wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Il 2018 è iniziato con un inverno eccezionalmente freddo, seguito da una primavera umida e anche troppo fresca. Sebbene questo abbia avuto il vantaggio di ricostituire in qualche modo le riserve idriche del terreno dopo l'anno precedente estremamente secco, le precipitazioni sono state così abbondanti, soprattutto alla fine di maggio e all'inizio di giugno, che in parte i vigneti erano difficilmente accessibili o non lo erano affatto, e certamente non erano percorribili. In seguito le condizioni sono diventate più favorevoli e, a partire da metà luglio, un tempo stabile di alta pressione ha garantito un processo di maturazione più rilassato. Il mese di ottobre ha offerto anche un tempo stabile per la vendemmia, così che i viticoltori hanno potuto raccogliere le loro uve senza alcuna difficoltà.
©Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani

Nelle Langhe si parla di vendemmia classica o di annata viticola, entrambi sinonimi di un'annata ricca di sfide e che ha richiesto molto ai viticoltori. Questo è evidente anche nei vini, che coprono l'intera gamma di qualità e stili che il Barolo può offrire. I migliori vini dell'annata si trovano soprattutto sul versante più elegante e quindi piuttosto tra i tradizionalisti - anche se la linea di demarcazione in questo caso non è più così netta come un tempo. Al meglio, sono complessi, fini, profondi e idealmente già ammalianti. Tuttavia, molti Barolo dell'annata presentano anche un tannino relativamente fragile, non sempre contrastato da un succo sufficientemente maturo. All'altra estremità della scala, invece, ci sono vini con molta potenza alcolica, ma solo alcuni dei quali hanno una concentrazione e una profondità sufficienti per raggiungere un buon equilibrio.

Eventi nelle tue vicinanze