wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

La Germania ha esportato circa un milione di ettolitri di vino per un valore di 288 milioni di euro in 130 paesi nel 2016. Così, il valore dei vini esportati è diminuito del quattro per cento e la quantità del tre per cento. Queste cifre sono state pubblicate dall'Istituto tedesco del vino (DWI)

Secondo il DWI, soprattutto i vini del segmento entry-level sono stati colpiti da questo sviluppo. "Gli esportatori tedeschi di vino stanno affrontando una concorrenza internazionale molto dura soprattutto nel segmento dei vini di base", ha spiegato l'amministratore delegato di DWI Monika Reule. "Tra le altre cose, questo è anche dovuto al calo del consumo di vino nei grandi paesi europei produttori di vino. Questi hanno aumentato i loro sforzi di esportazione negli ultimi anni e possono portare i loro vini sul mercato a prezzi più bassi dei produttori tedeschi a causa dei costi di produzione relativamente bassi"

Secondo il DWI, i vini di qualità hanno rappresentato l'85% delle entrate totali delle esportazioni e il 76% del volume di vino esportato l'anno scorso. Rispetto all'anno precedente, questo corrisponde a un aumento del due per cento ciascuno. Così, la tendenza verso vini di qualità superiore nelle esportazioni, che è stata osservata per molto tempo, è continuata, ha detto il DWI. Secondo l'istituto, il prezzo medio dei vini di qualità esportati è rimasto invariato a 3,23 euro al litro nel 2016, rispetto a un valore medio per tutti i vini di 2,88 euro al litro, che è diminuito di un centesimo.

I quattro mercati d'esportazione più importanti per il vino tedesco sono attualmente - in ordine decrescente - gli USA, i Paesi Bassi, la Norvegia e il Regno Unito.

(CS / Comunicato stampa; Immagine: DWI)

Eventi nelle tue vicinanze