wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

All'inizio di questa settimana, Emily Albers di PR International mi ha invitato a una presentazione del Domaine Joseph Drouhin della Borgogna. Frédéric Drouhin - il capo della casa, con il quale avevo condotto un'intervista sul tema dell'eco-vino qualche settimana prima - ha tenuto una conferenza a Monaco sulla tradizione e la storia della famiglia, la vicinanza alla natura, la "vocazione alla diversità", e su valori come la perfezione, l'eleganza e il cosmopolitismo. Sylvain Taurisson-Diel e Harald Weitzl della casa di distribuzione Schlumberger (che rappresenta Drouhin in Germania) così come una trentina di giornalisti, commercianti e altri moltiplicatori erano presenti.

[caption id="attachment_197" align="alignright" width="300"]Verkostungsgläser bei der Weindegustation der Domaine Joseph Drouhin Migliore preparato: Degustazione di vini al Domaine Joseph Drouhin[/caption]

Dopo l'introduzione di Frédéric Drouhin, abbiamo assaggiato dieci vini, cinque bianchi e cinque rossi. Lo Chardonnay e il Pinot Noir della serie Laforêt Bourgogne - entrambe le annate 2012 - sono concepiti come vini d'ingresso nel mondo aromatico della Borgogna. Sono per fare appello specificamente ai consumatori più giovani, dopo che i vini borgognoni hanno l'immagine di essere principalmente complicati e costosi. Entrambi i vini sono anche facilmente accessibili e non complicati, allo stesso tempo frizzanti e puliti, tipici della loro origine - ma si può dubitare che i prezzi tra i 15 e i 20 euro a bottiglia siano appropriati per il target più giovane. Non è che i vini non valgano questi prezzi, ma per qualcuno che sta appena iniziando a trattare con i Borgogna, molto più di dieci euro sono un sacco di soldi che pochi novizi del vino sono disposti a pagare. Frédéric Drouhin, tuttavia, presuppone una certa prima esperienza di vino nei consumatori a cui si rivolge, in modo che siano disposti (o almeno abbastanza curiosi) a muoversi anche su un livello di prezzo superiore.

I restanti otto vini che abbiamo assaggiato erano tutti dell'annata 2010 e tutti Premiers Crus: Puligny-Montrachet Folatières, Meursault Perrières, Chassagne-Montrachet Morgeot Marquis de Laguiche e Beaune Clos des Mouches come Chardonnay e (di nuovo) Beaune Clos des Mouches, Beaune Grèves, Chambolle-Musigny e Nuits-Saint-Georges Procès come Pinot Noirs. Tutti i vini hanno mostrato chiaramente il loro carattere individuale e hanno rivelato le differenze tra i singoli vigneti. Con prezzi tra i 60 e i 100 euro a bottiglia, qui eravamo già in ambiti esigenti.

Dopo la degustazione, ci siamo rinfrescati con lo Chablis Premier Cru Montmains 2011, che era un eccellente vino di riparazione dopo i rossi piuttosto ricchi - con agrumi lucidi, acidità vivace e mineralità croccante. Dopo, siamo andati a cena - e la cucina del ristorante "Käfer-Schänke", dove si è svolto l'intero evento, ci ha viziato con tre deliziose portate, ognuna delle quali è stata accompagnata da un vino più maturo della casa Drouhin:

  • Il Beaune Clos des Mouches Blanc 2008, con i suoi aromi di noce e vegetali, è stato un ottimo abbinamento per il branzino croccante arrostito con carciofi e funghi porcini.
  • Il Beaune Clos des Mouches Rouge 1996 è stato servito con carne di cervo della caccia locale - da un lato schiena rosa arrostita con crosta di noci, dall'altro arrosto acido della spalla - con jus brasato, barbabietola e purea di sedano. Nel suo modo scuro, terroso e piccante, ha accompagnato il sauerbraten e la barbabietola in modo eccellente, ma il dorso dal sapore leggermente dolce e la purea di sedano rapa hanno trovato un partner ancora migliore nel bianco 2008 finemente speziato.
  • Per accompagnare la selezione di formaggi Comté, Tomme Catalane, Gouda di capra, Mimolette e Pecorino, completata con marmellata di ciliegie, i padroni di casa avevano scelto un vino veramente grande: Grands Échezeaux Grand Cru 1990. Per tutti i diversi sapori, a volte piuttosto fini, a volte molto forti, questa nobile crescita aveva i giusti aromi di accompagnamento sovranamente pronti, dimostrando così piacevolmente la sua versatilità

    [caption id="attachment_198" align="alignright" width="300"]Rotweinglas mit Grands Échezeaux Grand Cru 1990 der Domaine Joseph Drouhin Grande Borgogna: Grands Échezeaux Grand Cru 1990 di Drouhin[/caption]

    Prova - un vino nobilmente maturato, molto fine, persistente e complesso che ha mostrato ciò per cui la Borgogna è apprezzata: la seducente combinazione di eleganza e potenza sottile. Per illustrare l'età del vino, Frédéric Drouhin ha incoraggiato gli ospiti a pensare a dove erano 23 anni fa, cosa facevano per vivere e chi era cancelliere a quel tempo. A quel tempo, ho iniziato la mia formazione come specialista della ristorazione e sono entrato in contatto con il vino professionalmente per la prima volta - potete vedere dove questo mi ha portato...

Gli approfondimenti sui migliori siti della Borgogna quella sera sono stati affascinanti, l'evento in quanto tale molto successo, e ora riceveremo anche i vini da Drouhin per degustare e giudicare nella guida dei vini. Queste sono le questioni meglio discusse di persona in un tale evento.

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze