wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Pilar Just Pilar Just, presidente della DO Montsant, descrive il percorso di questa regione di soli 20 anni all'ombra del Priorat, da una regione di viticoltura cooperativa alla produzione di vini di sorprendente qualità, indipendenza e individualità.

Definisca la DO Montsant in tre frasi.

Pilar Just: Oh? (Ride) Montsant è una regione prettamente mediterranea che, grazie a determinate caratteristiche geografiche, geologiche e climatiche, può produrre sia vini pienamente maturi che freschi e pregiati. Geograficamente, Montsant dista solo 40 chilometri dal mare, ma ha un carattere continentale. Il vicino Priorat ha terreni prevalentemente di ardesia, mentre Montsant presenta una varietà davvero enorme di terreni e microclimi.

È possibile definire un carattere chiaro e riconoscibile?

Pilar Just: C'è un denominatore comune: la combinazione di maturità mediterranea e freschezza resa possibile dall'influenza continentale, dal basso pH dei terreni e dall'altitudine di alcuni vigneti. Non dobbiamo anticipare la vendemmia per ottenere vini freschi e pregiati.

Il DO ha recentemente festeggiato il suo 20° anniversario. Perché è stata fondata?

Pilar Just: Volevamo distinguerci da quelli che 20 anni fa venivano chiamati "vini parcellizzati": grande maturità, molta estrazione e lungo invecchiamento in barrique. Tale invecchiamento rende difficile il riconoscimento di vini anche provenienti da continenti diversi con varietà di uve, terreni e climi completamente diversi. Fin dalla fondazione della DO, abbiamo voluto riscoprire la nostra personalità. Ora stiamo continuando questo processo cercando di differenziare ulteriormente le differenze all'interno della nostra area DO. Dopotutto, è quello che hanno sempre fatto le regioni più prestigiose d'Europa. Penso alla Borgogna e al Barolo, per esempio.

Il vignaiolo di un tempo è diventato enologo

Cosa è cambiato finora nei due decenni della DO Montsant?

Pilar Just: Lo sviluppo è notevole. I nostri soci sono passati dai 28 della fondazione ai 61 di oggi. I viticoltori appartenevano alle grandi cooperative di un tempo e producevano vino insieme. Inevitabilmente sono state mescolate uve di origine molto diversa. L'attuale generazione ha studiato viticoltura, spesso presso la Facoltà di Enologia dell'Università Rovira i Virgili di Tarragona. I giovani hanno fatto esperienza in altre cantine e sono tornati nel Montsant per avviare i loro progetti. Ora c'è una diversità di piccole cantine a conduzione familiare.

Come si riflettono queste influenze moderne nella regione in crescita?

Pilar Just: Ci sono due aspetti che risaltano: In primo luogo, molte parcelle sono ora vinificate separatamente, ma nelle cooperative si ottiene comunque lo stesso vino. Questo permette ora di riflettere il mosaico dei terreni in vini differenziati. Ma i giovani viticoltori vogliono anche assumersi la responsabilità dell'intero processo produttivo, dalla vigna al vino invecchiato. Il viticoltore di un tempo è diventato enologo.

Un grande passo per una regione così tradizionale. Il DO ha reagito con dei cambiamenti?

Pilar Just: Dall'inizio del 2022, l'etichetta dei vini della DO Montsant indica chi ha imbottigliato il vino. Il viticoltore - Elaborador, è un enologo che controlla completamente il proprio processo produttivo fino all'imbottigliamento. L'Elaborador è un produttore di vino che acquista le uve per la produzione e quindi ha poco controllo sul lavoro in vigna. Poi c'è l'embotellador. Si tratta di una società di marketing che acquista vino invecchiato, lo imbottiglia e lo commercializza. In mezzo ci sono molte variabili, anche questa affermazione non definisce la qualità del vino. Ma siamo convinti che sia un'informazione importante che l'acquirente dovrebbe ricevere prima di comprare una bottiglia. Fa parte del nostro impegno per la trasparenza.

È per questo che volete anche definire i diversi terroir della DO Montsant come zone?

Pilar Just: Il progetto di sottozonazione è nato dalla consapevolezza dell'enorme diversità dei terroir di Montsant. È iniziato nel 2008 sulla base di uno studio dell'INCAVI (Institut Català de la Vinya i el Vi) sulla geologia e l'approvvigionamento idrico e la loro influenza sul clima. Nella seconda fase, abbiamo ampliato il progetto introducendo la microvinificazione dei nostri vitigni tradizionali Garnatxa e Carinyena da questi terreni. Da qui abbiamo definito sei zone diverse.

Che cosa ne è seguito?

Pilar Just: Dopo aver analizzato le caratteristiche fisiche di ogni zona, abbiamo voluto fare un ulteriore passo avanti e mettere in relazione queste regioni con le caratteristiche aromatiche dei vini. Per farlo, abbiamo messo insieme un panel di degustazione con 30 viticoltori ed enologi del Montsant. I degustatori devono definire le caratteristiche principali dell'espressione delle nostre varietà tradizionali Garnatxa e Carinyena in ogni sottozona di Montsant. In questo modo, si intende sistematizzare l'espressione dei vitigni autoctoni sui diversi terreni e, allo stesso tempo, classificare la mineralità dei vini di Montsant.

Non è facile comunicare queste informazioni complesse al pubblico internazionale del vino. Come vogliono affrontarlo?

Pilar Just: In futuro, queste informazioni saranno incluse nelle specifiche tecniche della DO Montsant. In questo modo, vogliamo essere in grado di indicare le sottozone sulle etichette. In questo modo, vogliamo rappresentare chiaramente l'origine - e il lavoro - di ogni singolo viticoltore. Inoltre, offriamo agli amanti del vino informazioni precise e certificate allo stesso tempo, che aumentano la loro comprensione dei vini - e quindi il loro piacere. Siamo convinti che questo sia esattamente ciò che il consumatore finale si aspetta oggi: varietà e legame del vino con il suo terroir.

Per saperne di più:

More related Magazine Articles

Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze