wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

DSC_1113All'epoca, c'erano solo due Grand Cru A a Saint-Emilion (oggi ce ne sono quattro: Ausone, Cheval Blanc, Angélus e Pavie); all'epoca, questi vini erano - dal punto di vista di oggi - ancora "abbordabili"; oggi, la proporzionalità si è persa. Oggetti di pura presige e speculazione. Che peccato! Il vino preferito di mia moglie (allora) era Ausone. Perché Ausone in particolare, non lo so. È certamente un vino eccellente, ma ci sono molti altri vini eccellenti nel Borderlais. Così ho comprato una o due bottiglie per mia moglie (e per me) di tanto in tanto, con nostra grande gioia. Ma poi è arrivata l'annata 1997, un'annata debole - anche a Saint Emilion - ma non a Château Ausone. Dal 1995 (quando è diventato l'unico proprietario), Alain Vauthier ha ridistribuito i vari vigneti, ha utilizzato solo le migliori parcelle per il suo primo vino, si è impegnato molto nel vigneto e ha effettuato una forte selezione. In ogni caso, il '97 era uno dei pochi vini veramente buoni a St-Emilion. Ne ero già entusiasta alla degustazione in botte e mi sono abbonato per quattro bottiglie. Da allora, ci siamo riferiti a queste bottiglie come alla nostra "caduta dalla grazia", perché all'epoca costavano il doppio, quasi il triplo, del prezzo degli anni precedenti in un colpo solo. Un "piccolo dettaglio" che ho trascurato. La "caduta dell'uomo" è rimasta in cantina, abbiamo aspettato pazientemente il giorno in cui il peccato sarebbe stato perdonato, in un giorno molto speciale, un compleanno rotondo, in un evento sociale o so quando e dove... Il giorno giusto non è arrivato. Almeno, non l'abbiamo percepito. Poi, quando il vino non è aumentato alle aste (e nelle recensioni) ma ha mostrato un restringimento costante, ho aperto una bottiglia - in un giorno quasi ordinario - e mi sono reso conto che c'era ancora un po' di questo vino wow, ma non molto del "wow". Certo, era ancora un buon vino, probabilmente ancora uno dei migliori dell'annata. Ma nel frattempo c'era il 2000, il 2005, il 2009... Comunque, per molto più di 1'000 franchi (la bottiglia)! La nostra "caduta dalla grazia" è un colpo di fortuna.Ausone auf dem Zeltplatz Così è successo che abbiamo aperto il penultimo Ausone dell'annata 1997 il giorno del (mio) mezzo compleanno. Il giorno era fissato, ma le circostanze erano più che altro una coincidenza. Eravamo in un campeggio, vivendo la vita semplice: Tenda, fornello a gas, tavolo pieghevole, ecc. Ed è allora che la "caduta dalla grazia" è entrata nel bicchiere. Un vino che costava più di 300 franchi all'epoca, sul tavolo da campeggio davanti alla tenda, dove un pernottamento non costa un decimo. Chi dice che sono dei veri snob ha probabilmente ragione. Ma questa storia mi insegna: 1. i vini si possono gustare ovunque. 2. i vini non dovrebbero essere salvati fino al momento giusto. 3. i prezzi elevati dei vini non garantiscono il massimo godimento. 4. no, non andiamo lì... Il nostro "Fall of Man" era un bel vino, già molto, molto maturo. Gran parte della sua complessità si è già persa, è dimagrito, tutto è diventato un po' più debole, il bouquet, il colore, gli aromi, la potenza, l'armonia... Ha esaurito il suo potenziale e comincia a dire addio. L'Ausone un tempo grandioso (della debole annata 1997) è diventato un buon vino la cui sostanza non è (più) sufficiente per ripetere gli stupori di un tempo.

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze