wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Sebbene il 2019 sia generalmente considerato un'ottima annata in Piemonte, i risultati della degustazione del Barbaresco sono piuttosto eterogenei. L'anno è iniziato con un inverno caldo e secco, ma la primavera è stata fredda e piovosa, causando non solo una fioritura tardiva ma anche un'allegagione irregolare. Sono seguiti un giugno caldo e un'estate equilibrata in cui è stato recuperato parte del ritardo. Le condizioni climatiche ideali dell'autunno hanno reso finalmente possibile una raccolta rilassata e senza fretta.
© Barbaresco

Ciononostante, sembra che alcune cantine abbiano raccolto le uve troppo presto piuttosto che troppo tardi e non abbiano fatto una selezione troppo seria. Alcuni vini mancano di densità, complessità e fascino fruttato nonostante la notevole forza alcolica; i tannini spesso risultano relativamente fragili e secchi e gli aromi eterei così tipici del Nebbiolo diventano talvolta verdi come la canfora. Mentre i vini migliori acquistano profondità all'aria e diventano più morbidi e fini, gli esempi meno buoni difficilmente si sviluppano positivamente o addirittura nella direzione opposta dopo l'apertura - diventano più fragili e persino più verdi.

Eventi nelle tue vicinanze