wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Bonarda è da un lato il nome della denominazione in Lombardia, che è stata creata solo nel 2010, ma è anche il sinonimo locale del vitigno Croatina, di cui i vini qui devono essere composti per almeno l'85%. Fondamentalmente produce vini colorati, piuttosto aspri-fruttati e con molto tannino, ma questo non significa necessariamente che sai sempre cosa aspettarti quando apri una bottiglia di Bonarda.
Foto: Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese

Perché la gamma di tipi e stili di maturazione è abbastanza ampia. Una Bonarda dell'Oltrepò Pavese DOC può essere ferma o più o meno frizzante, estremamente secco e dolciastra, fresca, croccante e succosa, ma anche più rustica e contadina, leggera come pure forte e alcolica, molte degustate al meglio da giovani, alcune maturate negli anni in vini incredibilmente seri e complessi. Questo è un po' confuso, ma d'altra parte non c'è quasi nessun gusto personale per il quale non si possa trovare una Bonarda adatta.

Eventi nelle tue vicinanze