wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Come molti lettori avranno ormai notato, qui nella sala di degustazione abbiamo un debole per il Blaufränkisch, che in Germania viene solitamente chiamato Lemberger. Tuttavia, forse è il caso di dirlo.

Sandra Fehr

Sempre più produttori tedeschi iniziano a utilizzare la denominazione riconosciuta a livello internazionale, almeno per i loro vini migliori. I produttori che si impegnano per questa varietà non vogliono solo far capire dove si trovano i loro grandi modelli di riferimento. Si stanno anche distinguendo chiaramente dal vecchio stile Lemberger, che è stato a lungo coltivato non solo dalle cooperative del Württemberg. Per molto tempo, questo stile è stato caratterizzato da vini con poca sostanza, letteralmente bolliti, banali e spesso un po' dolci.

Tuttavia, il carattere di base di Blaufränkisch è molto diverso. Se non gli si concedono troppe "benedizioni" enologiche e si tengono sotto controllo le rese, tende a un frutto aspro e scuro, che di solito ricorda la mora e l'amarena, con un'acidità croccante e tannini prominenti e tesi. I migliori esempi possono raggiungere una brillantezza e una freschezza con una struttura estremamente solida e una grande profondità aromatica che raramente si trova in altre parti del mondo del vino. Il loro carattere ricorda un po' quello di un blend di eccellenti Syrah e Pinot Nero della Borgogna, ma il loro sapore è assolutamente unico. Poiché il Blaufränkisch non tende ad avere livelli alcolici particolarmente elevati, molti vini di alta classe sono sorprendentemente leggeri, e anche i vini di base non complicati spesso risultano significativamente migliori di altri rossi della loro fascia di prezzo.

Purtroppo, non tutti i produttori di vino si affidano alle qualità naturali di Blaufränkisch, anche tra coloro che conoscono il loro mestiere. Grazie alla sua acidità e alla sua struttura tannica, il vitigno è in grado di affrontare anche la concentrazione (naturale o meccanizzata) del mosto, l'elevata gradazione alcolica e l'apporto di legno nuovo; esistono molti esempi di vini finiti in cantina che possono essere attestati come tecnicamente eccellenti. Ma il carattere e l'origine sono sempre più spesso scacciati dal sito Blaufränkisch, in Germania come in Austria e in ogni altro luogo in cui è possibile trovarli.

Fortunatamente, i produttori stanno diventando sempre più consapevoli di questa situazione. Per i migliori esempi tedeschi, ciò significa che sono sempre più vicini ai grandi modelli austriaci - e quindi meritano ancora di più il nome Blaufränkisch. Ma i principali viticoltori austriaci di Blaufränkisch non dormono: con i loro vini di punta hanno già raggiunto la classe mondiale.

Attualmente abbiamo degustato circa 90 vini Lemberger/Blaufränkisch provenienti dalla Germania e dall'Austria - senza pretendere di essere esaustivi, ma con alcuni dei migliori rappresentanti di entrambi i Paesi. Qui presentiamo i migliori. Come sempre, tutti i risultati sono linkati alla fine delle singole categorie.

Germania

Austria

Annata 2022

Annata 2021