wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

"Ahhh... ohhh.... uhhh", si sente sul treno quando si viaggia da Friburgo a Losanna con il bel tempo. Questo stupore e questa ammirazione sono innescati dal panorama che si presenta quando si lascia il breve tunnel ferroviario prima di Chexbres. Improvvisamente ti trovi nel mezzo di quella che è probabilmente la più bella regione vinicola della Svizzera, il Lavaux, patria dello Chasselas. La Posta Svizzera ha ora dedicato un francobollo speciale a questa regione - patrimonio mondiale dell'UNESCO dal 2007.

Francobollo in tre parti con il panorama del Lavaux sul lago di Ginevra (Foto: P. Züllig)

I francobolli sono - anche nell'epoca della posta elettronica - ancora i titoli più piccoli che ogni famiglia ha in magazzino. Un francobollo da 100 (100 centesimi) è necessario per inviare una lettera in Svizzera. È per questo che è il francobollo più comune in Svizzera e quindi uno dei migliori mezzi di pubblicità pittorica. Pubblicità statale (la Posta non è privatizzata in Svizzera) per una regione vinicola, una rarità.

I vigneti di Lavaux si trovano sulle pendici settentrionali del lago di Ginevra, una lunga distesa di viti che va da Losanna al famoso castello di Chillon. Due terzi delle viti sono Chasselas - o Chasselas in francese. È quindi una tipica regione di vini bianchi e, nonostante tutte le differenze di terroir, probabilmente la regione vinicola più omogenea della Svizzera. Per molto tempo, il termine "vino bianco svizzero" è stato equiparato al vitigno Chasselas. Questo non è del tutto sbagliato, ma non è più così chiaro come una volta, quando si puntava ancora a grandi quantità. Nel frattempo, la qualità è la priorità assoluta anche qui, perché lo Chasselas può essere commercializzato solo se è indipendente, specifico per il terroir e anche flessibile. In altre parole, è un vino fine, sfumato e differenziato.

La sorpresa panoramica sulla strada per Losanna (Foto: P. Züllig)

Non è facile rendere lo Chasselas popolare tra gli amanti del vino che sono abituati al riesling. La maggior parte delle persone storce il naso quando si parla di Chasselas, specialmente quando si usa il termine tedesco Gutedel. Al massimo, è accettato come un Fendant (termine vallesano) per accompagnare la raclette classica, forse anche come vino da aperitivo. Il piccolo bicchiere da aperitivo di cristallo a forma di becher, che faceva parte della cristalleria di una famiglia svizzera anni fa, oggi è quasi completamente scomparso. Chasselas viene ora servito in eleganti calici, proprio come qualsiasi altro vino di qualità. C'è anche il vetro speciale progettato appositamente per Chasselas.

Due bicchieri Chasselas: a sinistra la tazza tradizionale, a destra il bicchiere di qualità (Foto: P. Züllig)

Il modo migliore per avvicinarsi a Chasselas è attraverso il paesaggio mozzafiato sopra il lago di Ginevra - 15 chilometri di terrazze, alcune delle quali sono state sistemate dai cistercensi già nel XII secolo. Chi si immerge nello splendore giallo-oro delle vigne in autunno vorrà anche sapere che sapore ha lo chasselas à la vaudoise (alla vaudoise). In ogni caso, ha un sapore diverso dal Gutedel di Baden. Mi sono reso conto di quanto sia diverso solo quando sono andato recentemente a fare un tour del vino nel Markgräflerland, la regione tra Lörrach e Friburgo. Non può essere solo dovuto al modo in cui il vino è maturato (specialmente la riduzione biologica dell'acido o meno), ma deve avere molto più a che fare con il terroir. Anche in Svizzera, lo Chasselas è abbastanza diverso; sui laghi di Bienne, Neuchâtel e Ginevra o nel Vallese, si ha spesso la sensazione di avere un vino diverso nel bicchiere. Sì, anche a Vaud, dove si trova Lavaux, si trovano le differenze più sorprendenti. "Per un'altra caratteristica, tengo in grande considerazione i Chasselas: Quasi nessun'altra varietà lascia trasparire così chiaramente il terreno su cui è cresciuta", scrive il giornalista amburghese Ulrich Sautter in "Mémoire des Vins Suisse", sotto il titolo: "Un genio incompreso".

Le uve Chasselas - geni incompresi (Foto: P. Züllig)

Se un francobollo può portare a conoscere una regione vinicola e il suo vitigno più importante, allora lo trovo notevole. I francobolli viaggiano per il mondo, i paesaggi restano lì e devono essere visitati. Solo la loro immagine, il loro volto, la loro peculiarità può essere trasmessa. Ma queste impressioni rimangono sempre un'immagine, di solito solo come il lato solare di una regione. Nel Lavaux può essere ugualmente cupo, freddo e ostile come in qualsiasi altra regione; così come non c'è solo Chasselas nel Lavaux (circa 60 %), ma anche varietà di uve rosse, Pinot Noir (14 %), Gamay (11 %), sì, anche Merlot (1 %). La quota di Chasselas è in calo, di un buon 13% negli ultimi anni. Il profilo di una monocoltura di Chasselas, il vitigno più antico del mondo (dicono), è altrettanto falso quanto il giudizio comune sull'"uva acquosa e neutra", che produce un vino che è "al massimo un accompagnamento insignificante per fondute istantanee a buon mercato".

Il paesaggio da solo nobilita il vino (Foto: P. Züllig)

Devo ammettere onestamente che sono diventato un bevitore quasi esclusivo di vino rosso perché lo Chasselas prodotto in serie, che per molto tempo è stato servito come vino svizzero, mi ha sempre più "sconvolto". Ancora oggi, non sono un bevitore di vino bianco e quindi un propagandista inadatto per i vini bianchi svizzeri. Ma di volta in volta, anche recentemente durante un viaggio nel Lavaux, ho scoperto un nuovo amore segreto. Certo, non è il grande amore per il vino, ma piuttosto un piccolo, affascinante flirt con un vitigno che davvero può essere (ed è) più di quello che è stato "venduto" nel corso degli anni come vino bianco svizzero, vale a dire un "vino fruttato e ricco di aromi in una vasta gamma di contenuti; dal tipo leggero e bevibile al crus con un carattere forte e dominato dall'alcol" (sito web Chasselas). O semplicemente un "genio incompreso".

Sinceramente
Vostro

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze