wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Ciò che era normale nei vigneti fino a 70 anni fa è ora considerato una specialità: il pascolo delle pecore. I fornitori di lana a quattro zampe sono utili aiutanti tra le vigne - e hanno un'influenza positiva sulla vita del suolo e sulla biodiversità.

Nei secoli passati, il pascolo degli animali da fattoria era uno dei pilastri elementari della biodiversità nel paesaggio culturale attuale. Nel loro pelo e nei loro zoccoli, persino nei loro escrementi, i bovini, le pecore o i cavalli disperdevano semi, spore, corpi fruttiferi così come piccoli insetti e coleotteri. Hanno assicurato la diffusione di una grande varietà di piante e quindi anche la fitta interconnessione di questi biotopi. Il passaggio alla stabulazione per tutto l'anno ha quindi avuto una grande influenza sul declino della biodiversità.

Per questo motivo, un progetto di ricerca dell'Università di Scienze Forestali Applicate di Rottenburg chiamato "Win-Win in the Vineyard" sta esaminando dal 2019 la questione di quali vantaggi derivano dall'estensivizzazione della terra e dal doppio uso. Ha senso usare le esperienze della gestione del paesaggio con il pascolo delle pecore anche per i vigneti. I gestori del paesaggio conoscono da tempo l'idoneità delle pecore a pascolare da terreni pianeggianti a quelli ripidi, da siti asciutti a quelli umidi e persino per i terreni con la più bassa resa di foraggio.

Jean Raphael Buscher sta facendo esperienza con le pecore nei vigneti dal 2014. "Mio padre usava già una lavorazione estensiva per promuovere un terreno ricco di humus e rivitalizzato. Abbiamo voluto riprendere questo approccio e ampliarlo", dice il viticoltore di Bechtheim in Rheinhessen. Verde ricco di specie e fioriture, casette per le api selvatiche e habitat per gli insetti hanno gettato le basi. "Mia moglie si è imbattuta nel pascolo delle pecore nella sua ricerca della cura naturale del suolo. Ha letto e si è informata intensamente", dice degli inizi. Il piccolo gregge di pecore Ouessant, una razza nana francese, è ora cresciuto fino a 35 animali. "La razza è considerata robusta. Queste pecore hanno una misura di spalla di circa 45 centimetri e sono ideali per il sottopancia. La quantità giornaliera di cibo verde che una pecora consuma è giusta per un vigneto".

"Rhône Rangers" nel vigneto

Da dieci anni, Tablas Creek a Paso Robles in California lavora con le pecore nei vigneti. La cantina è stata fondata nel 1989 da Jacques Perrin, proprietario della cantina del Rodano Château de Beaucastel, e dal commerciante di vini californiano Robert Haas. È uno dei pionieri di un movimento che ha reso popolari i vitigni del Rodano in California alla fine degli anni '90 sotto il nome di "Rhône Rangers". Ci sono 350 pecore nel gregge, un mix di razze autoctone poco esigenti come Dorper, Kathadin e New Mexico Dahls adattate al calore della California. "Lavoriamo in modo biodinamico dal 2010 e volevamo scoprire se potevamo usare le pecore per fare il nostro compost dalle piante del vigneto", dice Jason Haas, il figlio del defunto fondatore. Ha funzionato. Nel 2016, hanno assunto un pastore a tempo pieno per il loro progetto e hanno fatto del pascolo delle pecore il fulcro della loro agricoltura rigenerativa. L'azienda non usa rame e utilizza tè e preparati per la protezione delle piante.

Anche nello Champagne si possono trovare delle pecore nei vigneti. Circa 220 animali delle razze "Ile de France", "Suffolk", "Solognote", "East for Merinos wool" e anche "Ouessants" pascolano negli 86 ettari di vigneti di Moët Chandon. "Stanno anche in piedi sui pendii ripidi. Il gregge di pecore fa parte del programma "Natura Nostra", che Moët Chandon ha lanciato nel 2021 con l'obiettivo di promuovere la biodiversità e lavorare con l'agricoltura rigenerativa.

Anche il viticoltore VDP Felix Prinz zu Salm di Wallhausen (***) nella regione di Nahe aveva questi obiettivi in mente quando ha deciso di utilizzare il bestiame nei vigneti. "Il pascolo concentrato e breve stimola la crescita delle radici. Il bestiame sta sulla stessa area solo per alcuni giorni. L'erba vitale rimanente promuove ulteriormente la crescita delle radici. L'apporto di letame promuove gli organismi viventi nel terreno come la micorriza e aumenta il metabolismo e la fertilità del suolo", è l'obiettivo di Salm per gli insoliti animali da pascolo sui pendii dello Scharlachberg vicino a Bingen. Tuttavia, un altro aspetto era ancora più importante per lui: "Producono il fertilizzante più prezioso. Sono anche inestimabili per la biodiversità. Lo sterco di una mucca nutre innumerevoli insetti - e in questo modo circa tre cicogne o 350 allodole all'anno".

Maggiore biodiversità, più humus e biodiversità

Le pecore hanno anche un impatto dimostrabile sulla biodiversità nelle vigne. "Qui vale la pena di guardare i dettagli", spiega Jean Raphael Buscher i benefici. "Le pecore assicurano la diffusione delle piante e quindi della biodiversità trasportando i semi nella loro lana. La biodiversità sulle aree con pascolo ovino è molto più piccola e più intensiva. Non solo le grandi piante da fiore, ma anche molte piccole piante poco appariscenti prosperano vicino alle pecore". Per inciso, anche la vita del suolo beneficia delle visite degli animali: "Le nostre pecore sono nei vigneti per metà dell'anno e spargono circa 70 tonnellate di letame durante questo periodo, e questo senza alcuna macchina", si entusiasma il californiano Jason Haas. Osservano una migliore capacità di ritenzione dell'acqua a causa dell'aumento del contenuto di humus - che tra l'altro lega anche molta CO2.

Inoltre, si risparmiano molti viaggi in trattore e la manodopera per il lavoro sul fogliame e la coltivazione del terreno. Questo porta a una minore compattazione del suolo nei vigneti. Le pecore mantengono bassa la crescita delle erbacce nelle viti durante tutto l'anno. Anche il suolo ne beneficia, come dimostra il progetto di Rottenburg: secondo i suoi risultati, una pianta sfogliata adatta la sua massa di radici alla massa fogliare inferiore e perde parte delle sue radici. Questi a loro volta servono come cibo per i lombrichi, per esempio, vengono metabolizzati e si trasformano in humus. Un ciclo semplice ed efficace. Più tardi nell'anno, le pecore aiutano a pulire le viti e a defogliare la zona dell'uva - un lavoro che difficilmente può essere fatto più meticolosamente ed efficacemente a mano. Tuttavia, gli animali lanosi devono essere portati fuori dal vigneto in tempo utile prima che l'uva inizi a maturare. Non appena l'uva diventa dolce e aromatica, è anche una delizia per le pecore.

Tuttavia, c'è un lavoro aggiuntivo coinvolto - come la tosatura degli animali e il loro trasferimento in altri vigneti. A Tablas Creek, si concedono il lusso di un pastore che si occupa di tutto. Non tutti possono permetterselo. "Il pascolo delle pecore è abbastanza intensivo. Gli animali hanno bisogno di cure e di un certo grado di flessibilità", lo sa anche Jean Raphael Buscher. Inoltre, ci sono costi di acquisizione per il gregge di base, investimenti in recinti elettrici mobili, un riparo, mangime supplementare in inverno e costi veterinari.

L'allevamento di pecore non è adatto ai viticoltori biologici di tutte le persone

Il pascolo nelle vigne richiede anche aggiustamenti nella protezione delle piante. Il rame, per esempio, è altamente tossico per le pecore - quindi per le aziende vinicole certificate biologiche, tenere le pecore spesso non è un'opzione. "Prestiamo molta attenzione ai valori di tossicità dei prodotti fitosanitari e non usiamo il rame. Quindi la certificazione biologica è fuori questione per noi. È un po' paradossale", dice Jean Raphael Buscher.

Per inciso, le pecore hanno altri effetti positivi nel vigneto, come dimostrano i risultati a Rottenburg. Il convolvolo di campo e di recinzione sono tra le erbacce preferite dagli amici a quattro zampe - e da un parassita: la cicala dalle ali di vetro. Trasmette il morbo di blackwood, una malattia ingiallente che, nel peggiore dei casi, causa la morte della vite. Pascolando le piante ospiti, le pecore aiutano a prevenire l'infestazione con la malattia del blackwood.

Inoltre, gli animali forniscono lana e carne. Su Tablas Creek, ci sono cooperazioni con ristoranti che prendono in consegna la carne, e anche la lana può essere lavorata. Oppure può essere usato in viticoltura: Avvolti intorno alle radici delle giovani viti prima di piantarle, servono come una riserva d'acqua che può assicurare la sopravvivenza delle giovani piante nelle estati secche.

Che sia in California, in Champagne o in Rheinhessen - per tutto il lavoro e l'intensità che l'uso delle pecore richiede, gli effetti positivi vanno ben oltre i benefici. "Abbiamo acquisito un sentimento diverso per la natura, ci impegniamo in modo diverso con la vegetazione e le sue caratteristiche speciali. Osservare e vivere con gli animali ci fa reagire con più calma", conclude Jean Raphael Buscher. "Ha superato di gran lunga le nostre aspettative, ed è semplicemente divertente", anche Jason Haas è entusiasta. E lo stesso vale per Felix Prinz zu Salm e i suoi Galloway: "La calma che emanano e il ritorno alla gestione naturale è assolutamente affascinante e arricchente".

Puoi scoprire di più sul progetto di ricerca dell'Università di Scienze Applicate di Rottenburg nel documentario per il programma scientifico 3Sat "Nano" (in tedesco).

Altro sull'argomento

Foto: © Moët Chandon, © Prinz Salm Winery

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze