wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

La regione vinicola di Bordeaux ha ridotto le sue emissioni di CO2 del 30% dal 2008. Questo è stato riferito dal Conseil Interprofessionnel du Vin de Bordeaux (CIVB) al 12° forum ambientale "Environnemental et Technique" a Bordeaux. Le denominazioni avevano così superato il loro obiettivo originale del 20% nel 2020. La ragione principale dei risparmi, tuttavia, sono i volumi di produzione più bassi. "Nel 2012 abbiamo commercializzato 5,6 milioni di ettolitri di vino, nel 2019 è stato meno di cinque milioni di ettolitri. Secondo i calcoli, la diminuzione della produzione spiega la maggior parte della riduzione dell'impronta di carbonio. Ma è anche amplificato dal miglioramento dell'efficienza energetica e dai cambiamenti nelle pratiche dei vigneti", ha spiegato Laurent Charlier, responsabile della ricerca e dell'innovazione del CIVB.

L'obiettivo per il 2050 è di ridurre le emissioni del 74%, ha detto. Per raggiungere questo obiettivo, il CIVB applicherà a partire dal 2022 dei concetti globali che vanno dall'imballaggio al trasporto, dalla vinificazione all'efficienza energetica degli impianti di produzione, dal bilancio di CO2 nel vigneto alla raccolta e al riutilizzo dei gas di fermentazione in cantina.

(ru /fonte: Winenews; foto: 123rf.com/spiritprod33)

Altro sull'argomento:

Pomerol vieta gli erbicidi, prima AOC in tutta la regione di coltivazione

"Troppo Merlot a Bordeaux"