wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Hubert de Boüard, comproprietario di Château Angélus a St. Emilion, è stato condannato a una multa di 60.000 euro, di cui 20.000 sospesi, per "protezione illegale degli interessi". Era stato citato in giudizio da diversi châteaux per aver manipolato la classificazione delle cantine di St. Emilion a suo favore - e a loro svantaggio.
All'epoca in cui la classificazione di St. Emilion 2012 è stata elaborata, de Boüard e il coimputato Philippe Castéja occupavano posizioni di primo piano nell'INAO, l'autorità nazionale di denominazione. Allo stesso tempo, de Boüard ha lavorato nell'autorità vinicola di St-Emilion Organisme de Défense et de Gestion (ODG) in una posizione di responsabilità. Castéja è stato assolto dal tribunale.
Nella classificazione del 2012, Château Angélus è stato elevato allo status più alto di St Emilion - Premier Grand Cru Classé A. Inoltre, altre sette tenute consigliate o gestite da de Boüard sono state aggiornate o hanno mantenuto il loro status. Lo Château Trotte Vieille di Castéja, invece, è rimasto in stato B.
Il tribunale di Bordeaux ha stabilito che le azioni di de Boüard erano andate oltre un conflitto di interessi passivo, ma non ha potuto trovare prove di influenza diretta. I querelanti non hanno quindi ricevuto danni.
In una prima dichiarazione, De Boüard chiama la sentenza "un'ingiustizia" e sta considerando un appello.

(al / fonte: drinksbusiness; foto: 123rf)

Altro sull'argomento
Viticoltori di St. Emilion accusati di aver "manipolato" la classificazione Grand Cru - I noti proprietari di château rischiano fino a cinque anni di prigione

Eventi nelle tue vicinanze