wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Per anni sono stato attratto dalla Stiria. Più precisamente, a Leutschach. Lì, all'estremità meridionale della Stiria, sempre a pochi passi dal confine sloveno, si trova una banda di quattro viticoltori (Franz Strohmeier, la Stiria occidentale, è il quinto del gruppo) che mettono un punto esclamativo innovativo su una regione che non è necessariamente nota per la sperimentazione, e che colma abilmente il divario tra tradizione e avanguardia.

Andreas Tscheppe, Cantina E. & A. Tscheppe

Andreas, e qui siamo all'inizio della storia, l'ho incontrato per la prima volta alla stazione ferroviaria di Ehrenhausen. Secondo lui, il punto di partenza perfetto per immergersi nel mondo del vino della Stiria e dato che non ero mai stato laggiù - quasi al confine con la Slovenia - non abbiamo preso la strada diretta per Leutschach, ma abbiamo scelto le colline, la strada del vino, il percorso oltre i picchetti di confine e le vigne. Abbiamo passato il confine sloveno-sloveno-stiriano un paio di volte e mentre ci siamo dimostrati frontalieri fisici, Andreas mi ha raccontato la vita da frontaliere tra i mondi vinicoli locali: "In realtà, ho avuto i vigneti da mio padre sul Riegersburg. Ma in realtà volevo fare qualcosa a casa mia, così ho deciso di avviare nuovi vigneti nel mio paese. Poi molte cose sono andate male all'inizio, e poco prima di buttare via tutto, mi sono detto: ora ricomincio davvero".

Come l'ha fatto può essere visto al meglio al Krebskogel, un vigneto che è in realtà vecchio come le colline, ma che è rimasto incolto dall'anno scorso. 2,4 ettari dovevano essere ricoltivati. Un prato di erbe doveva diventare di nuovo un vigneto. È stato un guanto di sfida burocratico per ottenere i diritti di impianto della vite, dice, ma alla fine aveva qualche cartella piena di documenti e il permesso in cima. Così è salito sul suo escavatore ("Sono un appassionato guidatore di escavatori") e ha iniziato a terrazzare il Krebskogel da cima a fondo, piantando Muskateller giallo, Goldmuskateller e Sauvignon sulle zone alte, che si fonde in Chardonnay nella parte inferiore. Questo nuovo impianto non solo dimostra l'impegno di Andreas Tscheppe, ma è in realtà paradigmatico per un gruppo di viticoltori che non si è posto l'obiettivo di rivoluzionare la viticoltura stiriana (gli manca lo zelo missionario per farlo), ma che è tanto più coerente nell'attuare la propria idea di viticoltura di qualità, guidata dal terroir e veramente sostenibile. Il concetto di Tscheppe è sofisticato, ben pensato e realizzato con una passione impressionante.

L'enologo Andreas Tscheppe (Foto: Mario Zalto)

Per esempio, adatta le terrazze al terreno. Non livella le aree direttamente nella montagna, ma va con la pendenza ("altrimenti avrei dovuto far saltare via mezza montagna"), che si affaccia anche al sole in varie esposizioni e incidentalmente - almeno per le persone di città - apre una dimensione estetica. La densità delle piante è alta, così come il vigneto: 580 metri sulla sua cresta - "da lassù si può guardare fino all'Ungheria". Anche il caldo clima pannonico viene da lì e asciuga il fogliame che è diventato umido durante la notte.

Inoltre, il Krebskogel è protetto dai venti freddi della Koralpe da un bosco di castagni. Protezione e sostenibilità sono poi altre parole d'ordine, e Andreas si affida a una vitale cultura del vigneto. Qui sul Krebskogel, un mare di erbe cresce tra le viti, il prato viene tagliato solo una volta in primavera, i peschi spezzano i filari di viti, e la sua vera preoccupazione è quella di "rallentare la monocultura che è la viticoltura".

Egli indica i piedi del Krebskogel, che è dominato da un imponente albero di pere. "Cerco di preservare quell'albero a tutti i costi. Ha 80 anni, sta qui da generazioni, perché dovrei rimuoverlo". Inoltre, ed è qui che diventa più complicato, "ogni albero ha una certa energia". Scoprirò qual è questa energia nel corso dei prossimi due giorni. Per ora, ci dirigiamo verso la fattoria di Andreas a Langegg. Avanziamo attraverso il fogliame e mentre scorgiamo in lontananza il Czamillonberg e altri luoghi classici della Stiria, l'enologo mi racconta anche dei problemi che ha dovuto affrontare da quando ha fondato la sua piccola azienda vinicola nel 2006.

"Nel 2008, ho avuto i maggiori problemi con i cervi durante il periodo di vegetazione", mi dice. "Quando questo è finito, sono arrivati gli uccelli. Mangiano soprattutto la mia uva perché ha un sapore migliore del resto della roba che c'è qui". Ride, l'assurdità della situazione lo richiede, ma in realtà deve essere stato uno shock quando è andato a raccogliere il suo moscato d'oro nel 2008. L'aveva importato da un amico viticoltore in Alto Adige, e quando andò a portare la sua prima vendemmia, si trovò di fronte a un vigneto che era già stato raccolto, mangiato dai cervi. Gli sono rimasti 25 litri, che ha vinificato sul mosto in un pallone di vetro. Nel 2009, tutto ha grandinato, il 2010 è stato difficile, e solo nel 2011 è stato in grado di vendemmiare e lavorare come aveva previsto fin dall'inizio: super maturo e invecchiato in botti di legno.

(Foto: Mario Zalto)

La vita di Andreas Tscheppe si svolge principalmente in alto. Sulle colline e sulle cime dei monti. In cima c'è anche la sua fattoria, davanti al cui ingresso c'è un cartello con l'immagine di una delle sue - almeno in un piccolo cerchio - famose etichette. Un coleottero cervo è raffigurato su di esso, anatomicamente preciso, e solo un riferimento a che tipo di creature sono autorizzate a muoversi nel suo vigneto. Da Langegg, che è quasi interamente piantato con le viti di suo fratello, guardiamo in lontananza e una parte dei quattro ettari che Andreas coltiva. Sa che non è molto, ma "non si può nemmeno passare da zero a cento subito". Quindi compra, a volte da viticoltori convenzionali, ma soprattutto da suo fratello, che è anche membro del gruppo. Il gruppo: sono Andreas e Ewald Tscheppe, i fratelli, più Roland Tauss, Sepp Muster e, geograficamente un po' lontano, ma programmaticamente del tutto in linea (e forse il più sperimentale di tutti), Franz Strohmeier. Funzionano collettivamente sotto il nome di "Schmecke das Leben" (Gustare la vita), e se si legge il loro manifesto, ci si imbatte, tra le altre cose, nei seguenti aforismi: "Schmecke das Leben è una comunità di valori di cinque viticoltori stiriani.... Il loro percorso comune di comprensione della natura li porta a un nuovo stile di vita - un nuovo stile di vino..."

Note di degustazione: La cantina dove Andreas Tscheppe fermenta i suoi vini si trova ai piedi del Langeggerberg, nella fattoria di suo fratello. I suoi vini, però, sono più in alto, e così iniziamo a esplorare insieme questo nuovo stile di vino (arriveremo anche allo stile di vita). Non ci tiriamo indietro per molto tempo e cominciamo con uno dei suoi quasi leggendari (è possibile in così poco tempo?) vini da botte di terra. Andreas seppellisce una botte nel terreno per permettere al vino al suo interno di maturare nel modo più calmo e stabile possibile. Scavato e imbottigliato, il Sauvignon Blanc monovarietale ha un primo odore e sapore di erbe e arance, il corpo è denso ma fermo. Tre settimane di macerazione assicurano tannini fini, la malolattica non si nota direttamente, rende solo il vino un po' più rotondo ed equilibrato. Gli interventi, già limitati all'essenziale in vigna, diminuiscono ancora in cantina. La pressatura è dolce e lenta, la solforazione è minima, la temperatura non è regolata, la fermentazione è spontanea. I vini rimangono nelle botti e sulle fecce per settimane, mesi e anni, e solo quando sono pronti, secondo Andreas, vengono imbottigliati. Questo può richiedere anni, ed è così che siamo ora seduti di fronte al Sauvignon Blanc 2007, il Grüner Libelle, che offre tutto tranne la frutta primaria: Camomilla, erbe e fiori dominano, il vino ha pressione e tiro verso il palato, un giorno di macerazione gli dà un ulteriore calcio. I vini sono senza compromessi e offrono un approccio completamente diverso al Sauvignon Blanc stiriano. Sono un'antitesi, un design alternativo impressionante e, nella loro naturalezza, mettono allo stesso tempo in discussione la tipologia standardizzata del vitigno. Qui, si è lontani anni luce dal frutto della passione e dalle note di uva spina, dal pepe verde e dalle note di sambuco, aromi che normalmente mettono il loro timbro sul Sauvignon. Lo stesso vale per il Blaue Libelle, che con le sue note di grafite e di erbe ricorda più lo Chablis che lo Steirische Klassik, e poi quello che è ancora più sorprendente è il Muskateller, che appare più aromatico ma è anche gripposo, fermo e compatto, un vino con potenza e struttura. Ci sediamo contenti e poi decidiamo di scendere verso il fratello, passando davanti a vecchie viti che sono tenute in un vecchio sistema di allevamento della vite della Stiria e che appartengono già ai vigneti di Ewald.

(Foto: Mario Zalto)

Ewald Tscheppe, Cantina Werlitsch

A differenza di suo fratello, Ewald Tscheppe ha i suoi nove ettari di vigneti quasi completamente intorno alla sua azienda. Questo ci dà l'opportunità di arrancare di nuovo in salita (in direzione di Andreas) - sotto un cielo azzurro e armati di una vanga per arrivare al fondo della vita biodinamica del suolo. Il suolo in sé è di importanza elementare nella viticoltura, ma con i cinque viticoltori la parola, la sostanza, la sua struttura, la vita in esso, assume una nuova dimensione.

"L'osservazione del suolo è tutto", dice Ewald, "puoi leggere il suolo e ad un certo punto lo conoscerai. Delle sue fratture, della sua struttura, degli orizzonti di compattazione, del suo attecchimento. Naturalmente, questo richiede pratica, e mentre Ewald infila la vanga nella terra e scava un pezzo di humus, legge mentre io siedo di fronte a lui come un analfabeta, ascoltando, guardando e annusando la terra che Ewald tiene sotto il naso. Suolo e basta, si potrebbe pensare, ma con la passione e la capacità analitica con cui Ewald ne parla, ci si rende presto conto che è meglio prestare attenzione e ascoltare: "Bisogna guardare il suolo nella sua totalità, come un organismo - e come ogni organismo, ha bisogno di equilibri". Nel frattempo, siamo arrivati al centro della biodinamica, dove proprio questa totalità forma un principio fondamentale. "E per creare questi equilibri, bisogna controllare finemente, nutrire il terreno un po' dove ne ha bisogno, osservare cosa succede, come reagisce", continua. Ewald Tscheppe usa due preparati biodinamici, non fa compost da molto tempo, permette la competizione naturale nel vigneto, e a un certo punto "il sistema funziona da solo".

L'osservazione ravvicinata del terreno, alla fine, ha portato anche al fatto che l'idea di origine gli è molto più vicina dell'idea di varietà. È ben consapevole che sta pattinando sul ghiaccio sottile. "In Austria, il pensiero varietale è assolutamente dominante. I clienti vogliono il vitigno, il resto gioca un ruolo subordinato", Ewald lo sa e poi lo fa in modo molto diverso. Tutti i suoi vini sono cuvées, anche se la composizione esatta non si trova da nessuna parte sull'etichetta. Ci sono i nomi da Ex Vero I a Ex Vero III, la divisione personale di Tscheppe. Rappresentano i siti - tutti su Langegg - la loro esposizione, la loro ripidità, la loro struttura. Mentre Ex Vero I, per esempio, si trova alla fine del pendio, dove il bedrock è un po' più profondo e incontra la roccia solo dopo mezzo metro di terra marrone, Ex Vero III si trova sui pendii più alti e le radici delle viti sono direttamente nella roccia dall'inizio. Ex Vero II è il mezzo d'oro.

(Foto: Mario Zalto)

Mentre scendiamo, Ewald continua a parlare. Di come sia felice di vivere in isolamento alla fine della valle, nella sua piccola oasi dove nessuno lo guarda male quando non sta falciando. O sui tre stadi che una cosa di solito attraversa quando qualcuno inizia qualcosa di nuovo: "All'inizio, qualcuno fa una cosa e viene ignorato. Poi lo sta ancora facendo e poi improvvisamente c'è un vento contrario, e se lo passa ancora, allora è come, l'abbiamo sempre detto". Lui, in ogni caso, non vuole più lavorare in altro modo, confessa, e quando si guardano i suoi vecchi ma robusti bastoni, si capisce perché.

Un po' più tardi, nella sala di degustazione di Ewald, cerchiamo di scoprire cosa producono e fino a che punto si possono percepire le differenze tra i vigneti. Il suo primo gesto è già decisivo. Va nella direzione dei bicchieri Borgogna, calici possenti che normalmente contengono solo vini rossi - e la gamma completa Ex Vero di Ewald.

Iniziamo con Ex Vero I, e mentre il vino prende l'aria necessaria nel bicchiere, ci mettiamo subito a parlare di zolfo, una delle patate più calde del mondo del vino attuale, discussa in modo controverso e spesso incompresa. Ewald Tscheppe ha la sua opinione sulla questione: "Lo zolfo", ritiene, "non distrugge in alcun modo la vitalità del vino. Troppo zolfo, troppo presto, però, lo porta completamente fuori equilibrio. Con l'aggiunta di zolfo, si ottengono aromi giovani e freschi nel vino. Ciò che è essenziale, tuttavia, è ciò che il tempo fa al vino. Le strutture complesse che si sono formate nel vigneto devono essere sciolte nel corso degli anni - allo stesso tempo, nel vino devono formarsi lunghe catene di aromi, e queste non si sviluppano dall'oggi al domani. Gli aromi devono rimanere mobili, ma lo zolfo deve rimanere fisso". In breve, l'unico modo per arrivare al prodotto complesso che è il vino è attraverso il fattore tempo.

Complessità è sicuramente una parola chiave che caratterizza i vini di Ewald Tscheppe. A partire da Ex Vero I, che è sempre principalmente Chardonnay. La spezia domina in tutte le annate (anche se, curiosamente, queste guadagnano in frutta dopo anni di maturazione), sottili toni di noce si alternano a note di erbe in filigrana. Tutto questo è inserito in una perfetta struttura di acidità e corpo, i vini sono densi, succosi e lunghi, armoniosi ed equilibrati, anche se sono spesso aperti da giorni. La vinificazione è simile a quella del fratello, i vini subiscono una riduzione biologica degli acidi su tutta la linea e senza eccezione finiscono in botti di legno di diverse dimensioni, provenienza ed età.

(Foto: Mario Zalto)

Quando Ewald ha rilevato l'azienda vinicola del padre nel 2004, non ha cambiato tutto bruscamente, come spesso accade, ma ha preso subito tre decisioni. Ha registrato la cantina con Demeter, ha comprato delle botti di legno e ha deciso di imbottigliare tutti i vini come cuvée. Tutte misure coraggiose che sicuramente non seguivano una tendenza dell'epoca, ma per le quali ha delle spiegazioni plausibili: "Non ho nessun problema con il legno. Tuttavia, non tutto il legno è uguale".

E così, all'inizio, ha speso una quantità di tempo simile alla scelta del legno giusto, come altri fanno per scegliere i lieviti aromatici giusti. "Il legno deve essere in grado di fare la stessa cosa del vino che c'è dentro, deve integrarsi in modo tale che non si noti la manipolazione, e soprattutto il vino diventa più rotondo e morbido. Se questo riesce, allora il vino guadagna anche in complessità e longevità", spiega. E per essere sicuro che non ci fossero sorprese spiacevoli, ha anche fatto una ricerca di una settimana per trovare il cooperatore giusto.

Ha certamente fatto un buon lavoro. L'ultimo Ex Vero II (2008), che è sempre un po' influenzato dal Sauvignon, sembra un po' più corposo, succoso e pungente della prima versione, e il lime viene fuori più forte. Ma tutto questo è sormontato dal 2007. Sembra essere all'apice ("i miei vini cambiano e questo è importante e buono"), gli aromi sono pronunciati, la spezia alle erbe domina all'inizio, ma è poi sostituita da note di bacche e finisce con aromi quasi esotici. Ewald dice che il vino è come un fascio di luce. Non è necessario capirlo, ma non è nemmeno difficile da comprendere. Il vino sembra aperto, luminoso, potente - e non si nota alcun legno. Né di alcun aroma di Sauvignon verde. Questo è dovuto in parte al processo di invecchiamento, ma anche al fatto che lo Chardonnay è un partner congeniale. Entrambi vengono raccolti, fermentati e vinificati separatamente, ma dopo un anno vengono miscelati, e poi il vino matura per un altro anno per trovare un equilibrio perfetto. "I vini cominciano a maturare di nuovo, per così dire", spiega Tscheppe, "ed è per questo che le cuvée richiedono più tempo per finire". Sembra tutto semplice, ma tutte queste misure richiedono una resistenza estrema - perché il tempo è denaro, anche per i viticoltori. Ma il tempo è anche un fattore di qualità elementare. Ewald Tscheppe ha optato per la seconda.

Questo è più evidente nell'Ex Vero III, che è prima invecchiato per un anno in barrique e poi ulteriormente maturato in botti grandi. Che abbiano tre o sei anni, i vini sono giovani, anche se in alcuni di essi si possono assaporare i primi fini sentori balsamico-eterei, e pieni di tensione e potenza. Ewald è orgoglioso dei suoi vini, e giustamente. Possono essere un po' diversi, meno fruttati-dolci e aromatici, ma sono complessi, originali e duraturi - sono, in poche parole, vini di carattere.

(Foto: Mario Zalto)

Roland Tauss, Cantina A. & R. Tauss

Durante il viaggio verso l'azienda vinicola della famiglia Tauss, Ewald arriva a parlare delle diverse influenze che formano e hanno formato il gruppo. "Sepp e Maria [Muster] stavano viaggiando per il mondo alla fine degli anni novanta, e quando arrivarono in India, un seminario di tre settimane di Peter Procter sull'agricoltura biodinamica era appena iniziato. I due lo studiarono a fondo e lo riportarono in Stiria. L'ho guardato, ne sono rimasto affascinato e poi, piuttosto per caso, mi sono imbattuto in Alex Bodolinski, che ha messo il pensiero antroposofico su un piedistallo piuttosto pragmatico. Mio fratello si è immerso nelle opere di Viktor Schauberger in particolare e ha filtrato molte idee. Franz [Strohmeier] si è poi unito e da allora ha accumulato una piccola biblioteca di letteratura pertinente".

L'approccio di Roland Tauss era più banale. "Mio figlio aveva la neurodermite", dice, "ed è allora che cominci a pensarci. Ho preso in mano la fattoria in giovane età e ho continuato nel modo convenzionale - irrorando, fertilizzando, solforando...". Finché le allergie non hanno fatto crollare il sistema classico.

Nel frattempo, la cantina di Alice e Roland Tauss è certificata Demeter - ma questo è in definitiva solo la conferma ufficiale di un progetto impressionante. Perché oltre a una viticoltura decisamente organica, o meglio una cooperazione estremamente ponderata con le loro vigne e il loro ambiente naturale, i due gestiscono una casa vinicola con camere per gli ospiti che manifesta le loro convinzioni altrettanto chiaramente dei loro vini ed è un modello in termini di sostenibilità, almeno in Austria. Producono la loro propria elettricità, riscaldano con trucioli di legno, riscaldano la piscina con l'energia solare, raccolgono l'acqua in cisterne di acqua piovana e trattano le acque reflue nel loro impianto di trattamento biologico delle acque reflue. Riciclano quello che possono, mangiano cibo biologico e stampano con inchiostri ad olio vegetale. L'elenco potrebbe essere esteso a piacere, ma diamo invece un'occhiata in cantina, dopo che il sole è già tramontato sui Werlitsch e l'oscurità è calata sui vigneti.

"In realtà, non c'è quasi niente da vedere in cantina. Non facciamo molto", ci dice Roland. E così ci troviamo tra un sacco di botti di legno e parliamo di non intervento. L'intervento più essenziale è la scelta del contenitore. "Abbiamo scelto il legno, in primo luogo perché è una tradizione qui nella regione, in secondo luogo perché dà ai nostri vini la giusta consistenza e densità, e infine perché il legno è un elemento vivo che permette anche ai vini di respirare - anche se su scala microscopica", spiega l'enologo amante della natura. Per il resto, l'approccio giù in cantina è lo stesso di quello praticato dagli altri quattro membri di "Taste Life": Fermentazione spontanea senza controllo della temperatura, solforazione minima (se c'è), spostamento occasionale dei vini per esporli all'ossidazione deliberata, molto tempo sulle fecce fini - e per il resto? "Niente!"

(Foto: Mario Zalto)

Dopo mezz'ora siamo già fuori dalla cantina e ci sediamo con i primi vini. "Non bisogna confondere questo niente con il non fare niente", sorride Roland. E colpisce la stessa nota di Tscheppe prima e dei campioni dopo di lui.

"Devi sensibilizzarti - devi imparare a notare i dettagli. Avere pazienza. E accettare i processi naturali. Sia in cantina che in vigna". E hai anche bisogno di buoni nervi. Perché nonostante tutta questa accettazione, molto di ciò che Roland Tauss fa è un rigoroso contrappunto alle comuni dottrine scientifiche. È sul ghiaccio sottile, ma sembra sentirsi abbastanza a suo agio su di esso. Trattare con rispetto le sue vigne e i suoi vini è sicuramente più importante per lui che trattare con rispetto la scienza. Eppure gli esperimenti hanno sicuramente il loro posto nella filosofia di Tauss. Dopo tutto, cosa succede davvero quando improvvisamente si inizia a ridurre radicalmente lo zolfo? Il vino si trasforma in aceto, come suggeriscono gli insegnamenti? E che dire della funzione conservante dell'alcol? Il Welschriesling di Roland del 2006 dà la risposta: come unica allusione all'aceto, ha una nota leggermente balsamica, un discreto 11,5 per cento di alcol, per il resto è pieno di erbe e camomilla, elegante, cremoso e floreale e lontano dalla fine.

O cosa succede se si lascia semplicemente il vino sulle fecce fini per tre anni e lo si sposta più volte? Diventa semplicemente più complesso, il Pinot Bianco 2007 di Tauss ne è un esempio eloquente. I vini di Roland Tauss, sia che provengano dalla sua serie Opok un po' più semplice o dalla linea Hohenegg, sono vini emozionanti e talvolta spettacolari. Soprattutto perché infrangono le aspettative, si articolano sempre solo attraverso accenni e sfumature e sfidano costantemente il bevitore di vino. Non perché siano difficili da bere. Al contrario, i vini sono digeribili e vivaci: Quelli di Opok, un terreno argilloso e sabbioso con un'alta percentuale di calce disciolta, che si trova in tutta la Stiria meridionale, sono soprattutto delicati, eleganti e minerali, i vini di Hohenegg, anch'esso Opok, ma con una maggiore percentuale di sabbia, sono più piccanti, più densi e più sostanziosi. Ma sono anche soprattutto una cosa: diversi ogni volta.

"Perché no", dice Roland in modo laconico. Qui non facciamo un prodotto industriale, operiamo in un ciclo annuale che ci richiede sempre nuove idee e reazioni". Ma se questo è il quadro generale, le differenze perpetue si verificano anche su piccola scala che la maggior parte dei consumatori spesso non vuole riconoscere. "Le fluttuazioni minime di temperatura supportano strutture di aroma completamente diverse, forme di conservazione, ogni botte di legno differisce dalla successiva, il sughero non è mai uguale al sughero, e l'aria e il tempo cambiano ancora di più". In definitiva, questo significa che anche i vini della stessa annata possono spesso avere un sapore oggi e un altro domani. Alla fine, naturalmente, questo non dovrebbe essere un problema, soprattutto se il consumatore si integra nel processo creativo dell'enologo. Se si è consapevoli delle intenzioni dell'enologo, si ha, da un lato, un'esperienza gustativa sempre nuova e, dall'altro, una risposta legittima alla standardizzazione controllata.

Paesaggio vinicolo intorno a Leutschach (Foto: ÖWM/Anna Stöcher)

Questa standardizzazione e soprattutto il Sauvignon Blanc Hohenegg sollevano la prossima questione, che si basa sull'immagine distorta di tipicità e autenticità. Perché quello che c'è nel bicchiere qui ha poco a che fare con il profilo gustativo del Sauvignon Blanc che viene spesso trasmesso. Se cercate uva spina fresca e frutto della passione, lime e peperoni verdi, lo farete invano. Invece, abbiamo a che fare con un vino morbido, corposo e floreale che lascia belle tracce oleose sul palato e tuttavia rimane sempre preciso nella sua erbaceità e mineralità. "Non si ottiene un numero di prova per questo in Stiria", osserva Roland con un'alzata di spalle, "anche se per me questa è pura Stiria".

Come può essere? Una spiegazione ovvia è che la maggior parte dei bevitori di vino sono così condizionati alle note di frutta primarie che non sono più consapevoli che sono in realtà basate su manipolazioni multiple. I lieviti in purezza, per esempio, non devono necessariamente rilasciare aromi nel vino, ma possono enfatizzare gli aromi nel vino. Le temperature di fermentazione, d'altra parte, possono essere regolate in modo tale che gli aromi di frutta estrema dominino il vino fin dal primo secondo. Le vasche d'acciaio, che sicuramente non hanno tradizione in Stiria, sono preferite alle botti di legno e contribuiscono così a definire una tipologia che oggi è considerata classica in Stiria. La situazione è grottesca, ma prima di lamentarsi a lungo, ha molto più senso e, soprattutto, divertente assaggiare anche il Blaufränkische di Roland. Sono tanto eccezionali nella Stiria meridionale quanto notevoli al naso e al palato: quello di Opok è speziato, cannella, bacche scure e stretto, elegante e lungo, l'Hohenegg condivide questo profilo ma aggiunge pepe, potenza e compattezza e ti manda a casa con un finale che dura anche a letto.

La cantina E. & A. Tscheppe nella guida dei vini

La cantina Werlitsch nella guida dei vini

La Cantina A. & R. Tauss nella Guida dei Vini

Alla parte II della serie di articoli: "More from the 'Gang of Five'".

Related Magazine Articles

View All
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze