wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

La fiera Slow Wine di Bologna è stata inaugurata domenica dal fondatore di Slow Food Carlo Petrini e da uno degli uomini più in pericolo d'Italia: Il sacerdote Don Luigi Ciotti è presidente dell'organizzazione Libera Terra, che lotta contro le pratiche di sfruttamento della mafia nell'agricoltura del sud Italia. Si oppone alle condizioni di lavoro da schiavi, ai racket di protezione e alla contraffazione dei prodotti. Ciotti ha avuto l'idea di restituire alla società civile le terre confiscate dalla mafia. La sua organizzazione coltiva su queste terre ex criminali, tossicodipendenti e mafiosi. Sono già stati bersaglio di attacchi diverse volte. Dopo le minacce di morte contro di lui, Ciotti, che vive a Torino, è sotto costante protezione della polizia ed è considerato una delle persone meglio protette in Italia.

La Slow Wine Fair è la fiera della Slow Wine Coalition, che è stata presentata ufficialmente da Carlo Petrini domenica. In questo evento, 570 viticoltori di dodici paesi si sono presentati durante tre giorni. La filosofia della Slow Wine Coalition comprende la coltivazione sostenibile, la protezione dell'agricoltura, l'integrazione sociale e la cooperazione.
"La cooperazione è importante. Negli ultimi mesi, le vendite online sono aumentate molto, ma un produttore di vino non può vivere solo di questo. Se immagino i paesi della mia regione d'origine, le Langhe, senza ristoranti ed enoteche - non funziona. Barolo e Barbaresco non possono sopravvivere solo sulle esportazioni", ha detto Petrini. Tanto più importante è la cooperazione di tutti gli attori, a partire dai produttori di vino, ristoranti, alberghi, sommelier e conoscitori privati.

(al / Fonte: Vinaria; Foto: Pasquale Minopoli)

Eventi nelle tue vicinanze