wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Aubert de Villaine si ritira dopo mezzo secolo alla guida dell'azienda vinicola di culto Romanée-Conti. L'82enne si ritira dalla gestione dell'azienda, ma rimarrà un membro del consiglio di sorveglianza. Suo nipote Bertrand de Villaine aveva già assunto la cogestione nel dicembre dello scorso anno.

Aubert de Villaine è arrivato a Romanée-Conti, nella Côte-d'Or, nel 1965, ed è stato a capo della cantina dal 1974. Quando de Villaine iniziò, i Borgogna non erano ancora venduti a prezzi esorbitanti. Fu solo nel 1972 che Romanée-Conti divenne redditizio, ha detto de Villaine alla radio France Bleu. Oggi, i vini sono tra i più ricercati e costosi del mondo. Le bottiglie rare raggiungono prezzi fino a 50.000 euro. De Villaine è un pioniere sotto molti aspetti. Nel 1985, il Domaine è stato una delle prime cantine al mondo a convertirsi all'agricoltura biologica. Negli anni 1990, ha introdotto l'aratura con i cavalli, seguita dalla conversione alla biodinamica nel 2006. È anche grazie al suo impegno che i tradizionali "climats" (appezzamenti di vigneti) della Borgogna sono stati dichiarati patrimonio mondiale dell'Unesco nel 2015.

(ru/ Fonte: France Bleu; Foto: Wikipedia)

Eventi nelle tue vicinanze