wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

L'imprenditore vinicolo spagnolo Miguel A. Torres dell'omonima cantina invita i produttori di vino a combattere il cambiamento climatico. "Non stiamo parlando di cambiamento climatico, stiamo parlando di un'emergenza climatica". Questo è peggio per la viticoltura della fillossera", ha detto durante una conferenza sull'impatto del cambiamento climatico sull'industria del vino. Torres è un partner fondatore di International Wineries for Climate Action (IWCA) e dal 2007 ha investito oltre 15 milioni di euro in energie rinnovabili, biomasse, auto elettriche, efficienza energetica, riforestazione e ricerca. Tra il 2008 e il 2020, l'azienda dice di aver ridotto le emissioni di CO2 del 34% per bottiglia. Il suo obiettivo, dice, è di ridurli del 60-70 per cento entro il 2030 e di azzerarli entro il 2050.

Torres descrive la viticoltura come un indicatore del cambiamento climatico e un "settore che sta già subendo le conseguenze a livello internazionale". Per lui, gli eventi meteorologici estremi degli ultimi anni con incendi e danni da fumo, gelo, grandine e ondate di calore sono "un segno di cosa aspettarsi in futuro".

L'IWCA è un gruppo di lavoro di cantine che sostiene un approccio basato sulla scienza per ridurre le emissioni di carbonio nell'industria del vino.

(al / fonte: drinksbusiness; foto: Pixabay Greg Reese)

Altro sull'argomento

"Dobbiamo preservare a lungo ciò che ha funzionato per 2.000 anni" - Intervista con il Prof. Dr. Hans Reiner Schultz sui problemi più urgenti della viticoltura nel cambiamento climatico

"Troppo Merlot a Bordeaux" - L'enologo bordolese Peter Sisseck vuole contrastare il riscaldamento con il Cabernet Franc

LaCommissione europea si aspetta volumi di raccolto fortemente fluttuanti in futuro - L'UE aumenta gli aiuti per l'assicurazione del raccolto

Eventi nelle tue vicinanze