wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Difficilmente c'è un argomento che viene riportato e discusso in modo così nebuloso come la portata dei media online nel settore del vino. Diverse metriche da diversi strumenti di misurazione sono qui confuse in modo selvaggio. Diventa ancora più avventuroso quando si confrontano i media online con la stampa. Ma di più su questo in un post successivo del blog. Oggi mi limiterò ai media online.

Nell'industria online, ci sono standard chiaramente accettati per misurare la distribuzione dei media online. Tutti i principali attori, agenzie e siti web usano una terminologia chiara e non ambigua. Questo può essere discusso, è discusso e continuerà a svilupparsi. Ma lo status quo è che questi standard esistono e non c'è nessuna ragione ragione ragionevole per non aderirvi.

Per anni ho cercato di convincere i colleghi online del settore vinicolo di lingua tedesca a utilizzare degli standard e idealmente una procedura di misurazione trasparente e comunemente utilizzata. Se vogliamo essere presi sul serio come media online, dobbiamo anche comunicare in modo comprensibile e sulla base di cifre serie. Sfortunatamente, i miei sforzi finora non hanno portato a nulla. Paura della trasparenza?

Quali metriche sono standardizzate?

Impressioni di pagina: il numero di pagine che le persone visualizzano su un sito web in un determinato periodo di tempo. Maggiori informazioni nel glossario

Visite: Il numero di visite di persone che utilizzano un sito web in un determinato periodo di tempo. Se la stessa persona usa un sito web più di una volta, ogni uso conta come una nuova visita. Maggiori informazioni nel glossario.

Visiteuniche: Il numero di visite uniche a un sito web. Le visite multiple della stessa persona contano solo una volta.

Durata di permanenza: la quantità totale di tempo che le persone trascorrono sul sito web, indipendentemente dal numero di pagine visualizzate.

Tutte le altre metriche o metodi di misurazione sono confusi, auto-inventati, non comuni e non servono una stima seria della portata di un sito web, né questi numeri servono una comparabilità all'interno del settore o con altri settori. Tuttavia, Technorati, Wikio, analisi di logfile, Google-Pagerank e altre fonti di cifre godono di grande popolarità. Liberamente secondo il motto: comunico dove io stesso rendo meglio.

Quali metodi di misurazione sono davvero rilevanti?

Ci sono molti metodi per misurare le cifre di cui sopra. Bisogna distinguere tra due metodi di base:

Analisi del file di log: imprecisa, non professionale e fortemente falsificante nel risultato. Spesso più alto di un fattore di 10-15 rispetto a quello che sarebbe corretto

Analisi dei pixel: Il metodo abituale e professionale per misurare la portata di un sito web. Strumenti comuni che usano l'analisi dei pixel sono per esempio Google-Analytics, Etracker, il partner IVW e molti altri fornitori di servizi professionali. I risultati di tutti i fornitori di servizi differiscono leggermente, ma l'ordine di grandezza dei risultati è lo stesso.

Una descrizione più dettagliata delle differenze si trova nel glossario.

Quanto sono credibili e trasparenti le cifre?

Quanto sono credibili e controllabili le cifre comunicate dai gestori di siti web? Quasi nessuno dà agli utenti un accesso trasparente al rispettivo sistema di misurazione. L'IVW (Informationsgemeinschaft zur Feststellung der Verbreitung von Werbeträgern e.V.), che misura e pubblica anche cifre di portata molto credibili e affidabili nel settore della stampa, sarebbe ideale qui. Con il suo partner InfOnline, l'IVW offre una misurazione seria basata sull'analisi dei pixel. Sfortunatamente, questo è relativamente costoso per i gestori di siti web, e il supporto è così sempre a portata di mano che è improbabile che prenda piede.

Ma ci sono buoni modi per stimare i numeri da soli:

  • Google può stimare l'intensità d'uso dei siti web grazie all'alta distribuzione dei suoi prodotti sul web. Qui, il numero di visite e le impressioni di pagina sono stimate. Sullo strumento
  • Alexa ha una barra degli strumenti relativamente diffusa che copre un campione ragionevolmente utile di tutti gli utenti di siti web. Alexa produce una classifica mondiale di tutti i siti web, ordinati in ordine crescente per impressioni di pagina stimate. Il primo posto è occupato da Google.com, il sito web più utilizzato in tutto il mondo, seguito da Facebook.com al secondo posto, Youtube.com al terzo posto, e così via. Più alto è l'Alexarank, meno il rispettivo sito web è utilizzato. Sullo strumento

Entrambi i metodi sono basati sul campionamento e sono imprecisi; tuttavia, sono una guida approssimativa.

Analisi e sintesi dei risultati

Originariamente, volevo elencare tutti i siti web di vino conosciuti e i risultati per la portata in Google e Alexa a questo punto. A tal fine, è stato previsto un confronto con le cifre comunicate dagli stessi fornitori. Tuttavia, le discrepanze sono a volte così spaventose che vorrei rinunciare a questo confronto e, in due casi, anche a nominare i nomi. Semplicemente attribuisco agli interessati il merito di essersi persi nella confusione dei termini e dei numeri stessi.

Ecco un riassunto dei risultati per i diversi segmenti:

  • Un'organizzazione di marketing del vino afferma in un comunicato stampa di avere "più di cinque milioni di visitatori all'anno". In realtà, sia Google che Alexa indicano cifre molto diverse, che non sono nemmeno il 5% di questo numero. Alexarank, per esempio, è a 403.000, Google stima 20.000 visitatori. Si sta confondendo il numero di visitatori con le impressioni di pagina?
    Il DWI con www.deutscheweine.de fa abbastanza bene con Alexarank 353.000.
  • Una piattaforma di vino non menzionata per nome qui si pubblicizza come "la piattaforma internet più fortemente percepita per un giornalismo del vino incorruttibile nel mondo di lingua tedesca". In effetti, Google non elenca nemmeno la piattaforma con i numeri e l'Alexarank 485.000 è molto indietro rispetto a molti altri siti di vino. Per fare un confronto: Wein-Plus è classificato 84.800, Enobooks.de 1.200.000, Mario Scheuermann con best-of-wine.com 2.500.000 e Helmut Knall con www.wine-times.com 4.358.000.
  • Quanto intensamente sono usati i blog di vino? www.nikos-weinwelten.de è classificato 234.000 da Alexarank e secondo Google circa 52.000 impressioni di pagina, il noto (e veramente buono) blogger Dirk Würtz con Alexarank 740.000 (senza cifre di Google) appena prima di weinverkostungen.de con rank 703.000 (anche senza cifre di Google).
    Nota: ho potuto valutare solo i blog che usano il proprio dominio.
  • Il <commerciante di vini Hawesko.de è molto avanti con Alexarank 71.800, anche davanti a Wein-Plus (84.800), la filiale Jacques Weindepot è su Alexarank 140.000. Il leader del mercato austriaco Wein&Co arriva con Alexarank 214.000 e su Google una stima di 690.000 page impression da 70.000 visitatori.
  • Iforum sul vino causano naturalmente un numero relativamente grande di impressioni di pagina per visitatore, ma talk-about-wine.de deve essere soddisfatto con 640.000 e Werner Elflein con weinfreaks.de con un rank di 1.900.000. Il nuovo forum dasweinforum.de è classificato 4.200.000.
  • secondo Google,Wein-Plus.de ha 760.000 impressioni di pagina ed è classificato 84.800 su Alexarank. Per inciso, questo è anche un po' al di sotto delle cifre comunicate e misurate, che però includono anche l'inglese Wein-Plus.com.

Tutte le cifre sono arrotondate e sono state recuperate da Google e Alexa il 2.2.2011 e si riferiscono a un mese, salvo diversa indicazione.

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze