wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

La varietà Nerello Mascalese produce vini di una finezza inimmaginabile sulle alture dell'Etna. La complessità e l'eleganza dei migliori vini dell'Etna non sono in alcun modo inferiori ai vini della Borgogna, della Valtellina, di Montalcino o di Langa. Questa scoperta non è nuova; i vini rossi dell'Etna sono stati a lungo conosciuti dagli intenditori per la loro finezza. Ma nonostante il formato internazionale dei vini, le cose sono tranquille nei villaggi dell'Etna. Quasi nessun enoturista, nessuna confusione di prezzi intorno ai vigneti, pochi buoni ristoranti e alberghi, un lento aumento del numero di etichette.

In realtà, si dovrebbe fare un pellegrinaggio sull'Etna almeno ogni due anni. Dopo tutto, andiamo regolarmente anche in Borgogna e ad Alba. Ma l'Etna è la Sicilia, e la Sicilia è dannatamente lontana anche dalla Toscana. Da Firenze al primo vigneto dell'Etna ci sono 1.000 chilometri in macchina, e si perdono ben dodici ore di navigazione da Livorno a Palermo, di solito anche di più. In aereo è più veloce, ma non a tutti piace questo mezzo di trasporto, un'auto a noleggio è inevitabile, e di solito si passano i primi giorni senza bagagli. In ogni caso, un viaggio sull'Etna è costoso e richiede tempo. Questa è l'unica ragione per cui non visitiamo più spesso la Sicilia. Siccome non siamo solo noi, rimane tranquillo sull'Etna e la corporazione dei viticoltori tra di loro.

L'ampio paesaggio a nord dell'Etna - i migliori vigneti sono lì - impressiona non solo gli amanti del vino. Nel breve tragitto da Randazzo a Passopisciaro, la strada attraversa enormi colate laviche raffreddate. Sono deserti di ghiaia nera, ingrigiti dalla crescita dei licheni. Lì non cresce nulla, solo sul bordo del torrente solidificato ci sono querce e macchia mediterranea su un terreno brullo tra le rocce.
La vista fino alla cima di 3.340 metri è comunque rassicurante; sopra i pendii ghiacciati, l'Etna lascia salire un tranquillo pennacchio di fumo.

Ma il vecchio fumatore è diventato solo apparentemente mansueto. Quando è in vena, mette in scena monumentali spettacoli pirotecnici. Nel 1981, ha mandato un flusso incandescente di roccia vicino a Randazzo fino al fiume Alcantara. Ancora e ancora dimostra la sua imprevedibilità ed esplode in luoghi inaspettati, apre nuovi crateri e voragini, offre spettacoli pirotecnici unici, provoca paura e distruzione.

Mentre scriviamo queste righe, ci giunge una mail di un amico altoatesino in viaggio in Sicilia: "Eravamo in cima, nel punto di osservazione più alto, quando il pennacchio di fumo divenne sempre più grande e le guide diedero l'ordine: Uscite immediatamente da qui! Non appena siamo arrivati alla stazione di montagna con i veicoli Unimog, è iniziato: pietre di lava di diversi centimetri sono cadute dal cielo, come in una grandinata. In poco tempo, i campi di neve erano grigio scuro, e giù alla stazione a valle le macchine erano coperte di cenere". I siciliani sanno proprio come offrire qualcosa ai turisti!

Anche i vigneti più in basso - arrivano fino a 1.000 metri e oltre - le case e i paesi non sono sicuri. Nel 1669, una colata di lava attraversò il centro di Catania fino al mare e lo spinse indietro di alcune centinaia di metri. Nel 1928, il paese di Mascali - che dà il nome al Nerello Mascalese - fu ridotto in macerie. Non c'è quasi nessun villaggio nel paesaggio intorno al cratere, che è stato ripetutamente rimodellato dalle colate di lava, che non sia stato distrutto o minacciato nel corso dei secoli passati.

Fu solo secoli dopo che la lava si era raffreddata che la flora mediterranea cominciò a colonizzarla. (Foto: Merum)

Più alta è l'altitudine, migliore è il vino

Ma il vulcano non porta solo distruzione. La fertilità di ciò che scaglia sulla terra nella sua furia ha sempre attirato la gente. Nel corso dei secoli, la lava si consuma in polvere nera ricca di minerali. La vite ama questi terreni e produce qui dei vini molto speciali.

I migliori vigneti si trovano tra i 600 e i 1.000 metri sul livello del mare e a volte più in alto. Durante il giorno, il sole riscalda i vigneti con potenza mediterranea, ma di notte le temperature scendono di 20, a volte anche fino a 30 gradi: sono condizioni perfette per vini delicati.

Quando la DOC Etna è stata istituita nel 1968, la zona di coltivazione era limitata verso l'alto. La ragione è che questi siti alti non erano più coltivati in quel momento. Oggi, però, ci sono di nuovo dei vigneti, alcuni dei quali sono davvero dei vigneti di punta. Tuttavia, tutto ciò che supera il limite della DOC deve essere imbottigliato come IGT o, più recentemente, come DOC Sicilia.

Due dei migliori produttori hanno siti sopra questo limite: Planeta e Passopisciaro. Questo è anche il motivo per cui questi produttori non etichettano il loro vino come Etna DOC. Alessio Planeta: "Oggi i nostri vini dell'Etna sono ancora etichettati come IGT Sicilia, ma a partire dal 2013 i due vini dei siti più alti saranno commercializzati come DOC Sicilia, gli altri come Etna DOC."

I viticoltori vorrebbero cambiare il regolamento di produzione, perché non è più aggiornato, dato che il vino è di nuovo coltivato ad altitudini fino a 1.300 metri. Ma a quanto pare non è un'impresa facile. Perché con ogni cambiamento, si possono portare anche altre richieste. Per esempio, alcuni produttori, quelli con vigneti a bassa quota, vorrebbero che il loro vino fosse riconosciuto anche come Etna DOC. Ma questo, a sua volta, non si addice alle fattorie ad alta quota, perché più i siti sono bassi, più i vini sono rustici e semplici. È l'altitudine che rende il Nerello qualcosa di grande!

Gli italiani sanno molto bene che le denominazioni sono utili e necessarie, ma a differenza dei francesi, non le amano. Ecco perché le voci secessioniste si alzano spontaneamente in queste situazioni. Ci sono alcuni che vogliono creare una nuova DOC: la "Alta Quota".

Merum dice: un'idea folle! Perché non scendere a compromessi sull'Etna DOC, integrare i siti alti e accettare quelli bassi come prezzo? Gradualmente, potrebbe essere introdotta una classificazione dei siti, una classificazione ufficiale o di fatto, dettata dal mercato. L'"Etna" è ben noto e sta iniziando a prendere piede come marchio di vino. Creare ora una denominazione concorrente non solo creerebbe nuovi problemi di marketing per le cantine uscenti, ma indebolirebbe anche l'attuale DOC Etna.

Il cratere è sulla sinistra. (Foto: Merum)

Raccolto tardivo, clima difficile

Le principali aree di coltivazione sull'Etna si trovano a nord e a est del vulcano. Giuseppe Benanti di Viagrande: "Mentre qui si vendemmia già nella terza settimana di settembre, la vendemmia al nord inizia quattro settimane dopo".

Più alti e più esposti a nord sono i vigneti, più tardi può avvenire la vendemmia. Nel nord, il Nerello non viene raccolto fino a circa il 25 ottobre a metà novembre. Graci: "Lo scorso autunno ho raccolto l'ultima uva solo il 5 novembre ed era perfetta. Sull'Etna, la vendemmia è sempre un'impresa difficile perché di solito piove molto in ottobre e novembre. L'anno scorso è stato relativamente secco, ma è stata un'eccezione".

In generale, quando l'uva matura ad alte temperature, può produrre buoni vini, ma inevitabilmente vini con frutta marmellata, acidità degradata, nessuna finezza. Se i vini rossi dell'Etna, come quelli della Borgogna o della Valtellina, hanno questa incomparabile eleganza, lo devono anche alle basse temperature durante la maturazione e la raccolta. Come in Langa in passato, la neve può cadere sull'Etna durante la vendemmia.

Il clima sull'Etna è piovoso. Piove spesso, soprattutto nel sud-est, con precipitazioni fino a dieci volte maggiori che nel resto della Sicilia.

Nei vigneti alti a nord del vulcano, la vendemmia non è solo ritardata rispetto alle località più basse e calde. A causa della minore durata del sole e del clima più rigido, l'intera stagione di crescita è ritardata. Questo si traduce in vini completamente diversi. Così, i rossi del lato nord appaiono un po' più austeri dei vini del lato est, soprattutto in gioventù. Hanno bordi ruvidi, tannini più energici, maggiore acidità e meno colore, ma il loro frutto è più profondo e i vini possono essere unicamente fini.

È interessante sentire cosa dice Alessio Planeta sul processo di raccolta nella sua fattoria. Planeta possiede vigneti nella Sicilia occidentale (Menfi), nel sud (Vittoria e Noto) e nel nord-est (Etna e Mamertino). Alessio Planeta: "La nostra vendemmia dura 90 giorni! Inizio a fine agosto con le uve a maturazione precoce a Menfi e finisco a fine ottobre con il Nerello Mascalese sull'Etna". Questa è la Sicilia! Non una regione vinicola uniforme, ma un piccolo continente con le condizioni di coltivazione più diverse - e i vini più diversi!

Vite di Nerello nella terra nera vulcanica. (Foto: Merum)

Secondo il disciplinare di produzione, si possono raccogliere fino a 9.000 chili di uva per ettaro per il rosso Etna DOC. Ma questa è una teoria, soprattutto nei migliori siti con vecchie viti di Alberello. Alberto Graci ci racconta il suo 2009: "Ho raccolto solo 1.000 chili per ettaro. È stato un anno difficile. Ma il piccolo vino che abbiamo fatto era magnifico. È stato finora il vino più elegante che abbia mai fatto". Sono 1.000 bottiglie per ettaro.... Se costassero quanto dovrebbero in termini di sforzo, sarebbero più cari dei più famosi Premiers della Côte de Nuits e dei migliori Barolo....

La formazione classica della vite sull'Etna è la potatura, chiamata Alberello in Italia. Questo forma di allevamento è molto comune nel sud dell'Italia, ma anche nel sud della Francia (gobelet, il termine francese), ma sta sempre più scomparendo per far posto alle forme più a bassa manutenzione wire-frame.

Le viti, legate a bastoni di castagno, sono distanziate di un buon metro, quindi ci sono circa 8.000 piante per ettaro. La terra viene lavorata nei vigneti pianeggianti con piccole macchine, ma sui pendii a mano con le zappe, in salita, vite per vite, metro per metro....

Grandi barili meglio di barriques

Una volta raccolto, il Nerello rimane sul mosto per 10-15 giorni nella cantina di Passopisciaro. Una volta completata la fermentazione, viene svincolato e pressato. Il vino giovane viene poi messo in botti di rovere da 5.000 litri, dove avviene anche la fermentazione malolattica. Un ulteriore anno e mezzo in botti di legno viene utilizzato per invecchiare il vino.

Da Benanti, invece, i vini rossi rimangono in ammostamento per circa 25 giorni. Questo estrae molto colore e anche tannini. Giuseppe Benanti: "Non è senza motivo che i nostri vini sono messi sul mercato solo dopo quattro anni. Dopo la fermentazione, i vini vengono filtrati e poi vanno in barriques." Russo lavora anche con piccoli contenitori: "Per ragioni di spazio, uso solo barriques, ma non appena la nuova cantina sarà finita, acquisterò grandi botti di legno". In effetti, ciò che ci disturbava dei vini di questi due produttori era il carattere rigoroso del legno.

La Tenuta di Fessina lavora con diverse, ma soprattutto con grandi botti di legno. È puramente una questione di gusto quale dei loro due Etna DOC ci piace di più. Sicuramente il vino di punta di Fessina, il Musmeci, è il vino più ricco e complesso, ma per il nostro gusto è al limite con il legno, soprattutto in gioventù, mentre il primo è il vino più semplice, ma senza legno e meravigliosamente fruttato e bevibile.

Vino dell'Etna: la fornitura è prevista...

Alberto Graci, vicepresidente del Consorzio dell'Etna: "La produzione totale della DOC è di circa 1,5 milioni di bottiglie. Di queste, un milione di bottiglie è Etna DOC rosso, il resto è bianco". Il vino bianco Etna DOC è fatto con uve Carricante. In realtà, questa varietà è estremamente interessante. Tuttavia, al momento non ci convincono i vini bianchi dell'Etna, perché spesso sono troppo vistosamente segnati dal rovere nuovo.

I segni che la denominazione è commercialmente ancora all'inizio della sua carriera si possono leggere dai seguenti fatti: 3.120 ettari sono approvati come zona DOC secondo la Federdoc (organizzazione ombrello dei consorzi di tutela italiani). In realtà, però, solo 400 ettari producono Etna DOC. Mentre il consorzio parla di un milione di bottiglie di vino rosso DOC, cioè 750.000 litri, secondo la Federdoc, invece, si producono 1,8 milioni di litri di Etna rosso DOC. Questo significa che più della metà del vino DOC non viene imbottigliato alla fine, ma venduto come vino da tavola.

Quanti produttori dell'Etna conoscete? Cinque? Dieci? Giuseppe Russo: "Ci sono circa 60 imbottigliatori iscritti alla Camera di Commercio sull'Etna. Quindici anni fa ce n'erano forse dieci. Solo alcuni dei 60 produttori sono anche conosciuti a livello internazionale. La maggior parte di loro vende solo a livello locale o regionale". Dietro un'avanguardia meritevole di vini a volte indimenticabili, alcune decine di viticoltori aspettano nell'anonimato, pronti a seguire man mano che la denominazione avrà più successo. Quindi il futuro dovrebbe portare a noi fan dell'Etna una gamma sempre più diversificata.

Le fette di limone aromatico sono anche una specialità siciliana. (Foto: Merum)

La riscoperta dei vini dell'Etna

I vini dell'Etna hanno sempre avuto buone vendite. Le cantine dell'Italia settentrionale e dell'Europa centrale non solo avevano bisogno di un Nero d'Avola corposo e fruttato, ma anche di vini con una minore gradazione alcolica e più tannino per le loro miscele. Inoltre, i viticoltori dell'Etna soddisfacevano la domanda delle cantine commerciali delle vicine città di mare e placavano la sete dei turisti.

Federico Curtaz (Tenuta di Fessina) lo sa: "Nel XIX secolo c'erano 50.000 ettari di vigne sull'Etna, tutto era pieno di viti". Vincenzo Lo Mauro (Passopisciaro) conferma: "Le pendici dell'Etna erano coperte di viti, soprattutto Nerello, fino a 1.300 metri. Le rese per ettaro erano enormi, con una vite che produceva fino a quattro chili d'uva". Si dice che più di 100 milioni di litri di vino siano stati prodotti sull'Etna in quel periodo!

"Già nel XIX secolo", dice Curtaz, "l'Etna era di grande importanza per la produzione di vino siciliano. Tuttavia, i vini non sono mai stati venduti come produzione dell'Etna. I vini hanno iniziato il loro viaggio nel grande mondo dal porto di Riposto a nord di Catania. I documenti di spedizione dicevano 'Vino Rosso di Riposto', nessuna traccia dell'effettiva origine".

Alessio Planeta: "In passato, i viticoltori vendevano apertamente il loro vino ai vicini ristoranti di Taormina e Catania. E non erano mal pagati per questo. I prezzi dei vini aperti dell'Etna erano di gran lunga superiori alla media, e i viticoltori potevano ricavarne un buon guadagno. Se avessero imbottigliato in quel momento, sarebbe stata solo una spesa inutile per loro".

Ma circa 30 anni fa, il business del vino miscelato è crollato, e anche il consumo di vino locale è diminuito costantemente. Lo Mauro (Passopisciaro): "La domanda di vino aperto è diminuita rapidamente. Ma invece di commercializzare il loro vino, i viticoltori hanno lasciato appassire i vigneti. Oggi ci sono ancora circa 3.000 ettari di vino sull'Etna". Curtaz: "Purtroppo, non ci sono più di 3.000, 4.000 ettari. La maggior parte delle terrazze sono abbandonate e ricoperte di vegetazione".

Ma ora l'Etna sta tornando di moda. Tra un gruppo molto speciale di amanti del vino, comunque. Per queste persone, abituate a vivere i loro momenti di felicità enologica con ottimi Pinot Nero, Grumello o Sassella, Ghemme e Gattinara, Grignolino, Nebbiolo o Barbaresco, il mondo del vino è diventato un po' più grande grazie all'Etna.

Anche prima della riscoperta dei vini dell'Etna, una piccola manciata di cantine si era già fatta un nome. Benanti, Murgo o Barone di Villagrande sono certamente da menzionare. Ma erano considerati più come consigli statici da insider che come protagonisti di uno sviluppo. Le cose sono state messe in moto dai nuovi arrivati. Innanzitutto il proprietario dell'azienda vinicola toscana Trinoro, Andrea Franchetti (Passopisciaro), il broker italo-americano Marc de Grazia di Firenze (Tenuta delle Terre Nere) e Planeta, che hanno tutti acquistato terreni qui negli ultimi 15 anni.

Alessio Planeta: "Il mondo del vino etneo aveva bisogno di persone come Marc de Grazia e Andrea Franchetti, che hanno riconosciuto dall'esterno il grande potenziale. I viticoltori locali sono stati scossi da questo. De Grazia e Franchetti hanno capito che il Nerello Mascalese doveva essere trattato come un Nebbiolo o un Pinot Nero".

Federico Curtaz (Fessina): "Molto è successo qui negli ultimi anni, molti hanno investito qui, anche se la produzione di vino sull'Etna comporta costi enormi e la mancanza di infrastrutture è un problema per i viticoltori."

La cura delle vigne è possibile solo a mano nei vigneti storici. (Foto: Merum)

Alessio Planeta: "La vita sull'Etna è ancora fortemente influenzata dal ritmo agricolo. Proprio per questo è un mondo che affascina me e anche molti altri. Se vai al bar di Passopisciaro oggi, ogni pochi minuti puoi incontrare qualcuno che è qui proprio per i vini. Potrebbe essere un giornalista internazionale di vino o lo stesso Piero Antinori. L'Etna è una delle regioni vinicole più ricercate d'Italia in questo momento. C'è molta curiosità".

Vincenzo Lo Mauro (Passopisciaro): "Con l'arrivo di Franchetti e di alcuni altri, il nord dell'Etna ha ripreso a vivere. Quando è venuto qui allora, c'era ancora molta terra da comprare; oggi non è così facile trovare buone posizioni. Molti terreni sono già stati acquistati, e i proprietari stanno aspettando di vedere come si sviluppa il mercato e se vale la pena piantare altri vigneti. Alcuni temono anche che l'interesse internazionale per l'Etna sia solo una moda passeggera".

Viticoltori compatti

Alberto Graci: "Grazie al buon umore tra i produttori, siamo riusciti a far interessare il mondo del vino a noi in tempi relativamente brevi. Lavoriamo bene insieme, ci incontriamo regolarmente, degustiamo insieme i nostri vini. Tutto questo contribuisce alla crescita della zona vinicola. Non mi piace parlare della mia azienda, ma preferisco parlare della regione etnea nel suo insieme. E non lo vedo solo io, ma anche i miei colleghi. Siamo un gruppo di viticoltori che hanno un grande rispetto per il terroir. Prima viene la denominazione nel suo insieme, poi le singole cantine. Questo è molto raro, soprattutto in Italia, ma secondo me è la chiave del successo. Il caso ha riunito tutte queste persone qui, Frank Cornelissen, Marc de Grazia, Andrea Franchetti.... Non conoscevo nessuno di loro prima. Nel frattempo siamo diventati amici e insieme abbiamo riportato in vita questa terra".

Salvatore Scilio (Scilio): "Finché gli investitori stranieri rispettano il territorio e l'originalità, sono i benvenuti. Ma se vengono qui solo per speculare, può diventare un problema. Fortunatamente, i nuovi arrivati finora apprezzano l'enorme valore dell'Etna. La nostra azienda ha anche beneficiato di altri che fanno marketing per la zona di coltivazione. I nomi noti aiutano l'intera denominazione. Il bello è che tutti puntano alla qualità, non si trovano quasi più vini cattivi".

Chi non conosce l'Etna da vicino potrebbe temere una colonizzazione da parte di capitali stranieri sullo stile della Maremma. Questo pericolo non esiste! Perché sull'Etna, la difficoltà per chi è disposto a investire è trovare dei lotti di terreno più grandi e contigui in primo luogo. L'area di coltivazione dell'Etna è molto frammentata, per cui è molto difficile riunire vigneti di un ettaro o più. Oltre al pensiero economico, una buona porzione di idealismo è necessaria per far funzionare qualcosa qui.

Questo è un lato molto simpatico dell'Etna: i produttori si incontrano tutti sullo stesso piano, viticoltori locali e imprenditori vinicoli stranieri. Le stesse condizioni prevalgono per tutti, non ci sono grandi cantine né mega cantine, i vigneti sono per lo più di piccole dimensioni, le viti sono fitte, la meccanizzazione è possibile solo in misura molto modesta, i costi di produzione sono alti per tutti.

L'influenza cementante dei nuovi arrivati è sorprendente e unica. Contrariamente a quanto si potrebbe supporre, la comunità dei viticoltori non si è allontanata a causa degli investitori provenienti dalle regioni più diverse, ma piuttosto si è avvicinata sempre di più negli ultimi anni. Un esempio è l'evento "Le Contrade dell'Etna" in onore del Nerello Mascalese, iniziato da Andrea Franchetti: Un incontro regolare per tutti i produttori di vino dell'Etna e gli amici professionisti dell'Etna in primavera. (Ah, se solo la Sicilia non fosse così lontana...).

Nonostante la sua lontananza geografica, l'Etna è una delle più promettenti denominazioni italiane a picco sul mare. L'ascesa di questa regione vinicola è ancora agli inizi, ma le condizioni sono perfette. Numerosi vigneti, da tempo abbandonati, hanno già ricevuto una nuova vita. Si sta creando lavoro per la popolazione locale, altri imprenditori vinicoli ben finanziati si uniranno, il denaro fluirà nelle casse comunali, l'offerta turistica - hotel, buoni ristoranti - sarà ampliata... Oh, come vorremmo che la Sicilia avesse un fenomeno Montalcino sull'Etna!

Quindi affrettatevi: se volete conoscere l'Etna prima del boom, vi conviene sbrigarvi...

Questo articolo ci è stato messo a disposizione dalla redazione di Merum. Scopri di più su Merum, la rivista per il vino e l'olio d'oliva dall'Italia, qui:
Alla homepage di Merum
Ordina una copia gratuita di Merum

La regione Etna DOC nella guida dei vini di Wein-Plus

Tutti i vini dell'Etna DOC attualmente degustati nella guida dei vini di Wein-Plus

Al "Migliore delle varietà bianche autoctone di Sicilia

Al "MEGLIO del Nero d'Avola di Sicilia".

All'articolo della rivista "Sicilia DOC: un'isola diventa una denominazione".

Related Magazine Articles

View All
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze