wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

5480-largeQuesto vino mi piace molto, ma esito a scriverne. Non solo conosco il vino, conosco anche il viticoltore, sono suo amico e - di regola - sono anche presente alla vendemmia come aiutante anno dopo anno. Quindi non può aspettarsi che io sia obiettivo. E non ne avete bisogno, perché è - in realtà indiscusso - un vino molto buono, il migliore di Gian Battista, il tagliente viticoltore di Reichenau. "Il primo Chur Pinot Noir "Gian-Battista" risale al 1984, lui (Gian Battista von Tscharner) lo vedeva come un biglietto da visita della sua attività: ogni bottiglia era etichettata a mano. Nel corso degli anni, la produzione crebbe e così il signore del castello di Reichenau decise, a partire dal 2002, di etichettare le bottiglie con la serigrafia. Questo non ha influenzato la qualità del vino. Circa 2000 bottiglie vanno in vendita ogni anno e sono sempre esaurite rapidamente" (citazione: Mémoire des Vins Suisses) Sono stato testimone di una buona parte di questa evoluzione: l'uso di barriques, dapprima cautamente, poi sempre più massiccio, troppo massiccio, a mio parere. Le annate 2006 e 2008 sono state probabilmente le migliori dell'ultimo decennio (non posso ancora dire molto sui vini più giovani, hanno ancora bisogno di riposo in cantina). Ora ho il suo eccellente 2008 nel bicchiere per la prima volta in "piena maturità" - il mio buon ricordo del vino giovane è confermato.DSCN0845 (verkleinert) Equilibrato, succoso e pieno di finezza Pinot, il (un po' troppo) "legno" si è sistemato, i frutti di bosco si sviluppano nel palato pieno e la spezia fine dà al vino qualcosa di danzante, leggero, felice, ma anche definito e soprattutto un finale lungo. Per me, questo è uno dei migliori "Gian Battista"; la sua forza sta nella sua maturità e distacco, che non ha perso nulla dell'individualità e della personalità del vino (e dell'enologo). Come ho detto, sono (non del tutto) obiettivo qui, ma ancora così critico che mi avvicino quasi sempre al "suo grande vino" con scetticismo. In realtà amo molto di più il suo Felsberger, il suo Jeninser, il suo "ordinario" Pinot Noir di Coira, semplicemente perché penso di trovarci più terroir (che lavoro di cantina). Forse è anche perché questo vino vuole competere con i "grandi" della Bündner Herrschaft - perché consapevolmente vuole anche essere un "grande" - ma non sempre (e completamente) ci riesce, mentre i Pinot "ordinari", fatti in modo pulito - che vogliono davvero "solo" essere buoni Pinot - offrono quasi costantemente un raffinato piacere del vino, un buon pezzo della cultura svizzera del Pinot Noir.

More related Magazine Articles

Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze