wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Più naturale di così non si può: i paesaggi della DO Montsant sono per lo più molto vari e aspri. Solo nel sud il terroir è un po' meno aspro in alcune zone.

L'area della DO Montsant, suddivisa in cinque zone, è delimitata da un semicerchio di montagne e catene montuose che circondano la regione vinicola DOCa Priorat. A nord si trovano le catene montuose di Montsant (1.100 m) e La Llena. A est si trovano le montagne costiere di Argentera, la Mola de Colldejou (900 m) e Llaberia. Sul lato opposto, a ovest, si trovano le catene montuose di La Figuera (600 m) e del Tormo. A sud, la zona si apre verso l'Ebro. Qui scorrono i corsi d'acqua della Siurana e dell'omonimo Montsant. Insieme al fiume Capçanes, irrigano la regione vinicola, che copre un totale di 1.900 ettari.

Suoli

I terreni sono molto diversi per origine e composizione. Si alternano come in un mosaico. I vigneti si trovano a un'altitudine compresa tra 200 e 700 metri.

Tre tipi di suolo caratterizzano la DO Montsant:

  1. Suoli compatti e calcarei, composti per lo più da materiale sedimentario creato dall'erosione e dai depositi fluviali. Nelle zone periferiche del Montsant, soprattutto a sud, si trovano anche terreni rossastri con un alto contenuto di argilla.
  2. Terreni con pietre di granito più o meno grandi e sabbia, formati dall'erosione di grandi blocchi di granito. I terreni con una bassa percentuale di materiale organico e scarsa capacità di ritenzione idrica si trovano principalmente nell'area di Falset.
  3. Terreni sassosi costituiti da strati di ardesia silicea, noti come "llicorella" nel Montsant. Sono anche poveri di materiale organico. A causa dei processi di erosione, esistono anche zone con diverse proporzioni di scisto e argilla più compatta.
Christian Barbier

È la diversità dei terreni e delle altitudini a rendere Montsant così speciale e noi - che produciamo anche vini nel Priorat - attribuiamo grande importanza alla finezza dei vini di Montsant, alla loro mineralità bianca. Il nostro vecchio vigneto Garnatxa, a 600 metri sul livello del mare, ne è un buon esempio.

Christian Barbier, Clos Mogador

Il clima

Montsant si trova in una zona a clima mediterraneo, ma essendo circondata da montagne, presenta anche caratteristiche continentali. Normalmente gli inverni sono molto freddi per gli standard mediterranei, mentre le estati sono secche e calde. A causa delle diverse zone di altitudine e della posizione geografica, esistono molte zone microclimatiche.

Le montagne proteggono parzialmente l'area dall'influenza del mare, il che comporta un marcato contrasto tra le temperature diurne e notturne in estate, quando l'uva matura. Il vento delle sere di fine estate porta molta umidità alle viti durante il periodo di maturazione secca. Le precipitazioni si aggirano intorno ai 500-600 litri all'anno, che cadono soprattutto in primavera e in autunno, ma di solito sono distribuite in modo irregolare durante tutto l'anno.

Christian Barbier

Montsant, grazie alla sua orografia, circondata da catene montuose e vicina al Mar Mediterraneo, offre una varietà di microclimi e terreni che la rendono una delle regioni vinicole al mondo in cui la stessa varietà, la Garnatxa, offre più contrasti.

Joan Ignasi Domènech, enologo, Vinyes Domènech

Vitigni tradizionali

Dei circa 1.900 ettari di vigneti, il 90% è dedicato a varietà di uve rosse, soprattutto Garnatxa e Carinyena. Il restante 10% è coltivato a Garnatxa blanca e Macabeu.

Dopo l'introduzione negli anni '90 di vitigni internazionali come il Cabernet Sauvignon e il Merlot, che all'epoca erano considerati varietà da innesto, da qualche anno si è tornati ai vitigni autoctoni. Sono sempre più utilizzati non solo per vini semplici che possono essere bevuti giovani, ma anche per vini di punta che vogliono esprimere il carattere del terroir di Montsant.

Anna Rovira

Come enologo, ciò che apprezzo particolarmente di Montsant è la diversità dei caratteri di una varietà che deriva dalla diversità dei suoli. Questo ci dà la possibilità di produrre vini molto diversi tra loro.

Anna Rovira, enologa Celler de Capçanes

Le sottoregioni delle cinque zone DO:

  • Cabacés, La Figuera, El Molar
  • El Masroig, Darmós, La Serra d'Almos
  • Els Guiamets, Capçanes, Marçà
  • Falset, Pradell de la Teixeta
  • Cornudella de Montsant, Siurana, Ulldemolins

Per saperne di più:

More related Magazine Articles

Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze