wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Ruinart è considerato uno dei pionieri della protezione dell'ambiente e del clima in Champagne. Con il progetto "Vitiforestry", la Maison Champagne ha piantato alberi e siepi tra i vigneti per migliorare la biodiversità con metodi forestali. Kristine Bäder ha dato un'occhiata ai lavori nei vigneti Premier Cru di Taissy.

Per molto tempo, il 50° parallelo è stato considerato il limite settentrionale per la viticoltura di qualità, lo Champagne la regione vinicola più settentrionale d'Europa. Quei giorni sono finiti; il vino viene ora prodotto nello Schleswig-Holstein e a Sylt, in Inghilterra e Danimarca, persino in Svezia. Lo Champagne ha potuto beneficiare degli effetti del cambiamento climatico più a lungo di qualsiasi altro luogo. Le uve raggiungono ora la giusta maturazione quasi senza sforzo ogni anno. Solo tra il 2003 e il 2019, ci sono state cinque vendemmie in Champagne che sono iniziate già ad agosto, invece della consueta fine di settembre. "Prima riuscivamo a fare un Dom Ruinart forse cinque volte in dieci anni, ora funziona circa otto volte", riferisce Louise Bryden, enologo e project manager di Ruinart.

More related Magazine Articles

Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze