wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Il proprietario di Brance-Cantenac era il "maestro costruttore del Médoc".

Famiglia Lurton
Image header

Lucien Lurton, una delle personalità più influenti della scena vinicola di Bordeaux, è morto sabato all'età di 97 anni. La rivista specializzata "La Revue du Vin de France" lo onora come uno dei "grandi costruttori del Médoc", che ha dato il via alla rinascita di Bordeaux a partire dagli anni Settanta.

Nel 1954, Lurton ereditò lo Château Brane-Cantenac a Margaux, che trasformò in uno dei migliori indirizzi del Médoc con grande impegno personale e rischi, soprattutto dopo la gelata del 1956. Investì tutto il suo denaro in tenute vinicole nel Médoc, a Graves e a Entre-deux-Mers. Acquistò gli Châteaux Durfort-Vivens, Climens, Villegeorge, Tour de Bessan, Haut-Nouchet, Camarsac, Bouscaut e Desmirail a Margaux. Lucien Lurton ha sempre sostenuto uno stile elegante e vivace nei suoi vini e vi si è attenuto nonostante le varie mode che privilegiavano una maggiore concentrazione. Oggi i suoi vini sono considerati esempi di "bevibilità" nuovamente apprezzata.

Lurton ha avuto undici figli dalla moglie Marie-Jeanne Duvoisin. Negli anni '90 ha ceduto i suoi vigneti a dieci di loro. Anche dopo il suo ritiro dall'attività operativa, si è battuto per la protezione e la conservazione del Médoc, lottando, tra l'altro, contro l'espansione delle cave di ghiaia e per la classificazione delle migliori parcelle per la viticoltura. Dal 1954 al 2013 è stato amministratore della cooperativa vinicola di Margaux. Lucien Lurton si è spento serenamente circondato dalla sua famiglia.

(al / Fonte: La Revue du Vin de France)

più notizie Mostra tutti

Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze