wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

La trasformazione

Il Barolo e il Barbaresco sono tra i pochi vini rossi italiani con una tradizione di lungo invecchiamento che dura più di 20-30 anni. Eppure è poco noto che anche questi vini, elogiati oggi per il loro aspetto maestoso, la potenza, la profondità e la complessità, erano prevalentemente annate dolci e frizzanti circa 100 anni fa. Fu solo alla fine del XIX secolo che il vino fermo secco cominciò ad affermarsi nella zona. Ma anche dopo, Barolo e Barbaresco sono rimasti vini per una piccola cerchia di intenditori e appassionati per decenni. L'immenso tannino del Nebbiolo, da cui entrambi i vini devono essere pressati al 100%, era allora troppo per la maggior parte degli amanti del vino. Coloro che avevano familiarità con il Bordeaux e la Borgogna spesso trovavano il Barbaresco e ancora di più il massiccio Barolo troppo rustico per i palati più raffinati.

Nel processo, l'enorme potenziale aromatico del Nebbiolo è stato spesso trascurato. Il tannino di un buon Barolo o Barbaresco non è affatto contadino e seccante, ma anche allora ha un'astringenza molto vivace, appetitosa e proprio non secca. Chi si imbarca nell'avventura e si avvicina ai vini con una mente aperta sperimenterà, in buoni esempi, uno sviluppo quasi esplosivo di aromi sul palato a causa della combinazione unica di potenza e pienezza con tannini molto fermi e rabbiosi e un morso acido che è piuttosto insolito per i vini di questa classe di peso, dopo un inizio inizialmente un po' ingombrante e insolito, che non può essere sperimentato in questo modo in nessun altro vino e che continua fino alla fine.

La rivoluzione

Questo è vero oggi, ma era vero anche decenni fa, come si può ancora dimostrare con vecchi Barolo ben invecchiati. È incredibile quanto siano freschi alcuni dei migliori vini degli anni '50, per esempio, ancora oggi. Ma fu solo con una nuova generazione di viticoltori piemontesi che i vini Nebbiolo del Piemonte cominciarono ad attirare l'attenzione di un pubblico più ampio intorno alla metà degli anni '80. Pionieri come Elio Altare o Angelo Gaja si allontanarono dal tradizionale invecchiamento con lunghe macerazioni e maturazioni in grandi botti di legno, accorciarono il contatto con le bucce e iniziarono a invecchiare i loro vini in nuovi barriques. I vini prodotti in questo modo, con i loro aromi di legno dolce e tostato alla vaniglia e i tannini addomesticati, ora piacevano anche ai bevitori di Bordeaux e ricevevano il massimo dei voti dai critici di vino prevalentemente anglosassoni e recentemente anche americani.

(Fonte: Elena Altare)

Ciononostante, i cosiddetti "modernisti" dovettero sopportare aspre critiche da parte dei colleghi tradizionalisti e dei seguaci della "dottrina pura" tra gli appassionati del Nebbiolo. Anche i migliori vini (la cui qualità non era in dubbio) erano senza casa e negavano la loro origine, dicevano. Infatti, nei primi anni, molti vini sembravano come se il carattere unico della loro varietà e origine fosse stato completamente sacrificato al legno. Alcuni Barolo non hanno mai potuto integrare il legno, decaduto molto prima del tempo. Invece del tannino del Nebbiolo, che fa venire l'acquolina in bocca, molti nuovi Barolo avevano un tannino di legno fragile e secco, che all'epoca era spesso ancora considerato un segno di speciale conservabilità. Solo con il tempo è diventato chiaro che un vino fragile e troppo legnoso rimane quasi sempre fragile e legnoso e perde il suo frutto piuttosto che la sua legnosità poco attraente.

Ma i modernisti hanno anche imparato. Ben presto emersero vini che sembravano ingannevolmente moderni, levigati e dolcemente legnosi in gioventù, ma nel corso degli anni il classico Barolo o Barbaresco si riaffermò con la sua diversità aromatica, il suo morso e i suoi tannini rabbiosi. Oggi, i migliori vini di questo stile si rivelano eccezionalmente capaci di svilupparsi e invecchiare; molti di loro sembrano incredibilmente freschi e vivaci anche dopo più di 20 anni.

I tradizionalisti tra i produttori di Barolo e Barbaresco, per quanto possano essersi posizionati contro i modernisti, non solo hanno beneficiato della maggiore attenzione ai vini delle loro regioni. I pionieri portarono anche un know-how che portò a una vera e propria rivoluzione della qualità in tutta la zona. Da allora in poi, anche i tradizionalisti hanno lavorato in modo più pulito e preciso. Mentre i modernisti perfezionavano la loro vinificazione, anche i Barolo e i Barbaresco prodotti tradizionalmente guadagnavano in purezza, finezza e sostanza.

(Fonte: Elena Altare)

La riunione

Oggi è impossibile dire che un campo produce un vino migliore dell'altro, se non altro perché i confini tra i due sono sempre più sfumati. Mentre i migliori produttori moderni hanno da tempo perfezionato l'uso del legno nuovo a tal punto che anche nei loro vini giovani - simili ai più grandi Borgogna - non se ne sente quasi nulla, la tecnologia moderna ha trovato la sua strada anche nelle cantine di molte cantine attente alla tradizione, soprattutto dove si tratta di lavorare le uve nel modo più delicato possibile, cioè nel trasporto e nella fermentazione. È difficile immaginare che anche nelle cantine tradizionalmente funzionanti siano stati prodotti baroli migliori di quelli di oggi. Se volete comprendere appieno l'essenza del Nebbiolo, non potete evitare i vini di Bartolo Mascarello, Bruno Giacosa, Giacomo Conterno, Aldo Conterno o Cavallotto. Tuttavia, alcuni dei più grandi vini del mondo vengono anche dai modernisti convinti come Elio Altare, Angelo Gaja, Conterno-Fantino, Domenico Clerico, Paolo Scavino o Roberto Voerzio - e questi sono solo alcuni dei nomi più famosi e quelli che sono tra i più chiaramente esposti nei loro rispettivi stili. Molti produttori di punta oggi portano qualcosa da entrambi i campi e tuttavia producono vini unici pieni di carattere che sono tra i più emozionanti che il mondo ha da offrire in termini di bevande alcoliche.

Se si vuole avere un'idea di come Barolo e Barbaresco delle diverse direzioni si sviluppano nel lungo periodo, non si può evitare di assaggiare i vini delle annate 1989 e 1990. Queste sono state le prime grandi annate in cui entrambi gli stili erano già rappresentati in modo prominente, e anche loro erano molto differenziati all'inizio. La degustazione, da cui sono tratte le note che seguono, si è svolta in un piccolo circolo al ristorante Basilikum di Erlangen. La degustazione è stata fatta con il bicchiere Gabriel.

Gli antipodi

Il 1989 è considerato un'annata classica. È stato caldo, ma non troppo; dopo una primavera fredda e umida, che aveva già diminuito le speranze di un'annata di prim'ordine, è seguito uno sviluppo insolitamente uniforme in un autunno secco, in cui le forti oscillazioni di temperatura tra il giorno e la notte (già in agosto il termometro è sceso a volte a dieci gradi di notte) hanno assicurato un'acidità stabile e aromi complessi e freschi nonostante l'elevata maturità delle uve. Il 1990, invece, è stato un anno decisamente caldo e secco con una fioritura precoce, notti calde e un autunno lungo e caldo. In luglio e agosto è stato così caldo e secco che la maturazione dell'uva si è parzialmente fermata, ma il lungo periodo di vegetazione ha comunque permesso un'alta maturazione dell'uva ovunque. In molti luoghi, tuttavia, questo era al prezzo di uve secche e bassa acidità. I vini di questa annata sono molto più lusinghieri di quelli del 1989, spesso con aromi di marmellata, composta e frutta secca. Tuttavia, il Nebbiolo ha così tanto tannino, acidità e potenziale aromatico che anche nel 1990 è emersa un'abbondanza di vini immensamente seducenti, succosi e vivaci che, contrariamente ad alcune paure, resistono e si sviluppano magnificamente.

(Fonte: Elena Altare)

I vini nell'ordine di degustazione

1990 Barolo Bussia, Aldo Conterno

95 Relativamente fresco, aroma molto fine di catrame, foglie appassite, bacche rosse secche e alcune prugne con note di tabacco, pavimento del bosco ed erbe, un pizzico di cuoio e sentori minerali. Frutta rossa molto matura, succosa e anche un po' marmellata, con aromi di fiori secchi, belle note speziate, tabacco e un pizzico di liquirizia, tannino molto fine e teso, astringenza da acquolina in bocca, aromaticità piuttosto ammaliante, complesso e profondo, ha eleganza e gioco, finale lungo e finemente succoso. Un classico.

Attraverso il 2015+.

1990 Barolo Collina Rionda, Bruno Giacosa

91 Naso chiaramente maturato di bacche rosse, castagne e nocciole con aromi vegetali, che ricordano un po' il cavolo e le carote secche, tabacco, cuoio, un tocco di pancetta, sottobosco e un pizzico di iodio. Anche maturo in bocca, aromi di fiori appassiti, tabacco, caramelle e caramello scuro, un accenno di cacao, un sacco di fusione dolce e friabile, fine, tannino molto leggermente sabbioso, un po 'di toni appassiti al palato, noci candite, un po' di calore dell'alcol, molto leggermente fondente contorni, dolce-morbido, ancora una volta anche alcool caldo finale.

Bere.

1989 Barolo Vigna San Giuseppe, Cavallotto

96 Presente, aroma abbastanza aspro di bacche rosse e alcune nere, cuoio e un accenno di legno di cedro con aromi di fiori appassiti, alcune prugne conservate e tabacco, nonché tracce vegetali. Molto fermo e succoso in bocca, maturo, in parte frutta secca, noci candite, un pizzico di iodio, malto alle erbe e vecchi toni legnosi, tannino fine, stretto, da acquolina in bocca, molta potenza al palato, eccellente profondità e persistenza, toni ossidativi molto delicati, molta tensione e mordente, complesso, diventa ancora più succoso e più seducente con l'aria, finale lungo. Fantastico.

Fino al 2016+.

1990 Barolo Pajana, Domenico Clerico

92 Aroma di brodo di zuppa e salsa di pan di zenzero, bacche secche, alcune ciliegie e prugne con note di fogliame, tabacco, malto e terra. Frutta ferma e succosa in bocca, aromi affumicati e tostati, note di caramelle, malto alle erbe, iodio e fiori secchi, succo agrodolce, un po' di tannino secco, molta potenza al palato, eppure ha mordente e tiro, stile pungente, molte foglie autunnali e sottobosco, finale molto buono e lungo.

Fino al 2018+.

1989 Barolo, Bartolo Mascarello

96 Relativamente fresco, ma molto fermo e complesso aroma di foglie e fiori appassiti con aromi di bacche rosse molto fini, alcune bacche nere e tabacco, catrame e sottobosco così come la mineralità della terra. Anche fresco e molto teso in bocca, frutta concentrata con toni speziati aspri, iodio, violette e fiori secchi, tannino fine e presente, acidità vivace, profondo e complesso al palato, note di erbe candite, mineralità sullo sfondo, molto mordente e tirato, finale lungo, teso e succoso.

Fino al 2018+.

1990 Barolo Vigna Chinera, Elio Grasso

94 Distintamente essiccato-vegetale al tabacco al naso, spezie legnose, più bacche e ciliegie miste essiccate e sottaceto, toni terrosi distinti, alcuni sapori iodati e vegetali. Succoso e fermo in bocca, frutta chiara, cioccolato, sapori di legno tostato, caramelle, molto tabacco e qualche seme di senape, tannino maturo, molta fusione e potenza al palato, toni di marmellata, ma anche ancora sorprendente freschezza, viole candite e liquirizia in background, profondo e persistente, un po' di calore, finale molto buono a lungo.

Fino al 2018+.

1989 Barbaresco Santo Stefano Rieserva, Bruno Giacosa

94 Aroma invecchiato, aspro, tabacco, un po' cedro e bacon di bacche rosse e nere con note di foglie appassite, erbe, semi di senape e mineralità terrosa. Anche in bocca è ben saldo, frutta matura e leggermente inceppata, molto succo e dolce che si scioglie, presente, tannino prevalentemente friabile, tabacco, caramelle e caramello, duraturo e profondo, grippy, note erbacee in sottofondo, minerale, finale lungo.

Fino al 2015+.

1990 Barolo Ciabot Mentin Ginestra, Domenico Clerico

93 Un sacco di spezie al naso, specialmente il levistico, più malto, tabacco, un po' di catrame, toni di terra e verdura e un po' di pancetta. Maturo, denso e succoso in bocca, abbastanza scuro, frutta in parte candita, tannino fermo, in parte asciugante ma soprattutto goloso, morso acido fine, potente e persistente al palato, note di caramelle, un po' di cedro e catrame, molta presa, buona profondità, finale molto buono e lungo.

Fino al 2018+.

(Fonte: Elena Altare)

1989 Barolo Cascina Francia, Giacomo Conterno

97 Profondo, complesso aroma di bacche miste conservate e molto mature e di fiori canditi con note erbacee e minerali, un po' di tabacco e catrame così come vecchi toni di legno. Fermo, denso, profondo ed estremamente succoso in bocca, teso, concentrato, ma incredibilmente fresco di frutta in bocca, note di caramelle e toni di tabacco fine, presente, tannino maturo e fine acidità, un sacco di grip e tensione, vibra davvero, enorme mineralità, erbe candite, sembra ancora incredibilmente giovane, profondo e molto persistente, lungo, finale succoso. Stupefacente.

Fino al 2020+.

1990 Barolo Bric del Fiasc, Paolo Scavino

96 Aroma di bacche miste conservate, levistico, erbe secche, violette, tabacco, funghi e terra con delicati toni ossidativi e chiara mineralità. Molto fermo e immensamente succoso in bocca, note delicatamente ossidative, frutta matura e succosa in confettura, tannino molto presente, qualche morso acido, distinta mineralità terrosa al palato, stile pittoresco, profondo e ammaliante, sapori di fiori secchi, tartufi e un pizzico di semi di senape, complesso e lungo.

Fino al 2018+.

1990 Barolo Vigna Casa Mate, Elio Grasso

93 Aromi invecchiati, di noci e un po' vegetali di tabacco, foglie appassite e un pizzico di iodio con toni minerali terrosi. Frutta matura con aromi di cedro aspro, terra, un po' di cacao e noci, tannini tesi, maturi anche se un po' asciuganti, note di erbe aromatiche, funghi secchi, caramelle e un po' di liquirizia al palato, toni di marmellata ma anche un bel morso acido, alcuni semi di senape e finocchio, toni minerali, buona profondità, molto buono, bel finale succoso e piccante.

Fino al 2017+.

1989 Barolo Sperss, Angelo Gaja

97 Bouquet molto complesso, incredibilmente fresco, profondo, aspro, fresco e deciso di bacche rosse e nere, viola, fiori secchi e un po' di liquirizia con note di tabacco e minerali. Denso e profondo in bocca, marmellata, succosa, frutta incredibilmente fresca con note di caramella e un accenno di caramello, toni tostati molto leggeri, aromi floreali secchi al palato, molto grip e ottima profondità, molto animato, finale lungo e accattivante con mineralità salata e spezie molto raffinate. Senza tempo.

Fino al 2020+.

1990 Barolo Vigna Arborina, Elio Altare

96 Profumo ammaliante, ancora molto fresco, profondo, fresco e levigato di bacche rosse e nere molto mature con fini toni di liquirizia, tabacco dolce e fiori secchi. Concentrato, teso e molto fresco in bocca, frutta matura, piuttosto scuro, presente, maturo, tannino goloso, molto minerale al palato, profondo e persistente, vivace nonostante tutta la concentrazione, moderata spezia di legno, note di tabacco fini, chiaramente stile moderno, lucido, ma profondo e complesso, ammaliante, finale lungo e succoso.

Fino al 2020+.

1989 Barolo Monprivato, Giuseppe Mascarello

95 Bouquet deciso, fresco e aspro di bacche rosse, fiori secchi ed erbe con delicate note resinose, aromi di funghi secchi, un pizzico di liquirizia e levistico. Teso e succoso in bocca, frutta rossa e nera matura, toni di noce, caramella di roccia, un po' di cedro e violette secche, tannino fine, maturo, presente, acquolina in bocca, molto mordente al palato, succoso, ma piuttosto aspro e pungente, potente, persistente e profondo, toni pepati e un pizzico di arrosto, molta mineralità terrosa, molto buono a lungo, finale ammaliante.

Fino al 2016+.

1990 Barolo La Villa, Seghesio

94 Aroma maturo, di tabacco e di vecchio legno, di bacche rosse e nere mature e parzialmente secche con note di caramella e liquirizia. Denso, fermo e succoso in bocca, frutta scura con aromi tostati, caramelle, liquirizia e caramello così come un po' di cioccolato fondente, tannino molto fine e vivace, acidità fine, alcuni toni di marmellata, ma rimane teso e succoso, molta potenza ed eccellente profondità, una traccia di funghi secchi sullo sfondo, finale lungo e succoso.

Fino al 2018+.

1990 Barolo Brunate Riserva, Rinaldi

97 Aroma aspro e un po' tostato di bacche nere molto mature e parzialmente conservate, un po' di uva sultanina e tabacco dolce con note di cedro, un po' di tartufo e mineralità. Denso, profondo e succoso in bocca, frutta ben intrecciata di bacche nere e rosse secche e candite, tannino fermo, presente e avvincente, molta mineralità salata, note di caramelle e sapori di tabacco fine al palato, un po' di caffè, profondo, concentrato e complesso, finale lungo, stretto e accattivante. Grande.

Fino al 2020+.

(Fonte: Elena Altare)

1989 Barolo Cannubi Boschis, Luciano Sandrone

90 Leggermente maturo, un po' liquoroso e anche un po' ossidativo, aroma di bacche rosse secche e alcune nere con toni di uva sultanina, tabacco, fiori secchi e sentori di terra. Frutta matura e succosa di marmellata in bocca, note di liquirizia e fiori canditi, tannino fine, fusione e potenza al palato, mineralità sullo sfondo, ha un po' di mordente e una certa profondità, stile leggermente caldo, finale molto buono.

Fino al 2015+.

1989 Barbaresco Sori San Lorenzo, Angelo Gaja

94 Erbe aromatiche, tabacco e toni floreali al naso, vecchio e sottotono, toni terrosi e di tabacco, aromi di bacche e accenni baconici-minerali. Potente, fermo e legnoso, frutta matura con caramelle e un po' di cioccolato fondente, tannino presente e in parte ancora asciugante, inizialmente aspro, ma con l'aria sempre più succoso, sapori di tabacco, caramelle e un pizzico di caramello scuro, caffè e spezie, toni molto leggermente ossidativi, molta potenza e presa, un po' di frutta stufata, profondo e persistente, finale lungo.

Fino al 2016+.

1990 Barbaresco Sori Tildin Magnum, Angelo Gaja

93+ Da una magnum perfettamente invecchiata. Ricorda sorprendentemente il fegato arrostito, ma al naso è molto lucido con aromi di bacche nere conservate, alcuni frutti rossi e pepe con tracce di prugne e ciliegie, cioccolato, marzapane, cipolle stufate, tabacco e fiori appassiti. Anche abbastanza lucido e fresco in bocca, frutta matura, ferma e succosa, note leggermente composte, un po' di caffè e caramello scuro, tannino fine e sabbioso, teso al palato, stile piuttosto moderno, succoso, ancora tremendamente giovane, ancora guadagnando succo e profondità con l'aria, finale lungo. Ha bisogno di maturare ulteriormente, almeno in questo formato.

2015-2025+.

1990 Barbaresco Santo Stefano Riserva, Bruno Giacosa

87 Crostata, pancetta, aroma sviluppato di bacche rosse con note di tabacco, erbe secche, un po' di fumo e levistico. Dolcemente succoso e in confettura in bocca, frutta rossa matura, un pizzico di tannino secco, stile abbastanza caldo e morbido, aromi floreali secchi e alcuni peperoni secchi sul palato, molto leggermente volatile, finale molto buono.

Bere.

1989 Barolo Collina Rionda, Bruno Giacosa

96 Chiaro, fine e profondo, aroma di tabacco abbastanza di bacche rosse e nere con toni minerali distinti e aromi floreali secchi. Frutto molto stretto, ma fine e succoso in bocca, potente e forte in alcool, tannino presente, teso e appetitoso, profondo e complesso al palato, tabacco, toni affumicati e chiaramente minerali, corpo potente con elementi caldi, ma anche freschi, si stringe ancora di più con l'aria, aromi floreali appassiti, finale lungo e multistrato con molta pressione.

Fino al 2016+.

1990 Barolo Cannubi Boschis, Luciano Sandrone

93 Abbastanza complesso, aspro, aroma acido di bacche nere e rosse con aromi terrosi e vegetali, tabacco e terra, nonché note molto leggermente volatili. Fresco, aspro e relativamente legnoso in bocca, di nuovo anche una traccia di tannino volatile, presente, leggermente ruvido e asciugante, erbe, levistico, cuoio e terra al palato, mineralità, toni leggermente ossidativi, corpo abbastanza potente, concentrato, elementi caldi e freddi, guadagna succosità e mordente con l'aria, rimane nel finale intrinsecamente molto buono a lungo ma anche un po' legnoso-asciugante.

Fino al 2018+.

1990 Barolo Monfortino, Giacomo Conterno

94 Profondo profumo di bacche rosse e nere candite e secche con aromi di noce e leggermente vegetali, caramelle, tabacco, erbe da brodo e un accenno di cioccolato. Frutta croccante in bocca, vecchie note legnose, pancetta, erbe da minestra, terra e tabacco, presente, tannino molto leggermente fragile, note affumicate, molta mineralità salata, alcol evidente, eccellente sostanza e profondità, costruzione ferma, finale molto buono e lungo. Per tutta la sua qualità, non è la migliore bottiglia.

Fino al 2016+.

1990 Barolo Cerequio, Roberto Voerzio

95 Aroma fine e complesso, denso, profondo e concentrato di bacche miste molto mature, alcune prugne e foglie appassite con toni eterei e minerali. Anche in bocca densamente intrecciata, concentrata, frutta molto matura, succosa e un pizzico tostato, presente, tannino parzialmente aspro, sentori vegetali e note di erbe in brodo al palato, mineralità chiara, molta potenza e presa, sentori leggermente ossidativi, cioccolato e caramello, eccellente profondità, molto buono a lungo, di nuovo dolce-caramello finale.

Fino al 2018+.

Related Magazine Articles

View All
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze