wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

I terreni vulcanici e il particolare microclima sono il segreto dei ricercatissimi pistacchi di Bronte. Qui, a un'altitudine compresa tra i 400 e i 900 metri, il pistacchio trova le condizioni ideali per una crescita sana e abbondante, che rendono i suoi frutti così unici.

Nei comuni di Bronte, Adrano e Biancavilla, sul versante occidentale dell'Etna, viene coltivato il 90% di tutti i pistacchi italiani. Si tratta di circa 3.600 tonnellate, prodotte su ben 3.400 ettari. Dal 2009, si fregiano della denominazione di origine protetta "Pistacchio Verde di Bronte DOP". Il colore verde smeraldo, il profumo intenso e irresistibile e il sapore fine, sostanzioso e duraturo fanno di questi pistacchi una prelibatezza unica. I panettieri e i pasticceri locali sono veri e propri maestri nel trasformarli in deliziosi dessert, gelati e pasticcini. I pistacchi di Bronte sono così preziosi anche perché vengono raccolti esclusivamente a mano e solo ogni due anni. Negli anni intermedi gli alberi si prendono una pausa, vengono potati e non producono frutti. In questo modo, possono accumulare nuovamente riserve sufficienti per la formazione di pistacchi particolarmente ricchi nell'anno successivo.

Se volete addolcire un po' il tempo che vi separa dall'imminente vacanza sull'Etna, potete sfogarvi a casa e provare, ad esempio, questo gelato al pistacchio dal gusto intenso, basato sulla ricetta di Massimo Caraci del Bar Roma di Bronte.

©Donnafugata

Gelato al pistacchio di Bronte

Ingredienti

  • 100 g di pistacchi di Bronte
  • un quarto di litro di latte
  • tre tuorli d'uovo
  • 10 g di zucchero
  • 350 ml di panna fresca
  • un pizzico di vaniglia

Preparazione

Tostate leggermente i pistacchi e tritateli il più finemente possibile. Aggiungere il latte riscaldato e lasciare in infusione per mezz'ora. Montare i tuorli d'uovo con lo zucchero fino a ottenere una consistenza cremosa. Aggiungere quindi il composto di latte e pistacchi e la vaniglia. Scaldare il composto a fuoco basso, mescolando continuamente, senza farlo bollire. Non appena il composto inizia a rassodarsi, aggiungere la panna, mescolare bene il tutto e metterlo nella gelatiera.

Un'altra meravigliosa ricetta per i biscotti al pistacchio è consigliata dall'autrice di libri di cucina siciliana Cettina Vicenzino nel suo libro "Sicily in my Kitchen".
©Cettina Vicenzino

Pasta di pistacchio

Si ottengono circa 12 pezzi. Tempo di preparazione 20 minuti, più il tempo di raffreddamento.

Ingredienti

  • 120 g di zucchero a velo, più altro da lavorare
  • 140 g di pistacchi, preferibilmente di Bronte, pestati finemente in un mortaio
  • 30 g di albume (da circa 1 uovo, taglia M)
  • 60 g di farina di frumento (Tipo 00 o tipo 405)
  • un po' di scorza di limone
  • 5-7 gocce di olio di mandarino
  • 5-7 gocce di olio di mandorle amare
  • 200 g di pistacchi, preferibilmente di Bronte

Preparazione

Mescolare tutti gli ingredienti tranne 200 g di pistacchi e impastare con le mani fino a ottenere un impasto compatto. Lasciare riposare in frigorifero per 1 ora. Preriscaldare il forno a 180 °C (calore superiore/inferiore). Foderare una teglia con carta da forno. Spargere abbondante zucchero a velo su un piano di lavoro e formare 2 rotoli (circa 2,5 cm di diametro) con la pasta.

Tagliate quindi questi ultimi in pezzi di circa 6 cm di lunghezza e premete delicatamente ciascuno di essi nella granella di pistacchio con un lato lungo. Arrotondare leggermente la parte superiore e inferiore dei biscotti, disporli sulla teglia e cuocere per 10 minuti sul ripiano centrale del forno.

Togliere i biscotti al pistacchio dal forno e farli raffreddare prima di mangiarli.

"La Sicilia nella mia cucina" ©Cettina Vicenzino

Per saperne di più:

Related Magazine Articles

View All
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze