wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

  1. Questionario

  • Sono un piccolo produttore di vino?
  • Il mio cliente è un imprenditore (B2B) o un consumatore finale (B2C)?
  • Sono soggetto all'imposta sulle vendite regolare o forfettaria?
  • Consegno in un paese UE o terzo?
  • A quale paese devo consegnare?
  1. Mittente

Richiesta di un numero di identificazione dell'imposta sulle vendite (USt.-IdNr.) presso l'Ufficio centrale federale delle imposte(www.bzst.bund.de).

  1. Tipo di mittente

Piccolo produttore di vino:

I piccoli produttori di vino sono aziende manifatturiere con una produzione media inferiore a 1.000 ettolitri di vino per campagna viticola (dal 01.08. al 31.07. dell'anno successivo).

Devono solo notificare all'ufficio doganale principale competente se intendono trasportare vino in sospensione d'accisa verso o attraverso altri Stati membri(www.zoll.de: modulo 2469 "Notifica - inizio del trasporto di vino in sospensione d'accisa verso o attraverso altri Stati membri per i piccoli produttori di vino"). La notifica deve essere presentata almeno una settimana prima del primo movimento. Essa indica la produzione media calcolata sulla base delle tre campagne viticole precedenti la campagna della notifica.

Al ricevimento della notifica appropriata da parte dell'ufficio doganale principale competente, l'autorizzazione come depositario fiscale è considerata concessa e i numeri di accisa sono assegnati al depositario fiscale e a ciascun deposito fiscale.

Per questi "piccoli produttori di vino", il documento di accompagnamento ai sensi della legge sul vino deve contenere il riferimento "vino in libera pratica ai sensi della legge fiscale - piccolo produttore di vino".

  1. Zona di consegna e metodo di consegna

4.1. Esportazione verso i paesi dell'UE

Ai fini dell'IVA, questo è garantito dall'uso del cosiddetto numero di identificazione IVA . Il numero di identificazione IVA non è identico al numero di imposta rilasciato dall'ufficio fiscale competente. Il numero di registrazione IVA può essere richiesto online o informalmente presso l'Ufficio Federale Centrale delle Imposte. Nel caso di scambi intracomunitari di beni tra imprese, è sempre necessario indicare nella fattura un numero di partita IVA valido per il fornitore e l'acquirente per poter effettuare una consegna esente da IVA. Si consiglia quindi di controllare il numero di identificazione IVA presso l'Ufficio Federale Centrale delle Imposte

Tutti gli imprenditori devono presentare un elenco riepilogativo (ZM) all'ufficio delle imposte quando forniscono merci ad altri paesi dell'UE. Lo ZM deve essere presentato trimestralmente e tutte le consegne intracomunitarie devono essere elencate. Ogni acquirente in un altro paese dell'UE deve essere elencato con il suo numero di identificazione IVA.

4.1.1. Fornitura ai consumatori privati
Business to Consumer B2C

  • 4.1.1.1. Regolarmente tassato viticoltore / commerciante di vino consegna a clienti privati in UE

    Se il viticoltore/commerciante di vino regolarmente tassato vende il vino a un cliente privato straniero nell'UE, dipende se il cliente stesso ritira il vino in Germania o se il vino gli viene consegnato. Quando il vino viene consegnato a privati in altri paesi dell'UE, il mittente deve applicare l'imposta sulle vendite del paese di destinazione. Il mittente deve registrarsi per l'IVA nel relativo paese dell'UE, ottenere un numero di tassa lì e pagare la tassa estera nel paese di destinazione. Il debitore fiscale è la società di vendita per corrispondenza. In pratica, questo significa che dalla prima bottiglia di vino venduta, l'obbligo fiscale per le accise e l'IVA esiste nell'altro stato dell'UE. Non ci sono sgravi fiscali. Ai fini dell'accisa, lo speditore deve registrarsi come "mittente" presso l'autorità doganale competente per il destinatario prima della consegna delle merci, dove di solito deve depositare una cauzione per l'importo dell'accisa dovuta. La consegna dei prodotti soggetti ad accisa deve essere segnalata anche all'ufficio doganale principale responsabile dell'azienda prima della prima spedizione. Un'altra opzione è quella di incaricare un agente fiscale, a pagamento, di gestire le formalità fiscali. Questa spesa è di solito conveniente a partire da una certa portata della consegna e se è prevista una relazione d'affari a lungo termine. Le agenzie di spedizione si occupano anche della gestione nel paese di destinazione. In caso di ritiro da parte di privati stranieri che portano il vino a casa oltre confine, il venditore applicherà l'IVA al 19%. Fino a una quantità indicativa di 90 litri per persona, l'acquirente può portare il vino oltre il confine tedesco nella maggior parte dei territori stranieri dell'UE senza incorrere nell'obbligo di accisa. Tuttavia, questo si applica solo se le merci sono trasportate da lui personalmente. Un rimborso dell'IVA per i privati non è possibile.

    4.1.1.2. Viticoltore / commerciante di vini che fornisce a un privato nell'UE con un'aliquota IVA forfettaria

    Nel caso di consegne di vino a un privato in un altro paese dell'UE, il viticoltore/commerciante forfettario deve anche fatturare l'IVA del paese di destinazione. In questo caso, ha bisogno di un numero di codice fiscale nel paese di consegna e diventa responsabile delle tasse lì. Nel caso di raccolta da parte di privati stranieri che portano il vino a casa oltre il confine, il viticoltore / commerciante di vini mostrerà l'IVA tedesca del 19%. Questo regolamento si applica anche se il cliente privato fa ritirare il vino da uno spedizioniere per suo conto. Un esempio può illustrare il vantaggio di un tale approccio. In Danimarca, un'aliquota IVA del 25% si applica al vino. Inoltre, il vino in Danimarca è soggetto a una tassa del 25% sull'alcool, per la quale il viticoltore/commerciante di vino sarebbe anche responsabile delle tasse in caso di consegna. Se il cliente privato danese incarica uno spedizioniere di ritirare il vino da un viticoltore/commerciante tedesco, si applica l'IVA tedesca del 19%. La tassa sull'alcool non è dovuta. Così, l'acquirente può risparmiare tasse organizzando il trasporto in modo indipendente. Una possibilità di rimborso dell'imposta sul valore aggiunto non esiste per i consumatori finali / privati né nel caso della raccolta né in quello della fornitura da parte del viticoltore / commerciante di vini. Questo vale sia per la consegna da parte di un vinaio/commerciante di vino tassato secondo le regole che per quella di un vinaio/commerciante di vino forfettario. Per quanto riguarda la legge sull'imposta sul consumo, il viticoltore/commerciante di vino che applica un'imposta forfettaria sulla cifra d'affari deve osservare gli stessi requisiti del viticoltore/commerciante di vino che è soggetto alla tassazione regolare.

4.1.2 Consegna ai consumatori commerciali
Business to Business B2B

Per il commercio business-to-business, si applica sempre il principio del paese di destinazione, il che significa che il vino viene addebitato alle aliquote fiscali del paese di destinazione.

  • 4.1.2.1. Il viticoltore / commerciante di vino regolarmente tassato consegna ai commercianti nell'UE

    Per i viticoltori/commercianti di vino soggetti a tassazione regolare, la spedizione di vino a un imprenditore in un altro paese europeo costituisce una cessione intracomunitaria. Tali consegne sono soggette all'aliquota IVA del paese di destinazione. A questo scopo, il viticoltore/commerciante di vino tedesco emette una fattura senza IVA, che contiene sia il suo numero di identificazione IVA (VAT ID number) che quello del suo cliente nell'altro paese dell'UE. Il cliente deve poi effettuare la cosiddetta tassazione dell'acquisto nell'altro stato dell'UE. L'acquirente può rivendicare l'IVA corrispondente sostenuta direttamente come imposta a monte nella sua dichiarazione IVA. In questo caso, il destinatario del vino è responsabile della tassa.

    Per andare sul sicuro, il viticoltore/commerciante di vino esportatore dovrebbe farsi confermare il numero di identificazione IVA, il nome e l'indirizzo del cliente straniero dall'Ufficio Federale Centrale delle Imposte (www.bzst.bund.de). Questo è consigliato se il cliente è nuovo e vuole essere rifornito di vino senza IVA. Se il viticoltore/commerciante di vino non rispetta questo dovere di attenzione, può essere ritenuto responsabile dell'imposta risultante dall'esenzione fiscale basata su informazioni false.

    In linea di principio, ogni commerciante che desidera esportare vino all'interno dell'UE deve richiedere un numero di accisa all'ufficio doganale principale responsabile per lui. Prima della spedizione, il fornitore deve assicurarsi che il destinatario sia autorizzato a ricevere il vino sotto forma di un numero di accisa valido. Questo può essere fatto online attraverso il database SEED (System of Exchange of Excise Datas) della Commissione UE o via e-mail(elo-de@zoll.bund.de). Per quanto riguarda le accise - e i documenti da portare - bisogna distinguere i seguenti casi quando il vino viene fornito a un commerciante all'interno dell'UE:

    A. Fornitura a commercianti in altri paesi dell'UE in cui viene riscossa l'accisa

    Fornitura in sospensione del dazio

    Le persone che desiderano spedire vino in sospensione d'imposta dal luogo d'importazione nel territorio fiscale ad altri Stati membri hanno bisogno di un permesso come "speditore registrato". Questo deve essere richiesto in anticipo all'ufficio doganale principale competente utilizzando il modulo ufficiale (modulo 2736 "Domanda - speditore registrato (esclusi i prodotti energetici)"; allegato alla domanda: modulo 2737 "Elenco delle merci - speditore registrato (esclusi i prodotti energetici)"). L'autorizzazione è concessa per iscritto, con riserva di revoca, alle persone che tengono una contabilità commerciale corretta, preparano i bilanci annuali in tempo utile e sono fiscalmente affidabili.

    Un numero di accisa è rilasciato allo speditore registrato con il permesso. Il mittente registrato deve tenere un registro.

    Le uscite di vino movimentato in sospensione d'accisa devono essere registrate.

    Quando il vino circola "in sospensione d'accisa" , l'accisa dello Stato membro interessato rimane sospesa.

    Il controllo dei movimenti in sospensione d'accisa all'interno dell'UE viene effettuato elettronicamente per mezzo della procedura EMCS (Excise Movement and Control System).

    Consegna del vino in libera circolazione

    Durante il trasporto di vino in libera circolazione verso un paese dell'UE che riscuote una tassa sul vino, deve essere portato un cosiddetto documento di accompagnamento semplificato (VBD, modulo 2725). Questo documento è composto da tre copie, la prima delle quali rimane nei locali del fornitore e solo le copie due e tre accompagnano la merce. La copia n. 3 serve come prova nella procedura di scarico e deve quindi essere confermata dal destinatario. Il destinatario che intende detenere o utilizzare il vino per la prima volta deve notificare il suo ufficio doganale competente prima dell'inizio del movimento e fornire una garanzia per l'accisa pertinente nel paese di destinazione.

    B. Consegna ai commercianti di altri stati dell'UE in cui l'accisa sul vino è pari a zero euro

    In Germania, il vino non è soggetto ad accise (aliquota = 0). Se il vino viene consegnato direttamente dalla Germania in uno stato membro dell'UE in cui anche l'accisa sul vino è zero (ad esempio Lussemburgo, Austria), il vino è in "libera circolazione fiscale" al momento della consegna. Un documento di accompagnamento semplificato deve anche essere rilasciato in triplice copia. Una panoramica di quale stato membro dell'UE riscuote un'accisa sul vino può essere trovata sotto "5. elenco dei paesi". Il destinatario deve informare informalmente l'ufficio doganale responsabile dell'acquisto del vino prima dell'inizio del trasporto.

    4.1.2.2. Vignaioli / commercianti di vino che forniscono agli imprenditori nell'UE con un tasso forfettario di IVA

    Per i viticoltori/commercianti di vino che pagano l'imposta forfettaria sulle loro vendite secondo il §24 UStG, alcune norme di esenzione IVA non sono applicabili. Tra questi, l'esenzione fiscale per le consegne intracomunitarie. La consegna di vino a imprenditori in altri paesi dell'UE obbliga il viticoltore/commerciante di vino tedesco forfettario secondo il §24 Abs. 1 Satz. 2 UStG. per mostrare l'imposta forfettaria tedesca sulle vendite del 10,7%. Tuttavia, il destinatario deve effettuare la tassazione dell'acquisto nel paese di destinazione con l'aliquota IVA applicabile lì. Questo si traduce in una doppia tassazione. Tuttavia, l'imprenditore straniero può chiedere il rimborso dell'IVA tedesca pagata in Germania.

    Conclusione: la libera circolazione delle merci all'interno dell'UE è una realtà solo fino a un certo punto. In pratica, la vendita di vino negli stati membri dell'UE è un processo che richiede una grande conoscenza specialistica da parte dei viticoltori/commercianti di vino. In particolare per i viticoltori/commercianti di vino che vendono vino su base forfettaria, le disposizioni della legge sull'imposta sul valore aggiunto, che vietano le consegne esenti da IVA nei paesi dell'UE, sono importanti. L'esportazione di vino come prodotto soggetto ad accisa comporta anche regolarmente un debito d'imposta nel paese del destinatario. Quando il vino viene fornito a privati in altri paesi dell'UE, il viticoltore/commerciante tedesco diventa responsabile del pagamento delle tasse nel paese del destinatario.

4.2. Esportazione verso paesi terzi

Quando si esporta il vino in paesi terzi, si devono osservare le norme per il trasporto di merci soggette ad accisa per il trasporto all'interno dei confini dell'UE. Inoltre, devono essere osservate le norme doganali per l'esportazione dall'UE . Per spedizioni superiori a 1000 EUR, è necessaria una dichiarazione doganale. Per l'identificazione, è necessario un numero EORI (Economic Operators Registration and Identification Number), che deve essere richiesto formalmente.

Si applicano le norme doganali e di importazione del rispettivo paese - vedi anche: https: //madb.europa.eu.

Attenzione

Attualmente non esiste una base giuridica nel diritto delle accise per un'esportazione di prodotti soggetti ad accisa in libera circolazione attraverso un ufficio doganale di esportazione o di uscita in un altro Stato membro (ad esempio dalla Germania attraverso la Polonia alla Bielorussia). Se è comunque prevista un'esportazione attraverso un altro Stato membro, non sono necessari documenti di accisa nel territorio fiscale. Qualsiasi formalità relativa ai regolamenti nazionali deve essere chiarita con le autorità dell'altro Stato membro attraverso il quale le merci devono essere trasportate(www.zoll.de).

  1. Elenco dei paesi

Paese Accise sul vino Osservazioni
UE
Belgio x
  • Sospensione fiscale - controllare il numero di accisa del destinatario / procedura EMCS - è necessario il certificato ELSTER
  • Il transito legato al cliente (commerciante) non è possibile.
Bulgaria
  • Libera circolazione fiscale - trasporto con VBD
Danimarca x
  • Sospensione fiscale - controllare il numero di accisa del destinatario / procedura EMCS - è necessario il certificato ELSTER
  • Il transito sotto sigillo doganale verso il cliente (commerciante) non è possibile.
  • Gli importatori commerciali devono essere registrati per importare bevande alcoliche - il mittente è responsabile del controllo della registrazione
  • Le bevande alcoliche non possono essere vendute e consegnate a persone di età inferiore ai 16 anni (contenuto alcolico inferiore al 16,5%) - Il mittente è responsabile della verifica dell'età del destinatario prima della spedizione
  • Importazione privata in piccole quantità permessa senza registrazione
Estonia x
  • Sospensione fiscale - controllare il numero di accisa del destinatario / procedura EMCS - è necessario il certificato ELSTER
Finlandia x
  • Sospensione fiscale - controllare il numero di accisa del destinatario / procedura EMCS - è necessario il certificato ELSTER
  • Le bevande alcoliche non possono essere vendute e fornite a persone di età inferiore ai 18 anni (contenuto alcolico fino al 22%) - il mittente è responsabile della verifica dell'età del destinatario prima della spedizione
  • Importazione privata in piccole quantità permessa senza registrazione - se la dogana non riconosce il consumo privato, la merce deve essere restituita
Francia x
  • Sospensione fiscale - controllare il numero di accisa del destinatario / procedura EMCS - è necessario il certificato ELSTER
  • Accordo tra la Repubblica federale di Germania e la Repubblica francese sulla protezione delle indicazioni di provenienza, delle denominazioni d'origine e di altre denominazioni geografiche dell'8 marzo 1960: L'indicazione dell'anno di raccolta (vintage) / il nome di uno o più vitigni è necessario
  • I dazi devono essere pagati nel luogo di sdoganamento
  • Lo sdoganamento in Francia e il successivo trasporto in un altro stato membro dell'UE non è consentito
Grecia x
  • Libera circolazione ai fini fiscali - trasporto con VBD
  • Accordo tra la Repubblica federale di Germania e il Regno di Grecia sulla protezione delle indicazioni di provenienza, delle denominazioni d'origine e di altre denominazioni geografiche del 14 aprile 1964: è richiesta l'indicazione dell'anno della vendemmia (vintage) / nome di uno o più vitigni
  • Importazione privata fino a tre bottiglie permesse senza registrazione
Irlanda x
  • Sospensione fiscale - controllare il numero di accisa del destinatario / procedura EMCS - è necessario il certificato ELSTER
Italia
  • Libera circolazione fiscale - trasporto con VBD
  • Importazione privata fino a cinque litri permessa senza registrazione
Croazia
  • Libera circolazione fiscale - trasporto con VBD
  • Licenza d'importazione richiesta
Lettonia x
  • Sospensione fiscale - controllare il numero di accisa del destinatario / procedura EMCS - è necessario il certificato ELSTER
  • Il destinatario commerciale riceve l'ispezione igienica.
  • Informazioni necessarie sulla fattura: alcol in percentuale / quantità di consegna in litri / descrizione del prodotto
Lituania x
  • Sospensione fiscale - controllare il numero di accisa del destinatario / procedura EMCS - è necessario il certificato ELSTER
Lussemburgo
  • Libera circolazione fiscale - trasporto con VBD
  • Le bevande alcoliche non possono essere vendute e fornite a persone di età inferiore ai 16 anni - il mittente è responsabile della verifica dell'età del destinatario prima della spedizione
Malta x
  • Movimento esente da tasse - trasporto con VBD
  • I rivenditori devono apporre un marchio fiscale sulle bottiglie dopo l'importazione
Paesi Bassi x
  • Sospensione fiscale - controllare il numero di accisa del destinatario / procedura EMCS - è necessario il certificato ELSTER
  • Il transito legato al cliente (commerciante) non è possibile
  • Le bevande alcoliche non possono essere vendute e consegnate a persone di età inferiore ai 18 anni - il mittente è responsabile della verifica dell'età del destinatario prima della spedizione
  • Informazioni necessarie sulla fattura: alcol in percentuale / quantità di consegna in litri / descrizione del prodotto
Austria
  • Traffico libero fiscale - trasporto con VBD
  • Le bevande alcoliche non possono essere vendute e consegnate a persone di età inferiore ai 16/18 anni (differenziate per provincia) - Il mittente è responsabile della verifica dell'età del destinatario prima della spedizione
Polonia x
  • Sospensione fiscale - controllare il numero di accisa del destinatario / procedura EMCS - è necessario il certificato ELSTER
  • L'importazione di bevande alcoliche per privati non è permessa (eccezione: regalo in piccole quantità)
  • Importatori di alcolici. Il mittente è responsabile della verifica della licenza del destinatario prima della spedizione
Portogallo
  • Libera circolazione fiscale - trasporto con VBD
  • Importazione di alcolici altamente limitata - sono richiesti vari moduli e ispezioni
  • Importazione privata di un massimo di sei bottiglie (0,75 litri) consentita senza registrazione
Romania
  • Libera circolazione nel diritto fiscale - trasporto con VBD
Slovacchia
  • Traffico libero fiscale - trasporto con VBD
Slovenia
  • Libera circolazione fiscale - trasporto con VBD
Spagna
  • Libera circolazione ai fini fiscali - trasporto con VBD
Svezia x
  • Sospensione fiscale - controllare il numero di accisa del destinatario / procedura EMCS - è necessario il certificato ELSTER
  • La spedizione è consentita solo agli importatori commerciali registrati
  • Importazione privata - destinatario org, trasporto: l'acquirente del vino deve notificare alla dogana l'importazione prevista prima del trasporto e quindi pagare in anticipo l'accisa per bottiglia - la dogana rilascia un certificato che deve essere inviato allo speditore - deve essere allegato alla spedizione in modo che sia chiaramente visibile dall'esterno
  • Importazione privata - trasporto organizzato dal mittente: se il trasporto è organizzato e pagato dal mittente, questo è considerato dalle autorità svedesi come un'attività di vendita per corrispondenza e il mittente deve registrarsi come un'attività di vendita per corrispondenza in Svezia - le spedizioni di merci devono essere segnalate alle autorità da parte del mittente e anche l'accisa deve essere pagata dal mittente (la responsabilità fiscale non è trasferibile al cliente privato svedese)
  • Gli speditori devono essere rappresentati da un rappresentante fiscale (rappresentante fiscale)
Repubblica Ceca
  • Libera circolazione fiscale - trasporto con VBD
  • Contrassegno fiscale necessario a partire da un contenuto alcolico del 15% - responsabilità dell'importatore con permesso di importazione
  • Le bevande alcoliche non possono essere vendute e consegnate a persone di età inferiore ai 18 anni - il mittente è responsabile della verifica dell'età del destinatario prima della spedizione
  • L'importazione privata in piccole quantità senza marchio fiscale è permessa
Ungheria
  • Libera circolazione fiscale - trasporto con VBD
  • Il transito legato al cliente (commerciante) non è possibile
Regno Unito x
  • Sospensione fiscale - controllare il numero di accisa del destinatario / procedura EMCS - è necessario il certificato ELSTER
  • Le bevande alcoliche non possono essere vendute e fornite a persone di età inferiore ai 18 anni - il mittente è responsabile della verifica dell'età del destinatario prima della spedizione
Cipro
  • Libera circolazione fiscale - trasporto con VBD
  • Le bevande alcoliche non possono essere vendute e consegnate a persone di età inferiore ai 17 anni - il mittente è responsabile della verifica dell'età del destinatario prima della spedizione
EFTA
Islanda
  • Si applicano le norme doganali e di commercio estero di una consegna in uno stato EFTA.
  • Monopolio di Stato per l'alcol - per le spedizioni di vino è necessaria la registrazione con un agente islandese
Liechtenstein
  • Si applicano le norme doganali e di commercio estero di una consegna in uno stato EFTA.
  • Si applicano le norme svizzere.
Norvegia
  • Si applicano le norme doganali e di commercio estero di una consegna in uno stato EFTA.
  • La registrazione presso il monopolio statale degli alcolici è necessaria per le consegne di bevande con più del 4,5% di alcol (licenza di importazione)
  • Una dichiarazione formale di importazione è richiesta per ogni consegna
  • Le bevande alcoliche non possono essere vendute e consegnate a persone di età inferiore ai 18 anni - Il mittente è responsabile della verifica dell'età del destinatario prima della spedizione
Svizzera
  • Si applicano le norme doganali e di commercio estero di una consegna in uno stato EFTA.
  • 2012/295/UE: Decisione n. 1/2012 del Comitato misto per l'agricoltura istituito dall'accordo tra la Comunità europea e la Confederazione svizzera sul commercio di prodotti agricoli, del 3 maggio 2012, che modifica l'allegato 7 dell'accordo tra la Comunità europea e la Confederazione svizzera sul commercio di prodotti agricoli - disposizioni relative alla denominazione, ai documenti di accompagnamento, ecc.
  1. Fonti

Queste informazioni sono state compilate con la massima cura e non sostituiscono in alcun modo una consulenza legale o fiscale. Le informazioni non pretendono di essere complete. ProoF - Processoptimization and Fulfilment GmbH non si assume alcuna responsabilità per la correttezza, la completezza e l'attualità delle informazioni

Nel campo dell'imposta sul valore aggiunto, del diritto doganale e del commercio estero, c'è un gran numero di regolamenti che sono soggetti a continue modifiche da parte dell'UE e dei suoi stati membri.

Pertanto, si consiglia di contattare la Camera di Industria e Commercio responsabile, l'ufficio doganale o un consulente doganale competente prima del primo trasporto.

ProoF - Processoptimization and Fulfilment GmbH vi offre un servizio completo sulle questioni doganali e fiscali da una sola fonte.

Consigli e supporto - siamo qui per voi!

ProoF – Processoptimization and Fulfilment GmbH

ProoF - Processoptimization and Fulfilment GmbH
Al Fuchsbau 47
29331 Lachendorf


Telefono: 05145 2868-670
Cellulare: 0170 80 24 089

Eventi nelle tue vicinanze