wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Di più
Di più
Di più
Di più
Di più
Di più
Blaufränkisch non è la varietà di vino rosso più importante in Austria, né in termini economici né per la sua area di coltivazione, che è chiaramente lo Zweigelt. Ma quando si tratta di vera qualità, di autenticità e origine, non c'è modo di aggirare Blaufränkisch. E questo nonostante il fatto che svolga un ruolo significativo solo in due regioni di coltivazione: nel Burgenland e nelle sue sottozone, dove è effettivamente la varietà di vino rosso di gran lunga più coltivata, e nel vicino Carnuntum a nord, anche se qui è limitato alla zona intorno allo Spitzerberg.

Il vitigno viene spesso definito come il Pinot Nero austriaco, ma le due varietà non sono affatto così simili come spesso si dice. Blaufränkisch tende ad avere aromi di frutta scura, spesso associati alla mora, tannini presenti e per lo più aspri, un'acidità notevole e una spezia altrettanto scura, finemente amara, spesso un po' eterea, che ricorda il pepe e il ginepro. Blaufränkisch ha qualcosa di impegnativo; il fascino non è quindi, con poche eccezioni, la prima qualità che viene in mente.

Per molto tempo si è contrastata la naturale freschezza e astringenza di Blaufränkisch raccogliendo le sue uve particolarmente mature e sottoponendo i vini risultanti, spesso pieni di alcol e quasi densi, a un trattamento intensivo con piccole botti di legno nuove. Questo stile è ancora oggi molto diffuso e gode di un seguito fedele. Funziona perché l'acidità e i tannini del Blaufränkisch sono ancora in grado di conferire nerbo e una certa freschezza agli esempi più potenti, almeno se non si esagera completamente. Tuttavia, con tutta la frutta in confettura e succosa e gli aromi speziati, che spesso ricordano i chiodi di garofano e il legno tostato, a volte amaramente fuligginoso, che si incontrano spesso qui, si perdono quasi inevitabilmente due cose a cui oggi si dà sempre più valore: Eleganza e carattere d'origine.

La tendenza va quindi ora in una direzione completamente diversa. Certo, ci sono sempre stati alcuni produttori di punta che si sono dedicati a uno stile autentico, più raffinato che ingombrante. Molte giovani cantine le hanno comunque prese a modello, ma negli ultimi anni anche alcuni ex pionieri della fazione del legno e dell'alta maturità sono cambiati. I cambiamenti variano da cauti a radicali; le transizioni sono fluide. Mentre alcuni continuano a puntare sulla potenza e su molto legno nuovo, ma evitano una maturazione eccessiva e fanno di tutto per mantenere la freschezza e la precisione del frutto, i vini altrove sono molto più magri e non hanno più alcun aroma di legno prominente. Anche in questo gruppo, le differenze stilistiche sono spesso enormi: qui, frutti neri particolarmente croccanti, molta acidità e tannino pungente, là - un po' più raramente e più probabilmente nel Carnuntum - componenti a bacca rossa considerevolmente più numerosi, tannino setoso e consistenza quasi flessuosa. Una novità sono i vini rossi naturali, che devono essere venduti senza una specifica indicazione di origine come "vino dell'Austria", perché incontrano scarsa approvazione nei controlli enologici a causa del loro carattere insolito: di colore chiaro, torbido, erbaceo, fresco-sapido, per lo più sorprendentemente leggeri nell'alcol e nell'aspetto, ma al meglio dotati di una sorprendente vivacità e di aromi complessi. E con mineralità. Ma i migliori vini di tutti gli stili possibili hanno comunque questo elemento in comune; può risultare diverso, a seconda dell'origine e della composizione del terreno: gessoso, salato o addirittura ferroso-metallico. A volte tutti questi elementi insieme.

Per questo speciale abbiamo degustato più di 200 vini, concentrandoci su vini cru e sulle riserve del Burgenland e del Carnuntum. Presentiamo qui i migliori vini, ma anche separati per regione con i due articoli di zona linkati sopra. I link a tutti i vini con le note di degustazione dettagliate e i relativi produttori si trovano alla fine delle liste. Tutti i vini sono stati degustati alla cieca più volte nel corso di almeno due giorni nella nostra sala di degustazione di Erlangen.

BEST OF Blaufränkisch Annata 2020

BEST OF Blaufränkisch Annata 2019

BEST OF Blaufränkisch Annata 2018