wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Da qualche anno l'Umbria si sta trasformando in uno dei laboratori enologici più innovativi d'Italia: in nessun altro luogo giovani produttori e moderne cantine sperimentano con tanta disinvoltura nuovi metodi e antichi vitigni. Markus Blaser ha potuto assistere ai progressi in quattro regioni vinicole.

Il motore dell'emancipazione dell'Umbria è il Consorzio Montefalco, con il suo entusiasta presidente Giampaolo Tabarrini. Qui l'attenzione si concentra sul Sagrantino monovitigno. Questa varietà, coltivata quasi esclusivamente qui, ha sempre avuto il compito di domare il potente tannino del vino rosso intenso e ricco di alcol. Nel frattempo, un numero crescente di viticoltori sta avendo sempre più successo. In particolare, le nuove cantine sfruttano il margine di manovra offerto dal disciplinare di produzione (37 mesi di invecchiamento, di cui dodici in legno e quattro in bottiglia) in una varietà di modi creativi.

A colpo d'occhio: Oltre 300 vini umbri in degustazione

Vigneto di Sagrantino con vista su Montefalco e gli Appennini sullo sfondo

Markus Blaser

A soli 29 anni, Luca di Tomaso è il più giovane enologo del gruppo. Il suo Sagrantino si presenta piuttosto strutturato con 30 mesi di affinamento in tonneaux usati, anche se Luca non punta a una forte impronta del legno e quindi utilizza anche vasche di cemento. Ma le quantità disponibili non riempiono ovunque grandi botti, come nel caso dell'Agricola Mevante di Paolo e Antonella Presciutti. I fratelli producono un Sagrantino ben equilibrato, classico-moderno, con 24 mesi di invecchiamento in legno.

Il Sagrantino di Ilaria Cocco trascorre solo 18 mesi in legno, il resto in acciaio e anche in cemento. Riesce a tenere sotto controllo i tannini con un'acidità frizzante, che fa sembrare il Sagrantino decisamente elegante. Tutte e tre le cantine sono emerse solo nell'ultimo decennio e sono tra le nuove promesse di Montefalco che meritano attenzione.

Orvieto: il suolo fa la differenza

In termini di volume, Orvieto è molto più importante di Montefalco. Più della metà del vino prodotto in Umbria proviene da questa regione di coltivazione. I vini bianchi devono essere composti per almeno il 60% da Grechetto e Trebbiano toscano, che qui viene chiamato Procanico. È possibile aggiungere un massimo del 40% di altre varietà bianche. A fronte di queste specifiche aperte, l'identità di Orvieto sta nella sua diversità, almeno nella sua versione secca.

In futuro, tuttavia, i quattro diversi tipi di suolo della zona di coltivazione potrebbero indicare la strada da seguire, come dimostra una degustazione organizzata dal Consorzio Orvieto. Le differenze tra l'Orvieto Classico secco proveniente da terreni vulcanici, sabbiosi, argillosi e alluvionali sono davvero sorprendenti. Tuttavia, non sono facilmente distinguibili in tutti i vini, perché l'Orvieto Classico giovane e decisamente fresco di importanti produttori è costituito da cuvée.

Il fatto che non manchino know-how e qualità è dimostrato dall'esempio di Cardèto, come si chiama dal 2005 la cantina cooperativa fondata nel 1949. Oggi, le uve provenienti da circa 500 ettari dei circa 80 soci vengono lavorate in impianti all'avanguardia e vengono prodotte tre milioni di bottiglie all'anno. L'Orvieto Classico con lo skyline in etichetta mostra sicuramente il proprio carattere.

Questo vale anche, in modo diverso, per l'Orvieto Classico Superiore "Panata" di Argillae. Il nome dell'azienda dice tutto, poiché le viti qui prosperano per lo più su terreni argillosi, che conferiscono al vino una certa struttura. Ecco perché la giovane Giulia Bonollo, che dal 2015 dirige la cantina di proprietà della nota dinastia di grappaioli, osa far fermentare in legno una piccola parte del Grechetto per il suo Orvieto di punta, che rende il vino particolarmente diverso dagli altri Orvieto.

Quasi un'antitesi a questo è l'Orvieto Classico Superiore "L'Escluso" di Lapone dalla vasca d'acciaio. Per i viticoltori, la nota di pietra focaia indica la roccia vulcanica su cui sorgono i vigneti. Per molto tempo Piero e Ramona Cantarelli hanno consegnato le loro uve a una grande cantina, ma solo da una decina d'anni vinificano in proprio.

Il Gamay "sbagliato" del Trasimeno

Rispetto a Orvieto, la regione vinicola intorno al Lago Trasimeno è un nano. Circa dieci volte meno il vino prodotto dalle sole 15 cantine del Consorzio del Trasimeno, che avevano invitato per la prima volta alla presentazione del loro tesoro: il Gamay. Si tratta infatti del vitigno Grenache, arrivato qui al più tardi nel XIX secolo e originariamente allevato ad alberello alla francese.

Il Trasimeno Gamay si presenta anche come rosato in molte sfaccettature

Markus Blaser

Si dice che questo abbia portato alla confusione dei nomi, che tuttavia è stata rispettata quando la varietà è stata aggiunta al registro nazionale nel 1970. Per questo motivo il Gamay viene prodotto esclusivamente sul Lago di Trasimeno: a differenza dei suoi fratelli sardi Cannonau - come viene chiamato il Grenache - il Gamay non è estremamente scuro e pesante, ma piuttosto rosso rubino ed elegante. Con la sua certa complessità, il Trasimeno Gamay è un vino rosso serio che difficilmente avremmo incontrato così dieci anni fa.

Fino a poco tempo fa il Gamay era sul punto di scomparire e la cooperativa Duca della Corgna lo ha salvato dalla scomparsa producendo un vino monovitigno. Il loro Trasimeno Gamay Divina Villa (etichetta bianca) in vasca d'acciaio, con la sua freschezza a bacca rossa, può essere considerato un punto di riferimento a cui altri produttori si orientano, anche per distinguersi. Fin dai primi esperimenti del 2008, anche Nicola Chiucchiurlotto di Madrevite ha puntato sulla vinificazione in purezza per tutti i suoi vini, preferendo spesso il cemento alle vasche d'acciaio. Il suo Gamay Opra è relativamente scuro, fruttato di mirtillo e tuttavia fresco e leggero.

Il Gamay E-trusco di Coldibetto, proveniente dalla vasca d'acciaio, ha un colore rosso ciliegia scuro, profuma di amarene in salamoia e colpisce per i suoi tannini croccanti. Con questo vino biologico, il giovane Raffaele Chierico ha vinto una medaglia d'oro al concorso internazionale Grenaches du Monde 2021. Tuttavia, il 27enne ha scoperto la sua vocazione per la viticoltura solo dopo soggiorni missionari e linguistici in Bolivia e in Inghilterra, prima di assumere la direzione dell'azienda di famiglia nel 2016.

Torgiano: l'influenza di grandi e piccoli legni

Torgiano è stato a lungo considerato sinonimo di Lungarotti. Grazie a Giorgio Lungarotti, decano della nota casa vinicola, già nel 1968 la piccola area di coltivazione a sud di Perugia è stata riconosciuta come una delle prime denominazioni di origine controllata d'Italia. Tuttavia, molti conoscono meglio il nome del vino Rubesco, accuratamente modificato dalle figlie Chiara e Teresa dopo la morte di Giorgio all'inizio del millennio: Da allora, il Sangiovese è stato assemblato con il Colorino invece che con il Canaiolo, e l'invecchiamento di un anno in grandi botti di legno è stato mantenuto. Resistere all'entusiasmo per le barrique di allora ha dato i suoi frutti oggi: Il Rubesco è diventato più moderno e, con il suo equilibrio tra frutta fresca e tannino fine, è rimasto un classico compagno di tavola.

Produzione sorprendentemente versatile nella piccola regione di Torgiano

Markus Blaser

Oltre a Lungarotti, altre tre aziende agricole si dedicano da qualche anno alla produzione di vino oltre che di uva. Il piacevole dinamismo umbro si è così impadronito anche del piccolo consorzio di Torgiano. Nel frattempo, il Rubesco ha una concorrenza che lo distingue nettamente.

Il fatto che i vini di Terre Margaritelli siano prevalentemente maturati in piccole botti di legno è probabilmente nel DNA della famiglia. Da decenni producono traversine ferroviarie e parquet, tra l'altro in Borgogna. Qui è stata avviata una collaborazione con alcune delle più rinomate cantine francesi. Le querce barriques della foresta di Bertranges conferiscono al Miràntico di Sangiovese, Malbec e Canaiolo soprattutto concentrazione, struttura e forza.

Il legno piccolo è utilizzato anche da Tenute Baldo e mette in luce frutti di bosco intensi e tannini croccanti e granulosi nell'Auravitae a base di Sangiovese, Merlot e Cabernet Sauvignon. I vini di Torgiano come questi si rivolgono a un pubblico curioso e giovane come quello del team di Mattia Casini. Hanno rilevato la cantina solo alla fine del 2018 e sono pieni di gioia per la sperimentazione.

Come Lungarotti, anche Tenute Baldo possiede vigneti a Montefalco - e questo chiude il cerchio: il Sagrantino fruttato dei nuovi arrivati è un'alternativa innovativa al Sagrantino strutturato della casa tradizionale. La competizione che ne deriva tra stile enologico contemporaneo e filosofia enologica senza tempo non fa bene solo alla scena vinicola umbra. È un bene per tutta l'Italia.

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze