wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

E ancora una volta, non c'è voluto molto perché venissero emessi i primi diffida ad adempiere a causa di carenze giustificate o presunte nell'attuazione delle disposizioni del nuovo regolamento sulle informazioni alimentari (LMIV).

Come promemoria, il regolamento sulle informazioni alimentari regola l'etichettatura uniforme degli alimenti nell'Unione europea (UE) ed è vincolante in tutti gli Stati membri dell'UE dal 13 dicembre 2014. In Germania, ha sostituito la vecchia ordinanza sull'etichettatura degli alimenti (LMKV).

Ho ricevuto ora il diffida ad adempiere di un membro Wein-Plus dal Verbraucherschutzverein gegen unlauteren Wettbewerb e.V., Maisacherstraße 6, 82256 Fürstenfeldbruck.

In passato, la VSV si è distinta anche per diffida ad adempiere le violazioni "classiche": condizioni generali e istruzioni di revoca difettose, così come l'insufficiente adempimento degli obblighi di informazione supplementare erano spesso i motivi.

A quanto pare, i commercianti di vino online in particolare sono diventati il centro dell'attenzione dell'ASG. Il presente caso riguarda l'accusa che il mio cliente vende vino senza indicare gli allergeni contenuti in esso - in questo caso i solfiti. Il sito diffida ad adempiere del VSV afferma letteralmente:

"Secondo l'art. 14 comma 1 lit a. LIMV (Food Information Regulation) tutte le informazioni obbligatorie secondo gli articoli 9 e 10 LMIV devono essere rese disponibili per ogni alimento preconfezionato prima della conclusione del contratto di vendita e devono essere indicate "sul materiale di supporto della transazione di vendita a distanza". Le uniche eccezioni sono la data di scadenza e la data di utilizzo (art. 9(1)(f) LMIV). Anche i vini in bottiglia sono "alimenti preconfezionati" nel senso di questa disposizione.

Di conseguenza, se i vini sono messi in vendita a distanza, tutte le informazioni necessarie devono essere fornite al più tardi sulla pagina dell'articolo, che permette di avviare il processo di ordinazione mettendo la merce nel carrello, o almeno ci deve essere un link a una pagina alternativa che fornisce queste informazioni al più tardi in questo momento.

È vero che il vino ha regolarmente una gradazione superiore all'1,2% in volume. Tuttavia, l'eccezione dell'art. 16 cpv. 4 LIMV(!?), secondo cui una lista degli ingredienti (art. 9 cpv. 1 lett. b. LIMV) che elenca tutti gli ingredienti e quindi anche il riferimento ai solfiti presenti nel liquido potrebbe non essere richiesto nella vendita a distanza, non è rilevante. Un obbligo corrispondente non deriva nemmeno dall'art. 3 comma 3 del regolamento di attuazione dell'organizzazione del mercato vitivinicolo (VO (EG) n. 753/2002), poiché il regolamento dell'UE menzionato comporta solo l'obbligo di etichettatura fisica con la dicitura "contiene solfiti" sulle etichette dei vini. Tuttavia, l'informazione corrispondente è obbligatoria nella vendita a distanza. Perché secondo l'art. 9 par. 1 lit. c. LIMV(!?), l'etichettatura degli allergeni è obbligatoria per le bevande alcoliche. A questo proposito, nell'elenco degli ingredienti, si deve fare riferimento a tali ingredienti e materiali di lavorazione, nonché ai loro derivati, che sono menzionati nell'allegato II come sostanze allergeniche. I solfiti sono esplicitamente menzionati nell'allegato II n. 12 e devono essere indicati se sono presenti in concentrazioni superiori a 10 mg/I nel prodotto. I vini contengono regolarmente tali quantità o concentrazioni, per cui la presenza di solfiti deve essere sempre indicata nella vendita a distanza".

L'hai notato? Evidentemente, il testo è stato scritto in modo molto superficiale, perché l'autore, il membro del consiglio di amministrazione Martin Huber, confonde più volte l'abbreviazione "LIMV" con la corretta "LMIV".

Inoltre, in un altro paragrafo si afferma:

"Secondo la giurisprudenza, non è sufficiente modificare o eliminare semplicemente le CGA contestate". Bene - si tratta improvvisamente di GTC difettosi? Questo era probabilmente un modulo di testo trascurato dal signor Huber da un precedente diffida ad adempiere - non molto convincente.

Tuttavia, vi chiedo ancora una volta di prendere sul serio le disposizioni della LMIV e di controllare molto attentamente la vostra gamma di prodotti.

Se siete uno dei commercianti che hanno già ricevuto un diffida ad adempiere e che dovrebbero rilasciare una dichiarazione di cessazione entro un breve periodo di tempo, vi avverto urgentemente di non firmare questa dichiarazione di cessazione preformulata senza controllarla. Indipendentemente dalla legalità di un diffida ad adempiere, con la vostra firma vi vincolate per tutta la vita alle disposizioni in esso contenute e future violazioni possono comportare sanzioni contrattuali molto costose.

Sarò lieto di consigliarvi in caso di diffida ad adempiere e sono disponibile a rispondere a qualsiasi domanda sulla nuova LMIV. Per i membri di wein.plus, la consultazione iniziale è completamente gratuita!

Hans-Peter Kröger.
- Avvocato -
Höhenring 98
D-53913 Swisttal-Heimerzheim
Tel.: 02254/830-100
Fax: 02254/830-880
www.kanzlei-kröger.de

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze