wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

DSC_0019 2La tenuta è leggendaria nella scena vinicola svizzera. Per molti anni, Hans Ulrich Kesselring ha coltivato, curato e gestito la tenuta con foresta, prati e viti sopra Weinfelden - nella famiglia dal 1784 - con un grande senso della tradizione, ma anche con lo sforzo di abbracciare la modernità quando gli sembrava meglio. Poi è morto inaspettatamente, suo nipote Johannes Meier ha dovuto prendere in mano l'azienda da un giorno all'altro. Un'eredità difficile. Ma ce l'ha fatta - insieme all'enologa Ines Rebentrost. I suoi vini sono ancora una volta tra i migliori della Svizzera. E l'inevitabile paragone "eterno" con i vini di Kesselring è cessato da tempo. Johannes Meier è il nuovo signore della tenuta e lui e la sua squadra fanno vini eccellenti, altrettanto buoni di quelli di suo zio. Questo "Clairet" è in realtà un taglio bordolese, una cuvée di Merlot, Cabernet Franc e Cabernet Sauvignon. Il termine Clairet è corretto, ma anche confuso. In Inghilterra, Bordeaux è - secondo una vecchia tradizione - spesso ancora chiamato "Claret", mentre nel Bordelais, Clairet è inteso a significare un vino rosso leggero e rosato della regione. Per dirlo in anticipo, non è il miglior vino della cantina, questo non è dovuto alla bravura della squadra, ma piuttosto al fatto che il Cabernet Sauvignon è difficile da produrre.DSCN4901 Il Cabernet Sauvignon è difficile da maturare alle nostre latitudini e il Cabernet Franc è un compagno piuttosto difficile. L'ho raccolto per anni (in piccole quantità) nella Bündner Herrschaft - Weingut Von Tscharner - e conosco i suoi capricci (almeno nella nostra zona, nel nostro clima e nel nostro terreno). Qui siamo più a nord di Bordeaux e della Loira e non possiamo contare sulla corrente del Golfo. È per questo che non capisco perché l'eccellente squadra di Schlossgut debba cimentarsi anche con il taglio bordolese, quando il Pinot Nero è la loro vera forza. Meravigliosamente svizzero borgognone, che è - per me - la grande etichetta della cantina. Quattro Pinot Noirs (No. 1 - 4), dal semplice (ma ottimamente fatto) al vino di punta (No. 4), che viene fatto solo nelle buone annate, in quantità molto piccole (per questo è raro). Il Clairet non si avvicina a questi vini di punta in filigrana. È davvero molto accattivante, morbido e rotondo, ma gli mancano i fini aromi differenziati, le sfumature che (possono) fare di un buon vino un grande vino. Forse è un po' ingiusto se "assillo" qui, forse sono solo i pregiudizi accumulati (il taglio bordolese è provato quasi ovunque al giorno d'oggi) e la voglia di andare mainstream, che è difficile da capire per me. In ogni caso, ho bevuto il vino per la prima volta e - lo ammetto prontamente - con divertimento, anche con piacere nel bere. Tuttavia: il vino non è grande, ma anche non troppo bordolese - molto più un vino divertente, ancora troppo giovane (può quindi sicuramente ancora aumentare), ma non abbastanza indipendente e distintivo (prezzo 34 CHF), da comprare allo stesso prezzo (franco azienda) del Pinot No. 3, che preferisco a tutti gli altri vini della cantina - anche i bianchi.

More related Magazine Articles

Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze