wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Situate nella parte orientale del Trentino, a pochi chilometri da Trento, le Dolomiti e le valli dell'Alto Adige, la Valle di Cembra e l'altopiano di Pinè sono zone ancora poco conosciute. Con le loro terrazze strette e piene di scorte, ricordano le ValtellinaCembrani D.O.C., tranne che qui, dove predominano i vitigni a bacca bianca.

La Valle di Cembra

La situla, l'antico recipiente di bronzo.

Museo del Buonconsiglio per Wein-Plus
Das antike Bronzegefäß (situla), dass im Cembratal gefunden wurde.

Sono numerose le ipotesi con cui gli scienziati hanno cercato di chiarire l'origine del nome di una delle valli caratteristiche del Trentino. Non si può dire con precisione se ciò sia dovuto alla presenza di foreste ricche di pini cembri (Pinus cembra) o agli antichi insediamenti dei Cimbri (membri di una tribù germanica), ma non si può negare che la storia della valle sia iniziata molto tempo fa.

Una storia che si può scoprire in modo ricco e vivido in numerosi reperti archeologici, come un vaso di bronzo etrusco rinvenuto nel Doss Caslir (Cembra) nel 1828. È datata al 400 a.C. e raffigura un ringraziamento al dio del vino per la buona vendemmia a Lavisio, a riprova che la viticoltura è praticata in Valle di Cembra da circa 2400 anni. Oggi l'imbarcazione si trova al Museo del Buonconsiglio di Trento.


L'antico oro rosso della Valle di Cembra e la nuova valuta

I piccoli pezzi di terra strappati con forza alla roccia e gli stretti e ripidi sentieri che vi conducono sono sostenuti da muretti a secco costruiti con pietre di diverse dimensioni e senza l'aiuto della malta. Sono vecchie di decenni e talvolta di secoli e vengono ancora regolarmente riparate a mano con la roccia porfirica che cade dall'estrazione nelle numerose cave sul lato sinistro della valle. Il porfido era ed è l'oro rosso della valle, formatosi circa 280 milioni di anni fa, una roccia vulcanica di massa densa e a grana fine con cristalli di feldspato racchiusi e più grandi. Si tratta di un materiale molto duro e resistente, che resiste anche al gelo e agli acidi e che adorna la pavimentazione delle più belle piazze e strade del mondo, a Vienna, Berlino, Gerusalemme o New York. Un tempo era la prima fonte di reddito per gli abitanti della valle, oggi è agricoltura con vino, mele, frutti di bosco, castagne e ortaggi.

La viticoltura qui si svolge da 350 a quasi 900 metri sul livello del mare. I siti molto alti sono dedicati principalmente al Müller Thurgau, che rappresenta il 40% della produzione totale di vino sui 600 ettari di vigneti della Valle di Cembra. Anche se questo incrocio tra Riesling e Madeleine Royale non è una varietà autoctona, ha trovato un habitat molto favorevole nella Valle di Cembra. Se consideriamo l'intero Trentino con i suoi 10.000 ettari di vigneti, il Müller si colloca al terzo posto dopo il Pinot Grigio e lo Chardonnay.

Il vigneto "Vigna delle Forche" a 870 metri di altitudine da Cembra Cantina di Montagna.

Cantina Cembra per Wein-Plus
Cembrani D.O.C.: Die Lage „Vigna delle Forche“ auf 870 m ü. M. des Betriebes Cembra Cantina di Montagna.

La Valle di Cembra si sta lentamente affermando come meta turistica, anche se il numero di posti letto è volutamente contenuto per non gravare troppo su bellezze naturali come le piramidi di terra di Segonzano e sull'ambiente in generale. L'attenzione è invece rivolta all'aria pulita, al buon cibo e alle bevande e alle attività ricreative volutamente orientate alla natura.

La nuova moneta è la natura, l'autenticità e l'ospitalità. Come in nessun altro luogo, in Valle di Cembra tutti sono in sintonia con gli ospiti. Non si incontrano contadini scontrosi, ma persone aperte e cordiali che sanno presentare la loro valle in tutte le sue sfaccettature. Questo obiettivo è stato raggiunto dai Cembrani D.O.C. che, oltre ai loro compiti associativi, hanno avviato un gran numero di programmi di formazione continua. L'obiettivo è valorizzare il potenziale turistico del territorio e rendere l'esperienza della Valle di Cembra il più piacevole possibile per ogni visitatore. Ciò si basa sui risultati di uno studio della professoressa Roberta Garibaldi dell'IGCAT (Istituto Internazionale della Gastronomia, Cultura Arte e Turismo), secondo cui il 49% delle persone sceglie una destinazione per l'offerta culinaria della regione di vacanza.

I salumi tipici della Valle di Cembra: carne salada, carne fumada e salame.

Mara Lona per Wein-Plus
Die typischen Wurstwaren der Partner der Cembrani D.O.C.: gesalzenes und geräuchertes Fleisch, Carne salada und carne fumada sowie Salami.

Il Consorzio Cembrani D.O.C.

È difficile credere che la superficie vitata della Valle di Cembra sia davvero di 600 ettari, tanto sono frazionate le piccole sezioni sui terrazzamenti. Sono coltivate da circa 600 produttori di uva. L'85% delle uve raccolte è destinato alle grandi cooperative (anche fuori dalla Valle di Cembra); il restante 15% viene pigiato e imbottigliato in cantine private. Per dare più voce a questi ultimi, è stata fondata la D.O.C. Cembrani. Il piccolo consorzio privato è composto da cinque cantine, due distillerie e una rete di strutture ricettive e ricreative, ristoranti e produttori alimentari. Nel 2012 hanno unito le forze per realizzare un efficace marketing territoriale, per comunicare la cultura e la tradizione della Valle di Cembra e, naturalmente, per vendere meglio i loro prodotti.

Conosciamo già la D.O.C. come abbreviazione di Denominazione d'Origine Controllata, ma in italiano il doc è usato anche per designare una persona particolarmente brava nel suo mestiere (ad esempio,"traduttore doc"indica una persona che è un ottimo traduttore). In Valle di Cembra, anche i Cembrani hanno utilizzato questa connotazione positiva, ma allo stesso tempo hanno dato alla D.O.C. un terzo significato: "Di Origine Cembrana".

Vendemmia del Müller Thurgau in Valle di Cembra

Luciano Lona per Wein-Plus
Traubenlese im Cembratal, hier der Müller Thurgau der Cembrani D.O.C.

I Cembrani D.O.C. danno un volto alla Valle di Cembra. Complessivamente, i produttori rappresentano 700.000 bottiglie di vino. Il consorzio stesso offre anche vini. Per questo, ogni membro consegna un lotto di vino da botte, che viene assemblato in una cuvée sotto la supervisione di tutti gli enologi della sede Zanotelli. Il vino bianco è composto dal 60% di Müller Thurgau e dal 40% di Riesling e si chiama "708 km Bianco", il vino rosso dal 60% di Schiava e dal 40% di Lagrein e si chiama "708 km Rosso"... e la grappa, naturalmente, "708 km Grappa". Il nome indica la lunghezza totale dei muri a secco della zona.

Breve profilo Cembrani D.O.C.

<!---->

Il logo del consorzio Cembrani D.O.C.

Cembrani D.O.C. per Wein-Plus
Das Logo des Konsortiums Cembrani D.O.C.
Indirizzo: Cembrani D.O.C. Società Consortile a.r.l., Viale IV Novembre 52, 38034 Cembra Lisignago (TN).
Persona di contatto: Mara Lona
Lingue parlate: Italiano, tedesco, russo
Orari di apertura: Dal martedì alla domenica mattina, dalle 8:30 alle 12:30 e dalle 15:00 alle 19:00.
Area coltivata a vite: Nessuno, il vino per le cuvée proviene direttamente dai consorziati che coltivano le loro vigne tra i 500 e gli 870 m s.l.m.
Vitigni utilizzati: Müller Thurgau, Riesling Renano, Schiava, Lagrein.
Numero di bottiglie prodotte all'anno: 2.500 bottiglie ciascuna di 708 km Bianco e 708 km Rosso.
Distribuzione attuale: 90% Italia, 10% esportazione
Altri prodotti: Grappa, degustazioni ed eventi
Vendita diretta: sì, attraverso il sito web dei Cembrani D.O.C..

I produttori di vino dei Cembrani D.O.C.

Alfio Nicolodi

L'azienda di Alfio Nicolodi è stata fondata all'inizio del XX secolo dal nonno Antonio nello storico quartiere Carraia di Cembra. Dal 1985, Alfio è al timone dell'azienda, occupandosi dell'intero processo produttivo, dall'impianto e la cura delle viti alla vinificazione. Dal 2000 presta particolare attenzione ai vecchi vitigni e cloni della Valle di Cembra che esistevano prima della fillossera. Questo lavoro a lungo termine è diventato sempre più importante per l'intera area negli ultimi anni. Soprattutto con la sua classica fermentazione in bottiglia del 100% di Lagarino bianco ha ottenuto molta attenzione e riconoscimento. Il vitigno, che era ed è apprezzato per la sua altissima acidità, è la base perfetta per la fermentazione in bottiglia di un singolo vigneto di Nicolodi, che è l'unico enologo a produrre: il "Cimbrus Brut" con 36-48 mesi sui lieviti. Un altro fiore all'occhiello della sua azienda è il vino "Trentatrè", ottenuto da tre vitigni tipici (Moscato giallo, Nosiola e Lagarino) provenienti da tre diverse valli del Trentino.

Alfio Nicolodi

Cembrani D.O.C. per Wein-Plus
Alfio Nicolodi in seinem Weinberg.

Breve profilo Nicolodi

Indirizzo: Alfio Nicolodi, Via Carraia 22, 38034 Cembra Lisignago (TN).
Persona di contatto: Alfio Nicolodi
Lingue parlate: Italiano
Orari di apertura: Solo su appuntamento telefonico
Area coltivata a vite: 5 ettari (di proprietà e in affitto)
Numero di bottiglie prodotte all'anno: 35.000
Distribuzione attuale: 95% Italia, 5% esportazione
Altri prodotti: nessuno
Vendita ex azienda agricola: sì, su appuntamento

Cembra Cantina di Montagna

La Cantina di Montagna di Cembra si trova a 700 metri sul livello del mare. Questo la rende la cantina più alta del Trentino e una delle più alte d'Europa. Spesso funge da modello per la viticoltura eroica della Valle di Cembra, su terrazze fino a 900 metri di altitudine e con pendenze superiori al 40%.

Fondata nel 1952 su iniziativa di alcuni viticoltori, la Cantina di Cembra conta oggi più di 300 soci. Il nome della cooperativa deriva dalla sua posizione nella Val di Cembra, sul cui terreno roccioso di pietra porfirica si possono produrre vini con forti note minerali-speziate. Si producono sia vini fermi che vini classici fermentati in bottiglia, entrambi di altissima qualità, come dimostrano i riconoscimenti ricevuti da numerosi concorsi e guide enologiche. Le uve vengono pressate con presse Marmonier, utilizzate anche nello Champagne. Nella cantina, enormi immagini dei vigneti sono appese su tutte le pareti: da un lato come illustrazione per i visitatori e dall'altro come motivazione per le persone che vi lavorano.

Cembra Cantina di Montagna fa parte del gruppo La-Vis dal 2003. La cantina si trova a Cembra Lisignano, con annessa enoteca dove è possibile degustare e acquistare anche i prodotti delle altre cantine del gruppo, La Vis e Cesarini Sforza.

Ezio Dallagiacoma, enologo di Cembra Cantina di Montagna

Cantina Cembra per Wein-Plus
Ezio Dallagiacoma, Önologe bei Cembra Cantina di Montagna, Mitglied der Cembrani D.O.C. im Barrique-Keller.

Breve profilo di Cembra

Indirizzo: Cembra Cantina di Montagna, Viale IV Novembre 72, 38034 Cembra Lisignago (TN).
Persona di contatto: Rosario Pilati
Lingue parlate: Italiano, inglese, tedesco
Orari di apertura: 8.30-12.30 e 15.00-19.00.
Area coltivata a vite: 300 ha
Vitigni coltivati: Pinot Nero, Schiava, Kerner, Müller Thurgau, Pinot Bianco, Pinot Grigio, Sauvignon Blanc, Riesling.
Numero di bottiglie prodotte all'anno: 300.000
Distribuzione attuale: 80% Italia, 20% esportazione
Altri prodotti: nessuno
Vendite in azienda: sì, così come le degustazioni

Simoni Ferruccio

L'azienda agricola di Ferruccio Simoni si trova al centro del paese di Palù di Giovo, famoso anche per aver dato i natali a molti ciclisti professionisti, come Aldo, Diego, Enzo e Francesco Moser, e Gilberto Simoni. La strada che da San Michele all'Adige porta a Maso Roncador (comune di Giovo) è chiamata anche "Salita dei Campionissimi". È lungo quasi sette chilometri, ha una forte pendenza ed è quindi ideale come percorso di allenamento. Questo ci porta direttamente a quello che è probabilmente il vino più famoso di Simoni, lo "Zio Bepi", un blend di Lagrein e Rebo dedicato al padre di Ferruccio e allo zio dei famosi ciclisti Francesco Moser e Gilberto Simoni.

La piccola cantina di Palù è anche collegata alla locanda "Agritur Simoni", dove i prodotti dell'azienda agricola sono realizzati secondo le ricette tradizionali. Nell'ambiente rustico dell'azienda familiare, che esiste dal 1918, gli ospiti si sentono quasi come se fossero in visita ai parenti. La selezione non è ampia ma sempre stagionale e tipica. I vini della fattoria, i cui aromi sono influenzati dai terreni calcarei intorno a Giovo, si bevono con esso.

Michele e Ferruccio Simoni

Cembrani D.O.C. per Wein-Plus
Michel und Ferruccio Simoni in ihrem kleine Weinkeller Agritur Simoni.

Breve profilo Simoni

Indirizzo: Az. Agr. Simoni Ferruccio e Michele, Piazza degli Alpini 14, 38030 Palu' di Giovo (TN).
Persona di contatto: Michele Simoni
Lingue parlate: Italiano, inglese
Orari di apertura: Da martedì a domenica, dalle 8:30 alle 12:00 e dalle 17:00 alle 14:00.
Area coltivata a vite: 5 ettari (di proprietà e in affitto)
Numero di bottiglie prodotte all'anno: 10.000
Distribuzione attuale: 100% Italia
Altri prodotti: Marmellata, verdure
Vendita di un'azienda agricola: Sì, negozio e ristorante con prodotti propri "a km 0"*.

Villa Corniole

L'azienda vinicola Villa Corniole, a conduzione familiare, produce vino da generazioni e da oltre un decennio lavora le uve in proprio e imbottiglia direttamente. A questo scopo, una cantina è stata ricavata direttamente nella roccia porfirica, che forma uno sfondo impressionante nella barricaia. L'ubicazione sotterranea consente di lavorare in modo molto attento all'energia e i pannelli solari sul tetto generano l'elettricità necessaria.

Dai circa 12 ettari di vigneto, situati nella fertile pianura Rotaliana, sulle colline Avisiane e sulle terrazze della valle di Cembra, vengono vinificate solo le uve di proprietà dell'azienda. Sia in vigna che in cantina si cerca di preservare il più possibile le antiche tradizioni della zona. Tuttavia, anche qui si utilizzano innovazioni tecnologiche per produrre vini di alta qualità. I numerosi premi ricevuti da concorsi nazionali e internazionali testimoniano il loro successo.

Un'ampia sala di degustazione consente inoltre di offrire seminari ed eventi per gruppi più numerosi.

Il team di Villa Corniole da sinistra a destra: Sabina, Linda, Maddalena, Onorio, Sara

Cembrani D.O.C. per Wein-Plus
Das Team von Villa Corniole: Sabina, Linda, Maddalena Nardin, Onorio Pellegrini, Sara.

Breve profilo Villa Corniole

Indirizzo: Cantina Villa Corniole, Via al Grec' 23, 38030 Verla di Giovo (TN).
Persona di contatto: Maddalena Nardin-Pellegrini, titolare.
Lingue parlate: Italiano, inglese, tedesco
Orari di apertura: Dal lunedì al sabato [la domenica solo su appuntamento] dalle 8:30 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 18:00.
Area coltivata a vite: 12 ha
Vitigni coltivati: Müller Thurgau, Chardonnay, Pinot Grigio, Gewürztraminer, Teroldego, Lagrein.
Numero di bottiglie prodotte all'anno: 60.000
Distribuzione attuale: 70% Italia, 30% export
Altri prodotti: nessuno
Vendite in fattoria:

Zanotelli

La famiglia Zanotelli coltiva vino in Valle di Cembra da generazioni (all'ingresso della cantina c'è un'enorme carta genealogica). Arrivati in Valle di Cembra nel 1705 come famiglia di fornai, il soprannome "Fornari" è rimasto fino ad oggi, anche se dal 1856 si sono dedicati maggiormente alla viticoltura.

All'inizio Zanotelli produceva esclusivamente Schiava (Vernatsch), ma con la zonazione della Valle di Cembra sono state introdotte soprattutto varietà bianche, più adatte al terreno e alle condizioni climatiche delle altitudini più elevate. Inoltre, oltre alla classica pergola trentina, sono state utilizzate forme di allevamento alternative per ridurre la produzione di uva per pianta e per migliorare la ventilazione dei vigneti sui terrazzamenti esposti a sud-est e la qualità dell'uva.

Delle 80.000 bottiglie prodotte, 30.000 sono di solo Müller Thurgau e 20.000 sono spumanti prodotti con il metodo classico della fermentazione in bottiglia: Trento DOC bianco e rosato. Le etichette dei vini riportano la "stropa", un ramo di salice utilizzato per legare la vite al dispositivo di sostegno. Poiché in passato questo lavoro era spesso svolto da donne, sono un omaggio a queste "legare" femminili.

La famiglia Zanotelli da sinistra a destra: Orietta, Nicola, Roberto e Martino Zanotelli

Cembrani D.O.C. per Wein-Plus
Die Zanotelli-Familie: Orietta, Nicola, Roberto und Martino Zanotelli.

Breve profilo Zanotelli

Indirizzo: Zanotelli Società Agricola, Via IV Novembre 52, 38034 Cembra (TN).
Persona di contatto: Nicola Zanotelli
Lingue parlate: Italiano, inglese
Orari di apertura: Martedì - domenica mattina dalle 8:30 alle 12:30 e dalle 15:00 alle 19:00.
Area coltivata a vite: 18 ettari tra i 200 e gli 800 m s.l.m.
Numero di bottiglie prodotte all'anno: 80.000
Distribuzione attuale: 80% Italia, 20% esportazione
Altri prodotti: Succo di mela, grappa
Vendita ex azienda agricola:

Ai vini dei soci dei Cembrani D.O.C. nella guida dei vini di Wein-Plus.

Le distillerie dei Cembrani D.O.C.

Paolazzi

La distilleria Paolazzi è stata fondata nel 1962 a Faver per continuare una lunga tradizione familiare e metterla su solide basi. Faver è un piccolo paese della Valle di Cembra, considerato da molti la "culla della grappa trentina". Qui, molto tempo fa, la distillazione veniva effettuata in segreto in condizioni rischiose per garantire la sopravvivenza nelle campagne. Il termine locale "lambicar" (distillare) ha quindi un doppio significato: da un lato produrre la grappa o il distillato e dall'altro vivere una dura vita contadina piena di privazioni.

Vittorio Paolazzi lavora con il "metodo della distillazione discontinua a vapore" e produce non solo grappa, ma anche distillati aromatizzati alle erbe, liquori alla frutta e alla crema, punch e zabaione, nonché il leggendario "Bombardin", una sorta di zabaione con whisky e rum, che viene spesso bevuto caldo con panna o nel caffè, o meglio ancora, sgranocchiato.

Vittorio e Martino Paolazzi

Cembrani D.O.C. per Wein-Plus
Vittorio Paolazzi und Martino Paolazzi in ihrer Destillerie.

Breve profilo Paolazzi

Indirizzo: Paolazzi Distillerie, Via dei Rododendri 2, 38033 Cavalese (TN).
Persona di contatto: Martino Paolazzi
Lingue parlate: Italiano, tedesco
Orari di apertura: Lunedì - venerdì 8.00 - 12.00 e 14.00 - 18.00, sabato 8.00 - 12.00.
Prodotti: Grappa e liquori, Bombardino
Numero di bottiglie prodotte all'anno: 30.000
Distribuzione attuale: 80% Italia, 20% esportazione
Vendita ex azienda agricola:

Pilzer

Nel 1957 Vincenzo Pilzer aprì la sua piccola distilleria a Faver con un alambicco discontinuo a bagnomaria, ancora oggi conservato in azienda. Molti anni di esperienza, l'ambizione e la volontà di innovare, nonché la decisione coerente di concentrarsi solo sulla qualità, hanno portato al successo di oggi. Con i figli Bruno e Ivano, che hanno entrambi studiato enologia, sono arrivate nuove idee in azienda ed è iniziata la progettazione del nuovo stabilimento di produzione nel distretto di Portenac, che è stato messo in funzione nel 2001. Nell'ampia e luminosa sala con vetri che scendono fino al pavimento, distillano con diverse attrezzature adatte a ogni prodotto, proprio di fronte allo scenario mozzafiato delle montagne. Oltre alle vinacce delle uve della Valle di Cembra e di altre regioni, Pilzer distilla anche vari frutti e produce acquaviti di pere, albicocche, mele, mele cotogne, uva e vino da esse. Lo speciale processo di trasformazione della frutta in poltiglia in anticipo, l'accurata fermentazione e infine la distillazione stessa permettono di riconoscere la freschezza e la fragranza della frutta in ogni distillato. Nel caso della grappa, il numero di distillati monovitigno è aumentato considerevolmente nel corso degli anni, dando luogo a un'enorme quantità di conoscenze sui diversi metodi di distillazione, a seconda del vitigno.

Nonostante i numerosi riconoscimenti di alto livello, la famiglia Pilzer è una delle meno conosciute ma comunque uno dei migliori indirizzi per la grappa di alta qualità. Oltre ai propri prodotti, Pilzer distilla anche per conto di terzi, compreso il gin con un procedimento appositamente sviluppato.

Vincenzo e Ivano Pilzer

Cembrani D.O.C. per Wein-Plus
Vincenzo Pilzer und Ivano Pilzer in ihrer Destillerie.

Breve profilo Pilzer

Indirizzo: Distilleria Pilzer srl, Via Portegnago 5 - Località Faver, 38092 Altavalle (TN).
Persona di contatto: Ivano Pilzer
Lingue parlate: Italiano, tedesco
Orari di apertura: Lunedì - venerdì 8:00 - 13:30 e 14:00 - 18:00, sabato 8:00 - 12:00 e 13:30 - 17:00
Prodotti: Grappa, Acquavit, Gin, Brandy e la nuova Grappa alle erbe.
Numero di bottiglie prodotte all'anno: 20.000
Distribuzione attuale: 70% Italia, 30% export
Vendita ex azienda agricola:
Foto: Per gentile concessione del Museo del Buonconsiglio, Soci Cembrani D.O.C., Mara e Luciano Lona

Related Magazine Articles

View All
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze