wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Il piccolo Montenegro, ancora da scoprire, sulla costa adriatica, offre un buon vino tra mare, montagne scoscese e molti boschi. Anke Sademann vi ha viaggiato e ha fatto delle scoperte sorprendenti.

Le catene montuose delineano l'orizzonte come un confine scuro. Esse danno il nome allo Stato balcanico: "Montagna Nera", Monte Negro in italiano, Crna Gora in serbo-croato. Parte dell'ex Jugoslavia, il Montenegro si è unito alla Serbia nel 2003 ed è indipendente dal 2006. I Romani coltivavano il vino nella regione già nel II secolo. Oggi i vigneti del Paese si estendono su circa 9.000 ettari, con una produzione annua di circa 160.000 ettolitri. Il Krstač è la star tra le varietà autoctone di vino bianco, insieme a Smederevka (Dimyat), Župljanka, Ugni Blanc, Chardonnay e Malvasia. Oltre alle varietà rosse autoctone Vranac, Kratošija (Tribidrag alias Primitivo o Zinfandel), Kadarun e Zizak, si coltivano anche varietà internazionali come Merlot, Marselan, Cabernet Sauvignon, Grenache Noir e Carignan Noir.

11,5 milioni di viti appartengono a Plantaze

Plantaze

Cantine statali e cantine boutique

Il terroir montuoso per il 70% e il mix di clima mediterraneo, continentale e alpino caratterizzano lo spettro e il potenziale aromatico dei vini montenegrini, che monovitigno sono prodotti da varietà autoctone. Negli ultimi decenni la viticoltura è stata professionalizzata. La qualità e l'originalità dei vini regionali, come quelli prodotti con il "vitigno nazionale" Vranac, si è diffusa ben oltre i confini del Paese. Di conseguenza, il turismo del vino sta diventando sempre più interessante nel Paese.

Il 90% dei vini montenegrini è prodotto dall'azienda vinicola statale 13.jul-Plantaže, fondata nel 1963. La piantagione del 13 luglio prende il nome dalla data della prima indipendenza del Paese, nel 1878. Plantaže possiede circa 2.300 ettari di vigneti, che producono circa 22.000 tonnellate di uva ogni anno. I vini che ne derivano sono particolarmente apprezzati per il loro rapporto qualità-prezzo.

Inoltre, molte piccole cantine boutique a conduzione familiare offrono degustazioni e tour. I loro vini sono prodotti solo in piccole quantità e possono essere degustati solo in loco o serviti nei ristoranti locali. Dal centro del Paese alla costa, i cartelli color terra con i grappoli d'uva stilizzati guidano verso le cantine sparse.

Diversità topografica e climatica

La topografia del Montenegro offre una grande varietà: montagne alte fino a 2.534 metri, gole profonde, estese foreste, il lago più grande dei Balcani e la costa adriatica lunga 293 chilometri. 240 giorni di sole all'anno: questo è ciò che piace al vino, al Paese, alla sua gente e ai visitatori. Il periodo migliore per la degustazione dei vini va da maggio a ottobre. Nei caldi mesi estivi, si consiglia di evitare la costa sovraffollata e di fare escursioni nell'entroterra montuoso con i suoi cinque parchi nazionali.

La regione centrale, con le zone vinicole di Crmnica, Nahije, Komani e Bjelopavlići intorno alla capitale Podgorica, ha un clima continentale con inverni freddi ed estati calde. I terreni sono prevalentemente calcarei. Tuttavia, l'influenza del clima mediterraneo costiero si estende attraverso l'ampia valle del fiume Bojana fino a Podgorica e alla regione vinicola del Lago di Skutari.

A Podgorica, nei ristoranti degli hotel troverete carte dei vini ben fornite con vini di proprietà della famiglia e Plantaže. Il boutique Hotel Boscovich è considerato la struttura con la migliore selezione di vini. Le enoteche o i wine bar puri sono ancora pochi. Tuttavia, si sta sviluppando una gastronomia urbana del vino per turisti e giovani.

La guida enologica e sommelier Bojan Bracanović fa un tour della cantina Plantaze

Anke Sademann

Nel più grande vigneto d'Europa

Gli eroi nazionali liquidi più importanti sono il bianco Krstač e il rosso Vranac, il cui produttore principale è la cantina Plantaže. Come se si fosse adattata alle montagne, l'uva Vranac ha una buccia spessa, resistente al calore e di colore nero, che conferisce al vino denso e altamente alcolico il suo colore rosso rubino. Il sapore rivela aromi di frutta scura, spezie con sfumature terrose e menta. Il vino rosso "Pro Corde" ("Per il cuore") di Plantaže è bevuto dagli abitanti del luogo come rinforzo immunitario: "Durante la fermentazione, al Vranac viene aggiunta una parte extra di semi d'uva con molti antiossidanti", spiega il sommelier e guida Bojan Bracanović.

"Il Krstač viene raccolto a mano di notte o al mattino", riferisce Bracanović. "In passato non era facile produrre vini bianchi di qualità a causa del clima caldo. Oggi possiamo dare al vino la freschezza e la finezza necessarie lavorando le uve al fresco". Il vino bianco giallo pallido ha un carattere rinfrescante e floreale, con sottili note di agrumi e un accenno di mela verde. Dal Krstač, insieme allo Chardonnay, si produce anche uno spumante e, recentemente, anche un vino dolce Vranac in qualità Trockenbeerenauslese.

Il cosmo vinicolo di Plantaže è gigantesco. Nel vigneto più grande d'Europa, anche i terroir sono sovradimensionati. Le tre cantine di Lješkopolje, Ćemovsko Polje e Šipčanik possono contenere fino a 33 milioni di litri di vino provenienti da 11,5 milioni di viti. Nella cantina di Šipčanik, che si trova in un ex bunker militare, gli enoturisti possono scegliere tra 50 vini durante le degustazioni di due ore. Questi sono accompagnati da formaggio di montagna montenegrino e prosciutto.

La sommelière Milja Zenović ha sempre il vino giusto al ristorante Besac.

Anke Sademann

Una cena raffinata nella fortezza

Dal cuore del Montenegro verso sud, i terroir diventano sempre più fertili e mediterranei. Il lago Skadar o Skutari è il più grande lago della penisola balcanica e si trova al confine tra Montenegro e Albania. I vini si gustano al meglio durante le gite in barca organizzate con pesce appena pescato o affumicato come carpe, anguille o uchel. I versanti meridionali terrazzati delle sue sponde sono predestinati alla viticoltura.

La fortezza di Besac a Virpazar - uno dei più antichi monumenti militari del Paese, ristrutturato nel 2022 - offre un viaggio nel tempo fino al XV secolo. Ma anche attraverso la cronologia dei vini: Nel piccolo museo del vino pregiato, allestito in una delle sale in pietra, sono riuniti tutti i vini del Paese. Nel ristorante del resort, la sommelier Milja Zenović consiglia il vino perfetto per accompagnare i piatti dello chef Dejan Mugosa. Uno dei suoi preferiti è l'"Unique" della cantina biodinamica Mola di Rogami: uno Chardonnay non filtrato del 2016 maturato a 35 metri di profondità sott'acqua.

I vini del polpo maturano sott'acqua

Anke Sademann

La regione vinicola del Montenegro, la più rovinata dal punto di vista climatico, confina con la Croazia all'estremo ovest. Nella regione costiera tra il mare e le montagne, che si estende fino alla fiabesca baia di Kotor, la storia veneziana-italiana è presente nell'architettura barocca. Il clima mediterraneo, con inverni miti ed estati calde, permette all'uva di maturare molto bene. La terra, caratterizzata da terreni sabbiosi o argillosi, produce vini corposi, freschi, fruttati e leggeri.

Probabilmente il progetto più insolito della baia è quello dei vini subacquei di Krake. I Vranac e i Muscat, sigillati ermeticamente con cera e tappi speciali, maturano a 20 metri di profondità. Vengono serviti con cozze e pesce in un'enoteca galleggiante o si possono trovare à la carte in alcuni ristoranti della regione.

La cantina Savina offre una vista cinematografica

Anke Sademann

Il vino è sacro

In Montenegro il vino è venerato come una religione. Il martire Trifone è considerato il patrono dei giardinieri e dei viticoltori. Ha trovato la sua ultima dimora a Cattaro, nella più antica cattedrale cattolica romana dell'Adriatico sud-orientale, che risale all'809. Qui molte chiese e monasteri producono vino dai propri vigneti. In nessun luogo il vino è più esteticamente piacevole da bere che nel vigneto Savina, sotto l'omonimo monastero vicino a Herceg Novi, che risale al XVIII secolo. Sulla base di vecchie mappe della tenuta privata, la famiglia ha rivitalizzato l'antica tradizione vinicola. Chardonnay, Cabernet Sauvignon, Merlot e Grenache maturano in vecchie botti di rovere francese della cantina di famiglia. Le ampie vedute sul mare durante le degustazioni cullano gli amanti del vino al settimo cielo.

I nostri consigli: Cantine, bar e ristoranti in Montenegro

Cantina Mola

Podgorica

La straordinaria Mola Boutique Winery si trova nella selvaggia e bellissima regione di Rogami. Su una superficie di 20.000 metri quadrati, l'enologo Mirko Mola produce vini biodinamici e 1.000 bottiglie di Chardonnay non filtrato "Unique", che matura a 35 metri di profondità nel lago. La cantina per la produzione e la degustazione si trova cinque metri sotto il vigneto. Non mancate di prenotare una visita guidata con degustazione!

sito web facebook

Cantina Lipovac

Gradani bb, Cetinje

La più grande cantina privata del Montenegro è riparata sulle pendici della montagna della Riserva Marina di Skadar. Qui si produceva vino fin dal III secolo, come testimoniano le anfore e le brocche trovate negli scavi archeologici. Vranac e Zizak equilibrati maturano in acciaio inox, barriques francese, tini italiani e anfore. Tour del vino con degustazione.

sito web

Monastero di Savina

Manastir Savina, Manastirska 21, Herceg Novi

I vini del monastero di Savina sono sempre consacrati il 14 febbraio, giorno del martire Trifun. Merlot, Cabernet, Chardonnay e rosé sono splendidamente etichettati con l'antica scrittura cirillica. Degustazioni di vino in estate dalle 10:00 alle 13:00 e su richiesta. Vendita nel negozio del monastero.

sito web

Hotel di charme Casa del Mare

I sei boutique hotel della famiglia Milić sono all'insegna del gusto In primo piano: gli eleganti interni marittimi incontrano la moderna cucina di mare dello chef Eros Picco (consiglio: il duo risotto!). La sommèlière Tamara Todorović propone "winespirit with a twist" al bicchiere e vini rari da vigneti locali à la carte!

sito web

Degustazione di vini della Grotta di Lipa

Lipa Dobrska nº, Cetinje

Degustazione di vini in un sistema di 2,5 chilometri di corridoi sotterranei e surreali gallerie speleologiche. Tre vini squisiti vengono serviti alla temperatura della grotta, accompagnati da musica classica. A una temperatura costante tra gli 8 e i 12 gradi: vestitevi caldi!

sito web

Salone Vina

Njegoševa 50, Podgorica

Santuario del vino ambulante che si definisce "sala di degustazione di vini con un concetto unico". 20 cantine presentano 120 vini locali e liquori speciali. Un concetto armonioso per una nuova generazione di amanti del vino nella capitale.

sito web instagram

Bucca Wine Bar

Baku br.140, Podgorica

Vino - cibo - design. Popolare, accogliente ed elegante tempio del vino e luogo d'incontro per gli amanti del vino alla moda. Selezione di vini francesi, italiani, ma soprattutto montenegrini.

facebook

Gradsa Kafana

Njegoševa, Herceg-Novi

Grande caffè di Herceg Novi, che sembra uscito da un film in stile Art Nouveau viennese. Dalla terrazza, la vista spazia sulla baia di Kotor. L'antico teatro della città, risalente al VI secolo, è un punto d'incontro centrale per gli abitanti e i visitatori. All'indirizzo carta dei vini troverete tutto il necessario per una serata di successo.

sito web

Fine & Wine Kotor

Ulica 1, centro di Kotor

Negozio di vini e specialità gastronomiche molto ben fornito nel centro storico di Cattaro. Qui potrete fortificarvi prima o dopo una visita alla cattedrale e fare scorta di buoni vini o prelibatezze del Montenegro. Prodotti di manifattura e vinicoli esclusivamente locali, provenienti da piccoli produttori e da produttori tradizionali, senza alcuna assurdità turistica.

instagram

Kod Pera na Bukovici

A Bukovica Njeguši, Cetinje

Gestita dalla quinta generazione dal 1881, questa kafana (taverna) è considerata il più antico ristorante del Montenegro, aperto ai turisti dal 1936. Il vino al miele fatto in casa viene servito con taglieri di formaggi di montagna e prosciutto affumicato in casa.

sito web

Ulteriori informazioni sul Montenegro come destinazione turistica:

www.montenegro.travel/de

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER