wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

A prima vista, Müller-Thurgau e Gutedel hanno poco in comune. Gutedel Il Müller-Thurgau, chiamato Chasselas in Svizzera e sempre più spesso anche in questo Paese, è il più antico vitigno coltivato in assoluto e aveva già la reputazione di essere una varietà particolarmente nobile in Germania, quando il Riesling era ancora considerato uno sgradevole vitigno acido. Il Müller-Thurgau, invece, è stato incrociato con la Madeleine royale solo all'inizio del XX secolo dall'allevatore svizzero Hermann Müller a Geisenheim, su Riesling, e poi ulteriormente sviluppato presso l'Istituto di ricerca di Wädenswil, dove ha ricevuto il suo nome nel 1913. È sempre stata considerata una varietà facile da coltivare per vini quotidiani senza particolari esigenze.
© Cantina Ziereisen

La reputazione del Müller non è cambiata fino ad oggi, ma quella del Gutedel sì, nonostante i produttori dedicati. Ed è qui che iniziano le similitudini: perché a entrambi è stata fatta un'ingiustizia.

La rovina del Gutedel è stata la scarsa acidità. Nelle condizioni climatiche precedenti, questa mancanza di acidità era un vantaggio decisivo, in quanto i vini di Chasselas erano godibili anche nelle annate fresche - e un tempo erano la regola - senza abbondanza di zucchero. Col tempo, però, la varietà è stata espulsa dalla maggior parte delle aree di coltivazione; solo i viticoltori del Markgräflerland, tra Friburgo e il confine svizzero, l'hanno mantenuta.

Il Müller-Thurgau, invece, ha conosciuto un successo trionfale nel XX secolo come fornitore di vini economici, semplici e bevibili provenienti da rese massicce, il che lo ha reso per un certo periodo la varietà più coltivata in Germania, ma allo stesso tempo ha cementato la sua reputazione di vitigno inferiore. Oggi il Müller occupa ancora più del 10% della superficie vitata del Paese. Nel frattempo, però, sempre più produttori hanno riconosciuto il suo potenziale, e non solo in Franconia, dove la sua reputazione non è mai scivolata così in basso come altrove.

Per molto tempo, la produzione di Chasselas nel Markgräflerland è stata saldamente nelle mani di cooperative poco interessate a spremere un vino sofisticato, il che non ha esattamente favorito la sua reputazione. Ben presto, questa nobile varietà antica, la cui qualità e capacità di maturazione non è mai stata messa in dubbio in Svizzera, ha avuto la reputazione in Germania di essere un fornitore di vino banale e senza potenziale di sviluppo. Persino l'Istituto Tedesco del Vino diffonde sulla sua homepage la favola che Gutedel non può maturare a causa della sua bassa acidità. In pratica, la mancanza di maturazione era per lo più vera, ma non tanto per la mancanza di acidità quanto per l'impegno dei produttori.

Oggi si producono ottimi vini da Gutedel nella regione del Markgräflerland e dal Müller-Thurgau, soprattutto in Franconia e nel Baden, ma occasionalmente anche in altre regioni, ma purtroppo in gran parte ad esclusione del pubblico. E, naturalmente, sotto lo sguardo sospettoso degli apologeti del Riesling, che credono di avere il diritto di interpretare la qualità dei vini in generale e dei vitigni in particolare, e che spesso non hanno che da deridere i vini privi di una vistosa punta acida, di cui ci si può rallegrare se è solo lieve. Dopo tutto, anche il Müller non è esattamente incline all'eccesso di acidità. Come nel caso di Gutedel, i suoi punti di forza risiedono chiaramente nei toni pacati. Il Müller-Thurgau, oggi chiamato anche Rivaner, può essere vinificato fino a raggiungere un certo volume aromatico, ma le sue qualità migliori si basano essenzialmente sulla delicatezza, sulla finezza aromatica e sull'eleganza.

La non appariscenza aromatica di Gutedel è intrinseca. Questo lo rende il vino quotidiano e semplice per il quale la varietà è oggi in qualche modo conosciuta. I suoi punti di forza, tuttavia, derivano da un terroir di prim'ordine, da basse rese e, non da ultimo, da un lungo affinamento sui lieviti, che idealmente gli conferisce anche quella capacità di sviluppo che spesso gli viene negata. La storia del Müller-Thurgau è molto simile. Le sue esigenze in fatto di location non sono elevate - si può ottenere un vino bevibile ovunque - ma premia maggiormente le attenzioni e le migliori location; può anche essere utilizzato per produrre vini seri, indipendenti e sorprendentemente complessi grazie a un lungo affinamento sui lieviti.

E le due varietà hanno un'altra cosa in comune: se ne ricavano vini secchi di prima classe anche con pesi di mosto relativamente bassi e quindi con un basso tenore alcolico. Il notevole Gutedel riesce spesso a ottenere solo l'11% in volume, a volte anche meno. Il Müller - con alcune eccezioni - non è forse altrettanto parsimonioso, ma anche in questo caso le cose possono diventare entusiasmanti a partire dall'11,5% al massimo. Soprattutto i vini che sono stati a lungo affinati sui lieviti possono raggiungere una potenza, una profondità e una complessità difficili da credere se si considera la gradazione alcolica, pur rimanendo spesso leggeri e delicati. Entrambe le varietà si prestano quindi in modo eccellente anche all'invecchiamento come vini naturali o arancioni, per i quali sono obbligatori la fermentazione in ammasso, il lungo contatto con le bucce, la bassa solforosa e la rinuncia alla filtrazione.

Entrambi hanno ancora oggi dei sostenitori impegnati. Viticoltori che si preoccupano di ottenere vini di prima classe da queste varietà spesso incomprese. Spesso appaiono riservati come i loro vini, si affidano alla profondità e ai toni pacati e quindi spesso non sono ancora abbastanza ascoltati. È giunto il momento di cambiare questa situazione.

Anche gli amanti del vino dovrebbero tornare a cercare questi vini, se non altro con un occhio al portafoglio. Notevoli Gutedel e Müller-Thurgau sono spesso disponibili a meno di 10 euro. Esemplari di prima classe si possono avere per poco più. Chi si lascia sfuggire questa occasione è davvero solo da biasimare.

Nelle ultime settimane abbiamo assaggiato quasi 100 Müller-Thurgau e Gutedel e qui vi presentiamo i migliori. I link a tutti i risultati, alle note di degustazione dettagliate e ai produttori si trovano alla fine di ciascuna delle migliori liste.

In primo piano: Gutedel e Müller-Thurgau Müller-Thurgau

In primo piano: Gutedel e Müller-Thurgau Gutedel