wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Da qualche anno l'Umbria si sta trasformando in uno dei laboratori enologici più innovativi d'Italia: in nessun altro luogo giovani produttori e moderne cantine sperimentano con tanta disinvoltura nuovi metodi e antichi vitigni. Markus Blaser ha potuto assistere ai progressi in quattro regioni vinicole.

Il motore dell'emancipazione dell'Umbria è il Consorzio Montefalco, con il suo entusiasta presidente Giampaolo Tabarrini. Qui l'attenzione si concentra sul Sagrantino monovitigno. Questa varietà, coltivata quasi esclusivamente qui, ha sempre avuto il compito di domare il potente tannino del vino rosso intenso e ricco di alcol. Nel frattempo, un numero crescente di viticoltori sta avendo sempre più successo. In particolare, le nuove cantine sfruttano il margine di manovra offerto dal disciplinare di produzione (37 mesi di invecchiamento, di cui dodici in legno e quattro in bottiglia) in una varietà di modi creativi.

Eventi nelle tue vicinanze