wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Slow Food ha incluso il vitigno Blauer Silvaner nell'"Arca del Gusto". Il progetto per la biodiversità protegge i cibi importanti della regione, le specie animali da allevamento, le piante coltivate e i metodi tradizionali di preparazione dall'essere dimenticati e dalla scomparsa. Slow Food vuole contribuire a far conoscere meglio il Blauer Silvaner inserendolo nell'"Arca". Perché produce "non solo vini robusti, forti e maturi; grazie alla sua resilienza, ha anche affrontato bene il cambiamento climatico finora", dice in un comunicato.

Il Blauer Silvaner appartiene alla famiglia dei vini bianchi della Franconia, ma è poco diffuso: nel 2018, la superficie coltivata era di soli 29 ettari in Germania. Il Grüner Silvaner viene coltivato su 4.744 ettari. Il Blauer Silvaner è principalmente coltivato e commercializzato da cantine in Franconia, ma anche in Baden, sulla Nahe, in Rheinhessen, nella regione Saale-Unstrut e in Württemberg.

Fino al 20° secolo, era anche comune in Franconia coltivare diverse varietà di uva in un "set misto". Oltre ai Grüner, Gelber e Roter, questo includeva anche il Blauer Silvaner. Mentre il Grüner Silvaner è stato prodotto come varietà singola dall'inizio del XX secolo, il Blauer è rimasto una componente del set misto, che oggi è quasi scomparso. Non è chiaro, tuttavia, se il Blauer Silvaner sia l'uva originale della varietà verde o se sia nato come mutazione. Nel 1964, il viticoltore e selezionatore d'uva Kaspar Steinmann di Sommerhausen am Main ha scoperto la varietà e ha lavorato su di essa attraverso la selezione. Nel 1984, il Blauer Silvaner è stato registrato come varietà di vino bianco presso l'Ufficio federale delle varietà vegetali.

(uka / Foto: Slow Food)

Eventi nelle tue vicinanze