wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Anche se i reperti più antichi riguardanti il vino provengono senza dubbio dalla Mesopotamia, la Grecia può essere giustamente considerata la culla del vino per l'Europa centrale. Venerabile, ma fino a poco tempo fa stranamente poco brillante, a causa anche del fatto che il paese è stato occupato per secoli dai turchi, che non hanno permesso quasi nessuna viticoltura. Per quanto il sito settore del vino fosse solito ristagnare, ora si presenta come attivo e lungimirante. Questo non è dovuto solo alle sovvenzioni dell'UE, che sono disponibili anche per gli altri, ma per lo più ad un evidente desiderio di prendere ancora una volta un posto nel mondo del vino che sia giusto per il paese. Quando più di 40 anni fa Porto Carras (Halkidiki) iniziò il suo lavoro con gli enologi più preparati, iniziò un rinascimento della viticoltura greca che è continuato ininterrottamente fino ad oggi.

L'Olymp% "terroir divino"

Per anni, il crescente numero di cantine di qualità nel nord della Grecia erano i tipici lupi solitari, finché nel 1993, 13 cantine decisero di fondare un'organizzazione senza scopo di lucro: nacquero le "Wineroads of Macedonia", includendo anche le regioni di Rapsani, Xanthi e Rhodopi, che non sono in Macedonia. Più recentemente, la regione dell'Epiro è stata aggiunta e l'organizzazione è ora chiamata "Le strade del vino della Grecia settentrionale". Fin dall'inizio, era chiaro all'associazione che non avrebbe avuto senso che solo le cantine fossero membri. Certo, costituiscono la spina dorsale, ma cosa sarebbe il miglior vino senza il cibo tipico del paese, la cultura e l'alloggio invitante. Di conseguenza, le "Strade del vino della Grecia settentrionale" si considerano un punto di contatto completo per tutti i buongustai che vogliono vivere da vicino le regioni immensamente varie. L'accento è posto sull'autentico, sul regionale, cioè su ciò che è giustamente chiamato "terroir". Per garantirlo, ogni azienda, che sia una cantina, un ristorante, un cibo o un hotel, viene controllata a fondo per vedere se soddisfa i criteri di ammissione.

Come indicato nel titolo, le varietà autoctone sono state la ragione per osservare più da vicino alcune zone. Pochi, si sarebbe tentati di dire, perché la Grecia ne ha una varietà unica, si dice che siano più di 400.

Anestis Babatzimopoulos%© Sonja Graminski


Il viaggio è iniziato a Ossa (Thessaloniki Wine Route), una piccola città a 60 km a nord di Salonicco. Cioè, non proprio, perché molto prima della città si gira nella strada sterrata che porta alla cantina di Babatzim. Ciò che suona così esotico deriva dalla sobria consapevolezza del proprietario che si dovrebbe essere in grado di pronunciare il nome di una cantina anche se non si parla greco. Anche se la personalità del proprietario, Anestis Babatzimopoulos, è così abbagliante e sfaccettata che dopo una visita si ricorderebbe tutto il nome senza battere ciglio.

La fattoria stessa ha una lunga tradizione come distilleria, ma Anestis è arrivata al vino solo poco più di 30 anni fa. Una buona decisione, perché a 650 m sul livello del mare, le differenze di temperatura tra il giorno e la notte sono molto maggiori che in pianura. A parte questo, i diversi terreni come l'ardesia, la ghiaia calcarea e l'argilla invitano letteralmente a piantare delle viti. Questo è successo ampiamente qui, nel senso che non meno di 26 varietà sono coltivate, che siano ammesse o meno come varietà di qualità nella zona. "Come faccio a sapere quale delle tante varietà autoctone e internazionali si rivelerà veramente utile nella mia zona?" commenta Anestis, scrollando le spalle con malizia greca sul collo. Un piccolo estratto: Agiorgitiko, Xynomavro, Negoska, Mavroudi, Asyrtiko, Athiri, Moschofilero, Moscato Aspro, Malagouzia, ma anche Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e Merlot. Siccome si dimentica presto il sapore delle cose, sta anche costruendo un cosiddetto "laboratorio del piacere" sotto forma di una grande casa in mezzo ai vigneti, dove si cucinano cibi naturali e si beve vino per accompagnarli, i bambini possono conoscere di nuovo gli odori e i sapori incontaminati nei corsi, e tutti i sensi avranno il loro tornaconto. La vista del lontano Olimpo aggiunge all'esperienza. C'è anche un frutteto pubblico e presto ci sarà un anfiteatro naturale in mezzo al terreno. I vini sono accessibili a tutti, non complicati ma con carattere e perfettamente abbinati al cibo.

Vista del Monte Olimpo al tramonto% © Sonja Graminski


In tarda serata, ci siamo diretti verso Rapsani, la "Strada del vino degli dei dell'Olimpo". L'arrivo tardivo è stato la colpa del fatto che nessuno ha visto nemmeno il Monte Olimpo. Ma la mattina dopo si è capito perché questa strada del vino si chiama così. La vista dall'hotel "Castello" verso il mare e la fortezza, dall'altra parte verso il possente, abbagliante massiccio bianco coperto di neve del Monte Olimpo era impressionante.

Dr. Katsaros

Non meno impressionante è stato il viaggio verso la cantina Katsaros a Krania. La strada si snoda su per la montagna in innumerevoli colpi di scena, e dopo mezz'ora ci si chiede dove dovrebbe crescere il vino qui. Eppure, qua e là, si vedono piccoli vigneti sui pendii, difficili da lavorare, ma tutti ben curati. Infine, si sta davanti alla cantina e si ammira il magnifico panorama "alpino" della montagna Kissavos, alta 2000 metri, incredibile e inaspettato, eppure a meno di 30 km dal mare. L'altitudine è di ben 750 m, e qui cresce il vino. Il Dr. Dimitrios Katsaros coltiva 10 ettari sulle pendici della montagna Kato Olympos, principalmente Cabernet Sauvignon, Merlot e Chardonnay. Nel 1978, come hobby, ha iniziato a produrre vino; l'edificio architettonicamente attraente è ora, come allora, la casa di vacanza della famiglia. Dopo anni di prove, Katsaros si rese conto che le varietà indigene non maturavano abbastanza a questa altitudine e fu uno dei primi a piantare il Cabernet Sauvignon in Grecia. Dal 1985 in poi, il vino poteva anche essere acquistato, è stato l'inizio di una carriera vinicola di successo. Fin dall'inizio, l'otorino piuttosto introverso si è orientato su Bordeaux, sia nello sviluppo che nella domanda. "Faccio il vino che mi piace personalmente", è la dichiarazione dell'intenditore di Bordeaux. Da anni, questo gusto è visibilmente condiviso da molti, perché le 15 000 bottiglie della sua costosa cuvée Domaine Katsaros a base di Cabernet e Merlot sono regolarmente esaurite. Tuttavia, Dimitrios Katsaros è sempre alla ricerca, non soddisfatto di ciò che ha raggiunto finora. È in contatto attivo con i pochi colleghi ed enologi che premono anche questi vini speciali e cerca costantemente di avvicinarsi al suo ideale. Anche se l'attenzione principale è sui vini rossi, anche lo Chardonnay, in parte vinificato in barrique, è molto notevole. Tutto sommato, i vini sono interessanti e indipendenti, alcune annate anche sorprendentemente conservabili.

La cantina della cantina Katsaros%© Sonja Graminski


Il contrasto non potrebbe essere maggiore quando, subito dopo la piccola cantina individuale, abbiamo visitato la cantina Tsantali a Rapsani, attiva a livello sovraregionale e internazionale. Con una restrizione: la cantina centrale è in Calcidica, a Rapsani c'è solo l'edificio necessario per le uve locali. Tsantali ha iniziato nel 1945 come distilleria a Salonicco, e l'ouzo è diventato rapidamente il più venduto in Grecia. La produzione di vino è iniziata a Naoussa nel 1970, e oggi l'azienda lavora uve provenienti da 7 regioni ed è la più grande in Grecia con una produzione di 20 milioni di bottiglie. Nonostante questa dimensione, nella gamma si possono trovare vini interessanti, abbastanza individuali e anche conservabili. Sono non da ultimo il risultato di un lavoro in vigna di prima classe in uno stile che in realtà ci si aspetterebbe solo dalle cantine più piccole. Questo può essere visto a Rapsani, dove i singoli vigneti (oltre 50ha in totale) sono ampiamente sparsi in diverse esposizioni e altitudini. Nel comune ricco di tradizione, già una delle prime regioni ad aver ottenuto la denominazione di origine protetta O.P.A.P. nel 1970, i vini dei siti con ardesia ricca di ferro (agenti atmosferici) tendono ad essere tesi, quelli dei terreni sabbiosi più bassi piuttosto morbidi. I singoli vigneti sono difficilmente più grandi di un ettaro. In molti casi si possono ancora vedere le colture di canna qui, altrimenti le canne sono cresciute piuttosto basse. Sulla base di alcuni vini dell'enoteca, ci si può fare un'idea della conservabilità delle cuvées delle varietà Xynomavro, Krassato e Stavroto, anche i vini di oltre 10 anni fanno una buona figura.

Vigneto Rapsani con la montagna Kissavos sullo sfondo


La terza cantina della regione che abbiamo visitato è stata la Dougos Winery, situata nella pittoresca Tempital. Intorno all'edificio chiaramente strutturato, che si inserisce nel paesaggio, potete mettere alla prova le vostre conoscenze ampelografiche su 29 varietà diverse piantate qui a scopo dimostrativo. La famiglia Dougos ha iniziato a coltivare l'uva nel 1992, concentrandosi sia sulla qualità che sulla lavorazione dei vigneti il più vicino possibile alla natura. Qui troverete un mix rilassato di varietà autoctone e "nuove", che si riflette al meglio nel Meth'Imon, una miscela di Syrah, Merlot, Cabernet Franc, Limniona, Batiki, Grenache e Cabernet Sauvignon.

Louisa & Thanos Dougos% © Sonja Graminski


La cantina è moderna e pulitissima, ma senza alta tecnologia; la cantiniera Louisa è la sorella di Thanos Dougos, lei ha studiato enologia in Francia, lui è un ingegnere agricolo. Quando i due presentano i loro vini, spiegano il lavoro nei vigneti e descrivono meticolosamente l'invecchiamento dei vini, si nota la loro passione per la natura e la vinificazione. Tutto sembra facile qui, "l'agricoltura biologica è facile per noi, non abbiamo bisogno di fare nulla", o "i vini si svilupperanno da soli", difficilmente credereste che c'è così tanto lavoro dietro in realtà, per non parlare della conoscenza. Al momento, la questione se il legno di acacia non sia meglio per le rifiniture del vino bianco sta muovendo le menti di entrambi. La maggior parte dei vini sembra aver assunto il modo quasi giocoso dei fratelli, tranne un Syrah con oltre il 15% di alcol, che assomiglia un po' a un Amarone.

Continua qui...

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze