wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Il dieci per cento della produzione mondiale di vino si perde ogni anno a causa di disastri naturali. Lo stima la società tecnologica Risklayer di Karlsruhe, che ha sviluppato un indice di rischio globale per le regioni vinicole. Il CEO di Risklayer James Daniell ha spiegato l'approccio innovativo a Markus Blaser.

Nella settimana dopo la Pasqua 2021, molti vigneti in Europa sono di nuovo in fiamme: non solo in Borgogna, ma anche in Toscana, i viticoltori stanno riscaldando le loro viti con fuochi di botte per proteggere le tenere gemme e i germogli dal congelamento. Infatti, il gelo è molto spesso la causa principale di gravi perdite di raccolto, seguita da vicino dalla grandine. I terremoti e le eruzioni vulcaniche, il calore e gli incendi boschivi, così come le tempeste, le piogge intense e le inondazioni sono altri pericoli naturali che minacciano la viticoltura in tutto il mondo.

La portata di questi rischi in una regione viticola può essere vista a colpo d'occhio con l'aiuto del Winerisk Index: Se si clicca sul punto di Bolzano in Alto Adige sulla mappa interattiva, per esempio, appaiono due occhiali verdi per i terremoti, cinque gialli per il gelo e otto rossi per la grandine. I colori del semaforo stanno per basso, medio e alto rischio, il numero di occhiali per i diversi fattori che influenzano il rischio. Essi sono riassunti nell'indice di rischio complessivo del vino di Bolzano: Nove bicchieri rossi. In questo modo facile da capire, Risklayer mostra il rischio per i luoghi in oltre 7.500 regioni viticole in 131 paesi.

35.000 dati sui disastri in tutto il mondo

L'azienda è uno spin-off del Karlsruhe Institute of Technology (KIT). È qui che il progetto di ricerca internazionale e interdisciplinare per il Winerisk Index è iniziato alcuni anni fa sotto la guida del geofisico australiano James Daniell insieme a ricercatori del clima, sismologi, ingegneri e scienziati di altre discipline. "Abbiamo ora raccolto più di 35.000 dati storici e attuali sui disastri nel nostro database CatDat", spiega l'attuale CEO di Risklayer. "Da questo, è stato possibile dedurre abbastanza rapidamente quali disastri avevano già causato danni alla viticoltura in passato. Da questo siamo stati in grado di sviluppare i nostri modelli di disastro". I ricercatori hanno collegato questi dati individuali con i dati geografici sulle regioni vinicole e le varietà di uva coltivate, così come le informazioni sulla produzione, il fatturato e il capitale investito. Da questo, hanno elaborato il loro indice di rischio utilizzando complessi modelli di calcolo.

Il modello di rischio di Risklayer si basa su tre componenti: Il punto di partenza è il rischio di danni all'uva e al vino, ma anche ai vigneti, alle piante e agli edifici. A livello globale, stiamo parlando di centinaia di miliardi di euro di produzione annuale e di capitale investito. Quanto può essere alta una perdita potenziale dipende anche dalla sua esposizione. Dipende anche da quanto i beni sono esposti a certi pericoli. Anche la probabilità che le catastrofi si verifichino in un luogo gioca un ruolo importante. Solo valutando tutti questi elementi si può stimare il danno potenziale e quindi il rischio.

Molte probabilità, rischi e condizioni

"L'indice stesso è molto approssimativo", sottolinea Daniell. "Tuttavia, quando stimiamo il rischio per una singola azienda, prendiamo in considerazione molte condizioni specifiche e dettagli che possono anche cambiare di anno in anno e quindi influenzare fortemente il rischio. Ma non si possono fare calcoli così dettagliati per tutto il mondo".

La valutazione generale deve quindi essere adattata alle condizioni della rispettiva località. È chiaro, per esempio, che i viticoltori sull'Etna, che a un certo punto erutterà di nuovo, sono direttamente esposti alla minaccia del vulcano. Al contrario, però, vitigni come il Nerello Mascalese prosperano particolarmente bene sui terreni giovani di roccia vulcanica. È per questo che vi si producono vini pieni di carattere, anche unici. Quindi la danza del vulcano riserva certamente delle opportunità - e non solo dei pericoli, contro i quali, peraltro, ci si può armare. Perché la grande catastrofe che distrugge tutto accade molto raramente, mentre gli eventi naturali più piccoli spesso causano danni solo a causa di una mancanza di prevenzione. "Si può fare molto contro i danni più piccoli", sa Daniell, "per esempio, fissando serbatoi d'acciaio, barili e bottiglie, ma anche usando reti contro la grandine sono abbastanza economici. Ci vogliono solo le informazioni necessarie per poter prendere la decisione giusta su come utilizzare al meglio 1.000 o 5.000 euro per farlo".

Suggerimenti per una migliore protezione contro i rischi delle colture

La valutazione del rischio fornita da Risklayer - per esempio sotto forma di danno medio atteso per anno - serve come base per la decisione del viticoltore: voglio accettare il rischio così com'è, prendere una protezione o assicurarmi? "Inoltre, possiamo dare suggerimenti per una migliore protezione e confrontare i costi necessari con il rischio di danni. Ma non ci occupiamo dell'implementazione concreta di concetti di protezione per le cantine", precisa Daniell nel suo approccio.

Secondo Daniell, i costi della valutazione del rischio da parte di Risklayer dipendono fortemente dallo sforzo di analisi: "Una stima approssimativa basata sui nostri dati può essere ottenuta per meno di 1.000 euro, l'analisi dettagliata delle posizioni esatte dei vigneti e degli edifici per il portafoglio di una cantina attiva a livello globale, per esempio, costa molto di più". Tuttavia, Risklayer non lavora solo come fornitore di servizi di dati per i clienti, ma è anche attivo in progetti di ricerca insieme alle organizzazioni delle regioni vinicole. L'obiettivo: Risklayer vuole pubblicare una nuova versione del Winerisk Index su una base di dati ancora migliore entro il 2023.

Il cambiamento climatico, che Daniell considera un rischio in sé, pone una sfida particolare: Secondo le sue previsioni, la temperatura nell'Italia meridionale e nella Spagna meridionale potrebbe aumentare in media di due o tre gradi. "Ma non è affatto certo che la viticoltura sarà impossibile lì tra qualche decennio", dice ottimisticamente Daniell. "I politici possono mitigare il cambiamento climatico e i viticoltori possono beneficiare di nuove varietà e metodi di coltivazione". In generale, i modelli climatici possono solo localizzare in termini molto generali dove le cose peggioreranno per la viticoltura e dove miglioreranno: "In Germania, le condizioni per la viticoltura molto probabilmente miglioreranno. Anche se gli eventi di pioggia pesante e di grandine tenderanno ad aumentare, il numero di giorni di gelo diminuirà. In ogni caso, il Riesling tedesco non è a rischio di estinzione". Questa valutazione dei rischi di James Daniell dovrebbe piacere a molti amanti del vino.

Markus Blaser lavora come giornalista freelance e storico a Firenze. Lo svizzero ha scritto per "Merum" fino al 2016 e pubblica sul contesto economico, politico, culturale e storico del vino e dell'olio d'oliva in Italia.

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze