wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Francesco Cambria Quasi nessun'altra regione vinicola italiana è attualmente sotto i riflettori come la DOC Etna. Raffaella Usai ha parlato con l'enologo e attuale presidente del consorzio Francesco Cambria del successo e del futuro della denominazione.

I vini dell'Etna sono sulla bocca di tutti in questo momento. Sembra un boom che non vuole placarsi.

Francesco Cambria: È vero, la denominazione Etna ha la fortuna di avere un interesse internazionale in crescita da molti anni. Ma questo significa anche che dobbiamo investire soprattutto nella protezione e nella comunicazione del marchio Etna. La nostra area in crescita è composta da molte piccole e medie imprese. Qui non c'è nessuno che imbottiglia grandi quantità. Tutte le aziende insieme vendono solo 4,5 milioni di bottiglie. Tutti noi ci consideriamo ambasciatori del marchio Etna e quindi siamo uniti.

È forse questo il segreto del successo della denominazione? In molte zone di coltivazione, i grandi imbottigliatori hanno il coltello dalla parte del manico e quindi determinano il destino delle aziende vinicole più piccole, il che spesso porta al risentimento. Questo non è il caso dell'Etna.

Francesco Cambria: Assolutamente sì. È vero che anche nel nostro consorzio le aziende più grandi hanno diritti di voto diversi da quelle più piccole, ma le differenze sono minime; i viticoltori con cinque ettari o più di vigneto sono tutti sullo stesso piano. Un altro strumento di cui disponiamo da qualche anno è il cosiddetto diritto assoluto (Erga Omnes). Ciò significa che possiamo adottare regole che si applicano a tutte le cantine della denominazione, anche a quelle che non fanno parte del consorzio. Ciò rende possibile il controllo dell'intera area, ma offre anche una migliore protezione contro la contraffazione.

La denominazione Etna è una DOC dalla sua fondazione nel 1968. Ora si sta pensando di richiedere il riconoscimento della DOCG.

Francesco Cambria: Candidare la DOCG al ministero competente è uno degli obiettivi che voglio raggiungere con l'attuale consiglio di amministrazione per il nostro mandato triennale. A tal fine, abbiamo bisogno dell'approvazione di tutti i membri. Il disciplinare di produzione dovrebbe essere minimamente adeguato, ma ciò riguarda solo le rese massime per ettaro e, se necessario, l'invecchiamento dei vini.

Cos'altro c'è in programma per i prossimi anni?

Francesco Cambria: Ci sono molti punti. Ad esempio, vorremmo sottolineare maggiormente le differenze tra i singoli vigneti, le cosiddette contrade. Dal 2011, le cantine sono autorizzate a scrivere il nome del vigneto sull'etichetta. Ad oggi, però, mancano analisi scientifiche che descrivano il suolo, il microclima e altre caratteristiche peculiari di una determinata Contrada. Ci stiamo lavorando insieme all'Università di Catania. Si tratta anche di applicare il tema della sostenibilità a tutte le aree del nostro settore, non solo al vigneto. Oltre il 60% del vigneto è già coltivato con metodo biologico, ma ci preoccupiamo della sostenibilità complessiva delle aziende agricole, compreso, ad esempio, il consumo energetico.

In meno di dieci anni, la superficie vitata della DOC è quasi raddoppiata, passando da 680 ettari agli attuali circa 1.300 ettari: una crescita enorme. Da alcuni anni è in vigore un blocco degli impianti per mantenere l'equilibrio della denominazione. Ma questo non impedisce a nuove aziende di investire e piantare nuovi vigneti sull'Etna, giusto?

Francesco Cambria: Sì, al momento non possono imbottigliare i vini come Etna DOC, ma solo come Sicilia DOC, ma ovviamente molti sperano che questi vigneti vengano un giorno inclusi nella zona di produzione. Il consorzio monitora la domanda e l'offerta. Se la domanda continuerà ad aumentare e i prezzi rimarranno stabili, si discuterà sicuramente di includere altri vigneti.

A proposito di vigneti che si trovano al di fuori dei confini della denominazione: I vigneti più alti e in parte storici dell'Etna non sono ancora stati inclusi nella DOC Etna, nonostante anni di discussioni. Non è certo perché questi siti non siano adatti. Qual è il motivo?

Francesco Cambria: Ah! Hai messo il dito nella piaga! E se si considera che i viticoltori di altre regioni italiane si spingono sempre più in alto con i vigneti per mantenere la freschezza e l'eleganza, è ovviamente difficile da capire. Ma la questione è estremamente complessa. Perché se i confini di una denominazione devono essere spostati, bisogna sempre tenere conto di diversi interessi. Se dovessimo includere nella DOC Etna i vigneti che si trovano al di sopra della linea altimetrica attualmente in vigore, dovremmo fare la stessa concessione ai viticoltori che hanno vigneti in pianura, che da anni vogliono che anche le loro zone siano incluse nella denominazione.

La denominazione è insolitamente eterogenea. Si tratta di cantine storiche locali, di produttori stranieri, di aziende siciliane provenienti da altre parti dell'isola e anche di viticoltori rinomati come Angelo Gaja. C'è uno scambio creativo tra i produttori?

Francesco Cambria: Sì, e questo è anche uno dei nostri punti di forza. Sull'Etna ci sono molti bravi imprenditori che portano con sé una grande varietà di esperienze e condividono le loro idee con gli altri viticoltori. C'è uno scambio molto vivace e anche molte amicizie. Questo ha sicuramente già avuto molti effetti positivi. Non ci vediamo come concorrenti.

Quindi non ci sono problemi di vendita?

Francesco Cambria: No. Non conosco nessuna azienda che abbia problemi di vendita. Non c'è nemmeno un mercato del vino sfuso nel senso classico del termine, che è sempre un indicatore dell'andamento di una denominazione. I prezzi medi per bottiglia potrebbero essere più alti, ma sono fiducioso che la situazione migliorerà nei prossimi anni.

In quali vini vede ancora un potenziale inespresso? Piuttosto con i rossi o con i bianchi?

Francesco Cambria: Sicuramente con i vini bianchi e anche con gli spumanti rifermentati in bottiglia. L'Etna è diventato famoso per i suoi vini rossi. La maggior parte dei viticoltori si è inizialmente concentrata sul Nerello Mascalese, soprattutto sul versante nord del vulcano. Negli ultimi anni, tuttavia, sono stati piantati soprattutto vitigni a bacca bianca, in primis il Carricante. La domanda di vini bianchi dell'Etna è aumentata in modo massiccio. Tra l'altro, sono apprezzati per la loro longevità. Rispetto a molti altri vini bianchi siciliani, hanno un carattere da vino di montagna, una grande freschezza interna e una spiccata mineralità. Per quanto riguarda gli spumanti, stiamo lavorando in consorzio per inserire nel disciplinare di produzione un Metodo Classico in purezza da uve Carricante. Oggi gli spumanti dell'Etna DOC sono Blanc de Noirs e sono composti prevalentemente da Nerello Mascalese.

Il cambiamento climatico si fa sentire anche sull'Etna?

Francesco Cambria: Sì, il clima è cambiato notevolmente. In passato, il 15 agosto era considerato un punto di svolta dell'estate, che portava piogge e raffreddamento. Oggi non è più così. Anche le temperature medie sono aumentate e il caldo si fa sentire sempre più presto, spesso già a giugno. Le nostre vigne sono fortunate perché la notte si raffredda di dieci o quindici gradi. Questo è molto importante, perché anche qui le precipitazioni sono diminuite in modo significativo.

Non c'è quindi il timore che i vini perdano la loro eleganza?

Francesco Cambria: No, non quello. L'altitudine, i nostri terreni minerali e il raffreddamento notturno garantiscono freschezza ed eleganza. Ma come tutte le regioni vitivinicole del mondo, anche noi sentiamo che le temperature sono aumentate negli ultimi anni.

Come si sta sviluppando l'enoturismo sull'Etna?

Francesco Cambria: Negli ultimi cinque anni sono successe molte cose qui. Ci sono molti nuovi posti dove soggiornare e sempre più operatori turistici che offrono tour organizzati al vulcano. Quasi tutte le cantine effettuano degustazioni guidate e il numero di visitatori cresce di anno in anno. Fortunatamente l'aeroporto di Catania è a soli 45 minuti di distanza e molti turisti in vacanza a Taormina fanno anche una deviazione verso l'Etna.

Copyright Photo: ©Donnafugata (header), ©Cottanera, ©123rf.com

Per saperne di più:

More related Magazine Articles

Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze