wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

L'app di affittacamere AirBnB ha attivato la nuova categoria di alloggi "Wine Regions", in inglese "Vineyard", in tutto il mondo. È già stato testato in Gran Bretagna nel 2021 con grande successo. Attualmente, in questa categoria si trovano più di 120.000 alloggi legati al vino, alcuni dei quali si trovano anche in vigneti gestiti. La piattaforma online tiene quindi conto del crescente interesse per l'enoturismo. Nel 2021, la categoria "Vigneto" ha generato quasi 35 milioni di sterline (41 milioni di euro) solo nel Regno Unito. Qui AirBnB collabora con l'associazione nazionale dell'industria vinicola inglese e gallese WineGB. Secondo la piattaforma, in media ogni cantina ha guadagnato più di 9.200 sterline (10.750 euro) dagli amanti del vino che hanno prenotato un soggiorno nella loro struttura.

Secondo un'analisi di AirBnB, il numero di soggiorni presso le aziende vinicole, insieme ad altre offerte speciali come le case sugli alberi e le case storiche, è aumentato del 120% nel 2021 rispetto al 2019. Attualmente, tuttavia, gli alloggi vicino alle aziende vinicole vengono visualizzati principalmente in molti Paesi. I soggiorni direttamente nelle cantine sono attualmente prenotabili in Croazia, Portogallo, Provenza e Argentina.

(al / Fonte: drinksbusiness; Foto: wikimedia, K.-M. Luettgen)

Per saperne di più

AOC Languedoc lancia un'audioguida per i turisti del vino

Il più grande wine resort della Francia è in costruzione a Saumur per 46 milioni di euro

La Toscana rafforza il suo ruolo di pioniere nell'enoturismo

Eventi nelle tue vicinanze