wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Latour à Pomerol 1981Ho bevuto il vino a causa di una discussione su Facebook. Si trattava di una bottiglia di L'Evangile 1981, caratterizzata da un amico del vino con una parola breve e concisa: "deluso". Naturalmente, è allora che è iniziata la discussione: "Anche io ho avuto un 81 10 giorni fa, purtroppo non è stato un piacere neanche questo" Ed eravamo già arrivati all'annata bordolese 1981, già controversa all'epoca: "Per quelle persone sfortunatamente male informate che chiamano il 1981 un'annata classica, questo termine significa semplicemente che è un'annata bordolese tipicamente buona con vini di medio peso, ben equilibrati e graziosi. Tuttavia, nonostante una dozzina di vini eccellenti, il 1981 è in realtà solo una buona annata, superata in qualità dalla maggior parte delle annate recenti", scriveva Parker dieci anni fa (2004). Oggi, l'annata è considerata piuttosto debole - anche a causa dell'evoluzione dei vini: "l'81 è probabilmente andato da tempo negli eterni territori di caccia di Bx, con pochissime eccezioni. Semplicemente non è stato un anno longevo". E una conclusione: "Non capirò mai perché si possono comprare annate BDX come il 1981 'oggi'".

Queste discussioni sono eccitanti, perché mostrano quanto diversamente siano valutati i vecchi Bordeaux e/o cosa ci si aspetta dai vecchi vini. Capisco che uno può essere deluso da un Evangile 81, il vino è ancora scambiato oggi intorno ai 100 euro (e più). Si ha il diritto di aspettarsi qualcosa che abbia a che fare con il piacere. Si può fare? Certo, se si considera per cosa si spendono cento euro (in termini reali o teorici). Ma c'è un altro aspetto: quello della maturazione, del divenire, del cambiare, del passare. Anche i vini - almeno quelli che possono essere conservati - passano attraverso qualcosa come "fasi di vita". I vecchi bevitori di vino sono soprattutto interessati a queste fasi, i diversi stadi di un vino, ma anche a come veniva fatto il vino una volta. Negli anni '70 e nei primi anni '80, non solo la filosofia della viticoltura e della vinificazione (anche Bordelais) era molto diversa da oggi, ma anche le possibilità della tecnologia sono cambiate. Così, un 81 non è solo un 81 di uno château più o meno famoso, è anche un documento del tempo, che - se il vino non è ancora "morto" - può essere incredibilmente emozionante e anche piacevole. Soprattutto quando ci si prende il tempo per ascoltare il vino, scoprendo caratteristiche, aromi, armonie che difficilmente si sono notate o a cui si è prestato attenzione finora.DSCN4543

Per questo motivo, ho bevuto il Latour à Pomerol 1981 ieri, anzi, ci ho passato la serata. Latour à Pomerol non è un Evangile, un buon due classi inferiore (se ci fossero classificazioni in Pomerol) o espresso in termini di prezzo al dettaglio di oggi, 100 a 40 euro. Il vino, cioè il molto più piccolo Pomerol, non era una sensazione, non un grande vino, nel modello dello stile o del consumo del vino di oggi. Quindi non era affatto "cool", ma piuttosto eccitante, contemplativo, interessante - un vino vecchio buono o passabile. Non era morto o altrimenti danneggiato (stonato, ossidato, invecchiato troppo, ecc.), era semplicemente vecchio. La domanda è: cosa significa questo, cosa è diventato il vino? In colore ancora con una quantità sorprendente di rosso blu-bordeaux, pochi toni di mattone, bordi leggermente brunastri. Al naso un po' spento all'inizio, poi profondo, sempre più profondo, come andare in una foresta, con cespugli, alberi, ma anche radure. Ho decantato il vino (come decanto tutti i vini - anche quelli vecchi). Nel corso della serata si è aperto, rilasciando aromi che mi hanno deliziato in certe fasi, era un tranquillo ma bellissimo panopticon di sapori che posso trovare e sperimentare solo nei vini vecchi. Il vino - rispetto ai Bordeaux di oggi - era certamente sottile, piuttosto magro (come l'opposto del grasso) e - al primo sorso - noioso, insignificante. Ma poi - gradualmente - si è sviluppato qualcosa che può portare al godimento (nel senso usuale della parola), in questo caso ha portato ad esso, qualcosa che mi ha dato un viaggio di scoperta, nel mondo dei vini vecchi. Certo, ho avuto molti vini migliori, anche vecchi, molto più vecchi. Ma perché dobbiamo sempre confrontare, mettere le cose in prospettiva? Ho passato la serata con un 81, che ha potuto svilupparsi per 33 anni ed è diventato vecchio (non può più tenere il passo con i giovani), ma ha qualcosa da offrire che solo l'età può offrire: l'esperienza di molti anni di cambiamento e sviluppo, il risultato di aver vissuto, anche se era "solo" una vita da vino, e ciò che ne è diventato, l'ho assorbito come un vero guadagno e piacere.

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze