tre anni, così come essere nominato "Scoperta dell'anno 2018"' sono una prova impressionante di questo.

I vini di Schloss Englar nel
Recensioni divini da wein.plus

Thomas Niedermayr - Hof Gandberg

Thomas Niedermayr / Thomas Niedermayr

Info sul produttore

Thomas Niedermayr - Fattoria Gandberg
Indirizzo:
Schulthauserweg 1
I-39057 Appiano sulla Strada del Vino

Tel.: +39 0471 664 152
E-mail
Sito web

Vendita diretta:
su appuntamento

Thomas Niedermayr chiama i suoi vini "i vini del futuro". Per lui, il futuro significa vini di alta qualità prodotti senza spray. Ecco perché si affida esclusivamente a varietà resistenti ai funghi (Piwis). Le basi per i "vini del futuro" sono state gettate più di 30 anni fa da suo padre Rudolf. Si occupava di queste varietà in un'epoca in cui molte persone non sapevano nemmeno cosa fossero. Thomas è responsabile della cantina dal 2013 e continua questo lavoro con la radicalità ereditata da suo padre.

A volte lo faceva in modo così radicale che portava perle di sudore sulla fronte di Rudolf Niedermayr. Per esempio, quando suo figlio ha usato lo zolfo per stabilizzare il vino, si è spinto così in basso che non avrebbe mai osato fare lui stesso in passato. O quando non è intervenuto in un vino in cui la fermentazione non stava semplicemente progredendo, ma si è affidato al corso naturale delle cose con molta fiducia e pazienza.

"Il mio obiettivo è quello di produrre vini che siano caratterizzati da profondità, tensione, raffinatezza e complessità", dice Thomas Niedermayr. La longevità dei suoi vini è impressionante, sia in termini di capacità di maturazione in bottiglia che una volta aperti.

Oggi Niedermayr produce i vini Freistil, Summ³, Bronner, Solaris, Souvignier gris, il bianco Cuvée Sonnrain, l'Orange Wine Abendrot e il rosso Cuvée Gandfels. Oltre alla già citata maturità, tutti i vini sono caratterizzati da un gusto intenso, speziato, ma sempre fine e chiaro. Sono tutti fermentati spontaneamente, maturati in botti di legno per lo più usate, che non rilasciano praticamente nessun sapore, ma che per i vini "offrono un ambiente che certamente si adatta al loro carattere naturale meglio di una fredda botte di acciaio". Dopo questo invecchiamento in botte, i vini arrivano in bottiglia non filtrati e non adulterati.

Una cosa dovrebbe essere menzionata, perché è davvero raro sentirla. Thomas Niedermayr ha molte lodi per i turisti tedeschi, perché sono stati loro - e quasi esclusivamente loro - a tenere in vita la fattoria nei difficili primi anni con il loro interesse per il vino biologico e la frutta biologica.

I vini di Thomas Niedermayr nel
Recensioni divini da wein.plus

Cantina San Michele Appiano

Hans Terzer / Thomas - Cantina San Michele Appiano

Info sul produttore

Cantina San Michele Appiano
Indirizzo:
Tangenziale 17-19
I-39057 Appiano sulla strada del vino

Tel.: +39 0471 664654
E-mail
Sito web

L'enoteca, dove si possono degustare tutti i vini, è aperta da: Da lunedì a venerdì: 9:00 - 18:30, sabato: 9:00- 17: 00.

"Quando sono stato assunto nel 1977, la mia missione era di pressare vini impeccabili con il minor sforzo possibile", dice Hans Terzer a proposito del suo inizio come maestro di cantina alla St. A quel tempo, l'odierno paese modello del vino, l'Alto Adige, produceva quasi esclusivamente semplici vini di massa, soprattutto il Vernatsch. Ma proprio come non è soddisfacente per un musicista esperto limitarsi a non suonare note false, Hans Terzer non voleva rassegnarsi a produrre vini tecnicamente corretti ma inespressivi e semplici.

È stato aiutato dal fatto che la domanda di vini sudtirolesi a buon mercato è crollata e sono stati costretti a prendere altre strade. Hans Terzer era uno degli uomini della prima ora. Anche quando era studente a Laimburg, i vini bianchi erano il suo grande amore. Già allora si rese conto che la maggior parte dei vigneti di Appiano erano più adatti alle varietà bianche che ai rossi. Ma nei vigneti di Appiano c'era l'85% di varietà rosse e le rese erano troppo alte. Hans Terzer ha deciso di cambiare questa situazione con determinazione e intransigenza. All'epoca, questo non solo gli ha fatto guadagnare amici - al contrario. Il numero di scettici era certamente maggiore di quelli che pensavano che la sua strategia fosse quella giusta. Fortunatamente per lui - così come per San Michele Appiano e in definitiva per tutto l'Alto Adige - c'era abbastanza sostegno per la sua strada nell'assemblea generale decisiva. Il resto è storia. Oggi, la Cantina San Michele Appiano è uno dei più importanti produttori di vino bianco in Italia. La sua reputazione di cantina di punta è indiscussa a livello internazionale. Il primo passo verso i vini di punta è stato lo 'Schulthauser', un Pinot Bianco dai migliori vigneti vicino a Eppan Berg, dove sono andati nuovi, 'vecchi' modi e hanno invecchiato parte delle uve in grandi botti di legno.

Nel 1986, la linea St. Valentin fu aggiunta con tre vini - Chardonnay, Pinot Grigio e Gewürztraminer - e con essa la svolta finale per la cantina. Soprattutto sul mercato italiano, ha celebrato un successo dopo l'altro. Questo mise a tacere anche gli ultimi critici. Gli alti prezzi di vendita dei vini hanno permesso di pagare ai membri prezzi dell'uva che nessuno avrebbe ritenuto possibile prima.

"Questo ha reso il lavoro verso una qualità ancora più alta molto più facile. Perché se offro al viticoltore un buon pagamento per il suo lavoro extra e per la necessaria riduzione della resa, tutti si convincono rapidamente", dice Hans Terzer. Da un lato, questa nuova offensiva di qualità ha portato a un aggiornamento della linea di base e di selezione. Oggi, St. Valentin consiste di cinque vini bianchi - Sauvignon, Pinot Bianco, Chardonnay, Pinot Grigio e Gewürztraminer, tre vini rossi - Pinot Nero, Lagrein e una cuvée di Cabernet e Merlot. Dal 1989, c'è anche il nobile dolce Gewürztraminer 'Comtess', per il quale le uve vengono raccolte poco prima di Natale.

Per il 25° anniversario della linea St. Valentin, Hans Terzer ha voluto dimostrare "che possiamo fare ancora di più". Ha prodotto l'Appius. In contrasto con i tradizionali vini monovarietali di St. Valentin, questa è una cuvée che combina il meglio di ogni annata. A questo scopo, i lotti più pregiati di Chardonnay, Sauvignon Blanc e Pinot Grigio vengono combinati. Le proporzioni variano da un'annata all'altra - a seconda della qualità delle uve. Le singole varietà di uva vengono fatte maturare in piccole botti di legno per un anno. Segue l'assemblaggio, che matura per altri tre anni sulle fecce fini in vasche d'acciaio prima di essere imbottigliato. Hans Terzer dà all'Appius un periodo di invecchiamento da 25 a 35 anni. Dal 2017, questa nuova creazione è stata completata da altri due vini della Top Wine Collection a base di Sauvignon Blanc e Pinot Noir. Con questi vini, Hans Terzer vuole far capire che "ad Appiano sono possibili anche qualità che possono essere classificate tra le migliori del mondo".

I vini della cantina St. Michael Eppan nel
Recensioni divini da wein.plus

Stroblhof - Rosi e Andreas Nicolussi-Leck

Rosi Ausserer, Andreas Nicolussi-Leck e Thomas Nicolussi-Leck (da sinistra) / Stroblhof

Info sul produttore

Castello di Korb - Fritz Dellago
Indirizzo:
Pigenoer Weg 25,
I-39057 Appiano

Tel.: +39 0471 662 250
E-mail
Sito web

Vendita diretta in hotel da aprile a novembre, in inverno su appuntamento. Le degustazioni guidate su appuntamento al prezzo di 20 euro hanno luogo ogni lunedì alle 16.00.

Situato a 500 metri sul livello del mare nel quartiere Pigenò di Appiano, lo Stroblhof ha una lunga storia. Il vino bianco più importante della fattoria è lo 'Strahler', una miscela di Pinot Bianco per la maggior parte e il cinque per cento ciascuno di Chardonnay e Pinot Grigio. "Il pinot bianco era già coltivato sullo Stroblhof 200 anni fa. Il nome Strahler apparve per la prima volta nel 1845 e si riferiva alle viti a spalliera che erano ancora piantate in Alto Adige a quel tempo, prima che fossero sostituite dalla pergola quasi ovunque", spiega Andreas Nicolussi-Leck. "Più di trent'anni fa, mio suocero Josef Hanni ha cominciato a sostituire la classica pergola con la moderna struttura in filo metallico per ragioni di qualità. Dopo la sua morte prematura nel 1993, abbiamo continuato coerentemente questo percorso. Abbiamo eliminato i rimanenti alberi da frutto sui migliori pendii a favore delle varietà della Borgogna".

Tutti i vini bianchi, compresi Sauvignon Blanc e Chardonnay, sono prodotti senza riduzione biologica dell'acido. Sono quindi caratterizzati da un carattere molto vivace e animato, che conservano per anni. "Voglio che nei nostri vini si senta la freschezza delle montagne, che a Pigenò è ancora più accentuata che altrove in Alto Adige. Oltre ai venti autunnali delle montagne della Mendola, le vicine buche di ghiaccio forniscono anche una piacevole freschezza". Dagli anni '70, quando ovunque in Alto Adige si produceva quasi esclusivamente Vernatsch a buon mercato, Stroblhof si è sempre più distinto con il Pinot Nero. Oggi sono in commercio tre versioni: un rosato succoso e speziato, una versione base chiamata "Pigenò" e una Riserva, le cui uve provengono da viti che hanno almeno 25 anni. Il rosé è maturato interamente in vasche d'acciaio, i due vini rossi in piccole botti di rovere. Anche per i due vini rossi, è importante per Andreas Nicolussi-Leck che si possa gustare la freschezza dei siti alti. Dal 2018, la gamma dei vini rossi è completata da una cuvée di Cabernet Franc-Merlot, le cui uve provengono dal lago di Caldaro.

Lo Stroblhof non è solo una cantina, ma anche un hotel a 4 stelle con una cucina eccellente e una cantina ben fornita con i migliori vini di altre regioni vinicole dell'Alto Adige.

I vini dello Stroblhof nel
recensioni divini da wein.plus

© Foto: Roland Brunner

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze