wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

I vini a denominazione di origine protetta rispettano rigorose specifiche di qualità e promuovono un consumo responsabile di alcol. Questo è il messaggio essenziale di tre cene d'affari tedesco-greche che si sono svolte a Maintal, in Assia, all'inizio di agosto.

In tre serate, l'agenzia di marketing enologico ed eventi Wein-Plus Solutions ha organizzato gli eventi insieme alla società greca di consulenza agricola Novacert. Il cliente era l'azienda vinicola Vaeni Naoussa della Macedonia centrale, nella Grecia settentrionale, che ha fornito anche cinque vini per gli eventi.

I vini hanno accompagnato un menu di tre portate nel ristorante "Fleur de Sel" di Maintal-Dörnigheim, vicino a Francoforte. Oltre a un gruppo di giornalisti greci, ogni sera sono stati invitati cinque esperti tedeschi di vino provenienti dai settori del commercio, della gastronomia, della consulenza, della formazione e dei media, in formazione alternata.

Il progetto faceva parte del programma di informazione sul consumo responsabile di vino cofinanziato dall'Unione Europea e dai suoi Stati membri, in questo caso la Grecia. La campagna è al suo secondo anno di attuazione e si prevede che si protrarrà fino al 2023. Per questo motivo, durante la degustazione culinaria è stato necessario tenere conto di regole particolari.

Informazioni su due argomenti

Durante le cene di lavoro sono state fornite informazioni su due argomenti: in primo luogo, le linee guida dell'UE per un consumo moderato di vino e, in secondo luogo, il sistema delle denominazioni di origine protette nell'UE. Questo è stato fatto, da un lato, sotto forma di un opuscolo che riassume i contenuti essenziali e, dall'altro, in una breve conferenza e durante le discussioni al tavolo.

A tal fine, l'opuscolo informativo contrapponeva i vini a denominazione d'origine protetta - chiamati "vini di marca" - ai "vini di botte di origine sconosciuta" e sosteneva: "A differenza dei vini di marca, i vini di botte non hanno un'etichetta e quindi il consumatore non può conoscere dettagli molto importanti come il produttore, l'origine delle materie prime, la composizione varietale del vino, l'anno di raccolta, l'anno di imbottigliamento e altri dati che contribuiscono a un consumo responsabile".

Denominazioni di origine protetta

I vini serviti con il pasto dovevano provenire da diverse denominazioni di origine protetta. Sono stati serviti un vino bianco e un vino rosato a Indicazione Geografica Protetta "Macedonia PGE", oltre a tre vini rossi del vitigno autoctono greco Xinomavro, a Denominazione di Origine Protetta "Naoussa POP".

Il sistema delle denominazioni di origine protette nell'UE segue il principio: più vicina è l'origine, più alta è la qualità del vino. Ciò significa che più piccola è l'unità geografica da cui provengono le uve, migliore è il vino. Il Paese d'origine è considerato l'unità geografica più grande e il singolo vigneto la più piccola.

In base a questo cosiddetto principio di origine, esistono tre livelli di qualità per i vini degli Stati membri dell'Unione, in ordine crescente:

Il g. U. è in linea di principio e in ogni caso la denominazione di origine più ristretta, che è sinonimo di una maggiore qualità del vino. Definisce le specifiche più rigorose per quanto riguarda l'unità geografica per la coltivazione e la lavorazione delle uve, la varietà o le varietà di uve, la coltivazione, la resa - minore è la resa, maggiore è l'estratto delle uve e quindi la qualità del vino -, la raccolta, la vinificazione, l'invecchiamento, il tempo di maturazione in cantina e/o determinati valori di analisi.

In greco, l'indicazione geografica protetta si chiama "Prostatevomenis Geografikis Endixis" (abbreviato PGE) e la denominazione di origine protetta "Prostatevomenis Onomasías Proelefsis" (abbreviato POP).

Meno è meglio

Inoltre, i vini dovevano essere degustati alla cieca durante le cene di lavoro. Le uniche informazioni fornite agli ospiti sono state il vitigno (o i vitigni), l'annata e la denominazione d'origine, ma non l'identità esatta dei vitigni.

Infine, il motto "consumo responsabile del vino" è stato preso talmente sul serio che per ogni serata era disponibile solo una bottiglia di ogni vino per l'intero tavolo. Di fatto, però, in quasi tutte le serate sono rimaste delle bottiglie, il che non significa che i vini non siano stati apprezzati dagli ospiti in termini di qualità, anzi.

In questo modo, il consumo moderato di vino è stato messo in pratica: bere vino "con moderazione", "lentamente" e "insieme all'acqua", come raccomandava l'opuscolo informativo dell'UE.

Cucina mediterranea

"Il vino greco si è sviluppato in modo eccellente negli ultimi 15-20 anni. Questo evento lo ha dimostrato", ha giudicato il partecipante Simon Schmitt di Francoforte, che come giornalista freelance pubblica, tra l'altro, il Diario alimentare di Francoforte. "È sempre molto arricchente conoscere in modo così approfondito una regione vitivinicola emozionante e il suo vitigno da parata e scambiare idee con esperti in materia". Il project manager Carsten M. Stammen di Wein-Plus Solutions, responsabile dell'organizzazione e dell'accoglienza delle tre serate, è soddisfatto della risposta positiva. E spiega la scelta del ristorante: "Il 'Fleur de Sel' offre una cucina mediterranea di alto livello, di ispirazione francese, con un eccellente rapporto qualità-prezzo. Volutamente non abbiamo scelto un ristorante greco, ma uno con cucina mediterranea. E le cene di lavoro hanno dimostrato che i vini greci a denominazione di origine protetta non sono solo vini pieni di carattere, ma convincono anche come accompagnamento di cibi di alta qualità".

Vino rosato e bianco: Macedonia PGE

Il vino rosato "Dogmatikos" Makedonien PGE 2021, un monovitigno Xinomavro con 11 g/l di zucchero residuo, si è presentato come un aperitivo semplice con il suo aroma rosso-fruttato.

Il vino bianco "En Lefko" Macedonia PGE 2021 era una cuvée di Malagouzia e di nuovo Xinomavro (qui bianco). Presenta note di frutta gialla con sentori esotici e una fine mineralità, oltre a freschezza, morbidezza ed equilibrio. Con la sua combinazione di raffinatezza e bevibilità, si è rivelato molto versatile dal punto di vista culinario e ha accompagnato in modo eccellente gli antipasti in tutte e tre le serate: una tartare di sella di agnello al pascolo con pomodori, olive e couscous, nonché una tartina di ricotta con zucchine fritte brunoise e acciughe fritte con crème fraîche allo zafferano e insalata.

Sfaccettature dello Xinomavro: Naoussa POP

I tre rossi hanno rivelato la natura poliedrica del vitigno Xinomavro, in quanto ognuno dei vini era distinto nel carattere e segnato da aromi diversi: il "Naoussa" Naoussa POP 2015 di bacche e ciliegie, il "Damascenos" Naoussa POP 2017 di prugne e spezie, e il "Platinum Xinomavro" Naoussa POP 2017 di cioccolato fondente e frutti scuri.

Tutti e tre i rossi sono stati degustati in parallelo con il piatto principale, e gli ospiti hanno avuto una chiara preferenza, anche se diversa. Tuttavia, tutti erano d'accordo sul fatto che nessuno dei vini non sarebbe stato adatto. Lo Xinomavro, invecchiato da 12 a 18 mesi in botti di legno, ha dimostrato il suo valore con le guance di vitello brasate con mousseline di prezzemolo e patate, verdure colorate e jus di Madeira, così come con la schiena di maiale da latte su purea di patate con cavolo a punta tartufato e jus di cumino - e anche con i frutti di mare: Gamberi rossi e cozze con spaghettini al nero di seppia, concassée di pomodoro piccante, parmigiano e rucola.

Impressioni culinarie

Christine Schloter del negozio di degustazione Weinkönner di Lipsia descrive le sue impressioni come segue: "Una serata emozionante con vini eccezionali di vitigni autoctoni della Grecia. È emerso che i vini indipendenti sono anche armoniosi compagni di cibo al di fuori della tipica cucina greca. Mi hanno particolarmente colpito le cuvée bianche di Malagouzia e Xinomavro con la tartare di agnello e uno Xinomavro maturo con una fine nota di cioccolato, che si è abbinato bene al piatto principale forte, ma che ha mostrato tutto il suo fascino solo con la crème brûlée ai lamponi."

Cyriacus Schultze, della società di consulenza enologica e commerciale Food & Wine Culture di Schönau, ha espresso un parere simile: "È stato un viaggio emozionante attraverso l'affascinante diversità dei vitigni autoctoni che conferiscono al vino greco il suo carattere proprio. La Grecia è sempre stata giustamente orgogliosa dei propri vitigni, e la fiducia nelle uve autoctone viene ora premiata: non solo Udo Jürgens ne ha parlato in modo entusiasta, ma molti buongustai stanno iniziando a conoscere l'elegante e piccante Malagouzia o il potente e conservabile Xinomavro".

Kirsten Burkhart, dell'enoteca Wein365 di Bad Homburg, sostiene la curiosità e l'apertura mentale nell'assaporare il vino: "I vini greci erano un territorio nuovo per noi e sono stati un arricchimento già solo per questo motivo. Ci ha sorpreso anche l'espressività dei vini rossi, che non ci aspettavamo. È sempre bene pensare fuori dagli schemi e guardare ai nostri vicini! Anche il cibo del 'Fleur de Sel' era naturalmente eccellente e ha dato ai vini uno sfondo adeguato".

Gestione di eventi a servizio completo

Wein-Plus Solutions è stata responsabile della scelta del ristorante, del coordinamento del menu, dell'assegnazione dei vini e della gestione dei partecipanti alle tre cene d'affari greco-tedesche. Per l'invito mirato degli ospiti tedeschi, l'agenzia ha utilizzato il database wein.plus con oltre 230.000 membri. Poiché nel team del ristorante "Fleur de Sel" sono rappresentate otto nazionalità, gli ospiti greci hanno potuto essere assistiti anche nella loro lingua nazionale e le carte dei menu erano disponibili in tedesco, inglese e greco.

Il project manager Carsten M. Stammen non solo ha molti anni di esperienza nella gastronomia e nella gestione di eventi, ma anche nella comunicazione e nel marketing. Inoltre, egli stesso è un esperto di vino e conferenziere, per cui l'impegno aggiuntivo di un sommelier non è stato necessario per l'accompagnamento professionale della serata. Pertanto, Wein-Plus Solutions offre un servizio completo di gestione degli eventi per settore del vino da un'unica fonte - anche per il vostro evento!

Contatto: carsten@wein.plus

Foto: © Axel Groß(Grossaufnahmen), © Carsten M. Stammen(WPS)

Eventi nelle tue vicinanze