wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Katrin Walter ha viaggiato lontano sotto ogni aspetto. Nata a Berlino Est, ha assaggiato per la prima volta il vino a Wiesbaden e nelle zone vinicole vicine, e da lì si è addentrata nel sud: in Italia. Dal 2002 al 2014, ha vissuto prima a Milano, poi nella regione vinicola dell'Oltrepò Pavese. Lì, già nel 2002, ha completato una formazione da sommelier, ovviamente in italiano.

Katrin Walter Nel frattempo è tornata a Berlino, ma il paese non è solo un pezzo del suo passato, ma continua ad essere una parte importante della sua vita, della sua quotidianità e dei suoi affari. La vivace e comunicativa copywriter ed esperta di marketing parla un ottimo italiano da molti anni e combina la cultura del divertimento con il suo lavoro di copywriting, comunicazione e vendita da Berlino.

All'inizio, voleva solo acquisire un po' di conoscenze nei suoi studi da sommelier per poter meglio commercializzare l'Italia nella comunicazione. Ma il vino divenne interessante, affascinante e alla fine uno dei temi della sua vita. A quel tempo, era in viaggio quasi ogni fine settimana per visitare i viticoltori - e ce ne sono molti intorno a Milano.

Ora tutto quello che le serviva era un lavoro che andasse con l'Italia e il vino. Ha navigato in rete - e ha trovato Wein-Plus. Così Katrin ha scritto un po' di email con Utz Graafmann, e presto la questione è stata chiara: nell'agosto 2005, ha iniziato come rappresentante dei viticoltori in Lombardia e Piemonte. Ha funzionato, e così Katrin ha assunto il lavoro di vendita per tutta l'Italia tranne l'Alto Adige dal 2007. Inoltre, si occupa del sito web italiano(www.wein-plus.it), fa un sacco di lavoro di comunicazione e di rappresentanza, comunica ai viticoltori nella loro lingua quello che succede a Wein-Plus e scrive articoli su argomenti italiani attuali e interessanti. Quindi, l'italiano di Wein-Plus è un berlinese. È proprio questa tensione tra i mondi che le piace del suo lavoro.

Cosa l'ha spinta a scegliere il vino, tra tutte le cose, come suo obiettivo professionale?

È nato grazie al mio primo lavoro in Italia per un'agenzia pubblicitaria che si occupava di progetti di promozione delle diverse regioni e dei loro prodotti. Per gli italiani, il cibo e le bevande non sono solo consumo di cibo, ma parte dell'identità culturale locale. Questo amore e questa passione, così come l'orgoglio per il proprio territorio e per i loro prodotti, mi hanno fortemente impressionato e catturato. Erano e sono le persone con il loro cuore e la loro anima che mi hanno ispirato e mi ispirano ancora.

Lavori come copywriter e autore, scrivere è la tua professione. Il tema del vino è un argomento facile o difficile per te?

Traduco abbastanza su argomenti di vino e cibo. Questo è abbastanza facile per me, perché quasi tutto quello che so del vino e del buon cibo l'ho imparato in Italia. La mia lingua madre è l'italiano quando si tratta di vino e non il tedesco come nelle altre materie.

Bene, e in più, scrivo molti testi pubblicitari, perché alla Wein-Plus sono principalmente responsabile delle vendite e della comunicazione verso l'Italia. Questo è molto divertente per me, perché il copywriting e il "copy for use" sono esattamente la mia specialità: per esempio, la comunicazione quotidiana, i mailing, le istruzioni per l'uso fino alle risposte apparentemente semplici alle richieste dei clienti. Mi piace anticipare e rispondere alle domande prima che il cliente le faccia. Quando guido i clienti o nel servizio clienti, non lascio nessuno fuori al freddo. È così radicata in me, e sono sempre felice di vederla funzionare.

Tuttavia, le categorie di "facile" e "difficile" non mi si addicono molto. Anche se è molto divertente per me, e il risultato sembra facile, c'è un duro lavoro dietro. Alla fine, non scrivo direttamente del vino - altri possono farlo meglio. Comunico con coloro che producono vino e vendono vino. Se mi imbatto in una storia insolita, la scrivo.

Lei è di Berlino, ma ha vissuto in Italia per dodici anni. Questo periodo ha cambiato la sua prospettiva sul vino? Se sì, in che modo?

Ho imparato tutto sul vino in Italia. Quando sono andato lì nel 2002 per lavorare in un'agenzia pubblicitaria per il marketing delle località, il turismo e l'enogastronomia, ho anche iniziato la mia formazione di sommelier per avere il giusto background per il mio lavoro. È stato solo allora che ho trovato davvero la mia strada verso il vino - e alla fine ho costruito il mio centro di vita intorno ad esso. Fino ad oggi, preferisco bere vino italiano, soprattutto vini "Metodo Classico" buoni e di lunga maturazione. Per me, sono il coronamento dell'arte della vinificazione.

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze