wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Franciacorta President-Silvano Brescianini La Franciacorta è la principale denominazione spumantistica italiana. Non solo la qualità dei vini è costantemente elevata. I produttori stabiliscono standard anche sotto altri aspetti. Due terzi della superficie coltivata sono certificati biologici, un record internazionale. Raffaella Usai ha parlato con Silvano Brescianini. Dal 2018 è presidente del Consorzio Franciacorta ed è stato il primo viticoltore della regione a convertirsi alla produzione biologica.

Oggi la Franciacorta è uno dei pionieri internazionali della viticoltura biologica. Quando è iniziato il ripensamento?

Silvano Brescianini: Abbiamo iniziato a farlo nella nostra cantina nel 1998. Ma dopo l'inizio del nuovo millennio, anche altre cantine della Franciacorta hanno iniziato ad affrontare il problema. Bisogna ricordare che la coltivazione biologica non è un problema tecnico, ma una questione di mentalità. Per un viticoltore che ha usato per decenni erbicidi e pesticidi sistemici nei suoi vigneti, la conversione all'agricoltura biologica è inizialmente spaventosa e rischiosa.

Come pioniere del biologico in Franciacorta, all'inizio ha sentito molti venti contrari?

Silvano Brescianini: Nei primi anni c'erano molti che mi sorridevano, ma questo non mi impressionava. Ero convinto di fare la cosa giusta. Molti di coloro che inizialmente rifiutavano l'agricoltura biologica si sono convinti col tempo perché hanno visto che funziona davvero. La condivisione delle esperienze è estremamente importante per la crescita comune di una denominazione. Sono sempre stato felice di condividere le mie esperienze e lo faccio ancora oggi.

Cosa è cambiato da allora?

Silvano Brescianini: Negli ultimi vent'anni è cambiata la consapevolezza dei viticoltori della Franciacorta. Oggi c'è una grande sensibilità per la sostenibilità e per il tema della biodiversità, che diventerà sempre più importante in futuro. All'inizio, tutti si preoccupavano di fare a meno dei pesticidi e di produrre comunque un buon vino. Ci siamo riusciti. In un secondo momento, vogliamo lavorare insieme per migliorare la vitalità del suolo e la biodiversità della regione.

Come si fa sentire?

Silvano Brescianini: Nel frattempo c'è anche una certa competizione tra le aziende, in senso positivo, per superarsi a vicenda in termini di biodiversità in vigna. Tutti hanno capito che la qualità di un vino è strettamente legata alla salute dell'ecosistema. Maggiore è la biodiversità, maggiore è il numero di insetti benefici, migliore sarà la situazione del vigneto.

Quali sono gli obiettivi del consorzio?

Silvano Brescianini: Il Consorzio si impegna a fornire a tutti i viticoltori le conoscenze per misurare e aumentare la biodiversità dei loro vigneti e dei loro terreni. Allo stesso tempo, ci proponiamo di attuare la protezione delle piante nel modo più mirato e delicato possibile. Il nostro concetto di sostenibilità comprende sia la riduzione di pesticidi ed erbicidi nelle coltivazioni convenzionali, sia la riduzione dei gas serra. Monitoriamo anche l'uso di attrezzature e macchinari agricoli e il consumo energetico e idrico delle cantine. Inoltre, vengono effettuate misurazioni regolari dei bilanci di CO₂ delle cantine. Non ci preoccupiamo solo della certificazione biologica, sarebbe troppo poco lungimirante. Tutti i viticoltori, anche quelli non certificati biologici, perseguono una strategia ecologica e condividono le aspirazioni del consorzio. Il fatto che stiamo tutti tirando nella stessa direzione mi rende molto orgoglioso.

Cosa ne pensa del problema dell'uso del rame come metallo pesante nell'agricoltura biologica?

Silvano Brescianini: Al momento, il rame è ancora l'unico agente in coltivazione biologica che protegge efficacemente dalla peronospora. L'uso del rame e il conseguente accumulo nel suolo è un argomento importante, su cui si stanno svolgendo numerose ricerche. Ma i viticoltori ora sanno anche come ridurre il rame applicandolo in modo diverso. Tuttavia, sarebbe auspicabile un'alternativa naturale. Sono sicuro che ce ne sarà uno nei prossimi anni.

È difficile lavorare in modo organico in Franciacorta? In Italia ci sono sicuramente zone di coltivazione in cui il clima è molto più facile.

Silvano Brescianini: È chiaro che le regioni del centro e del sud Italia hanno dei vantaggi climatici. La Franciacorta si trova ai piedi delle Prealpi, per cui si verificano molti temporali e piogge regolari. Ma se nella nostra regione ci sono 2.000 ettari di terreno coltivato con metodo biologico, è la prova che non può essere così problematico. Le conoscenze e il know-how dei viticoltori crescono di anno in anno. Ciò che all'inizio poteva essere difficile, ora è routine.

Il cambiamento climatico favorisce l'agricoltura biologica?

Silvano Brescianini: I cambiamenti climatici rendono tutto molto più difficile, e questo vale sia per le coltivazioni biologiche che per quelle convenzionali. Gli estremi climatici aumentano, le annate sono molto diverse, non si può più lavorare con ricette standard. Il 2015 e il 2017, ad esempio, sono stati molto caldi e secchi, mentre il 2014 e il 2016 sono stati piuttosto freschi e molto piovosi. Oggi bisogna fare i conti con tutto.

Due terzi della superficie coltivata sono certificati biologici, ma il consumatore trova il logo bio solo su poche bottiglie di Franciacorta. Perché?

Silvano Brescianini: Alcune cantine coltivano solo una parte dei loro vigneti in modo biologico, mentre altre aree sono ancora coltivate in modo convenzionale o sono in fase di conversione. Poiché le uve biologiche di solito non vengono lavorate separatamente, i vini non possono essere certificati biologici. Il Franciacorta DOCG, invece, arriva sul mercato non prima di due anni dalla vendemmia. Quindi i vini sono sempre in ritardo di almeno due anni, spesso molto di più, rispetto alla realtà del vigneto. Tuttavia, il numero di bottiglie con logo biologico è in costante aumento. In un futuro non troppo lontano, la percentuale di bottiglie certificate biologicamente corrisponderà all'incirca a quella della superficie certificata biologicamente.

In Franciacorta, c'è l'antico vitigno autoctono Erbamat, che dal 2017 può entrare nei vini con una quota del dieci per cento. Lei si è impegnato molto per cambiare le regole di produzione. Cosa rende Erbamat così speciale?

Silvano Brescianini: La varietà è originaria della zona di Brescia da 500 anni, il che la rende molto preziosa dal punto di vista storico. Ma ciò che è molto più importante è che si caratterizza per il suo carattere speciale, particolarmente adatto alla produzione di spumanti. Ha un'acidità elevata e un pH basso, non è aromatico e matura tardivamente. Tutto questo lo rende molto interessante.

Quindi l'Erbamat ha dei vantaggi in termini di cambiamento climatico?

Silvano Brescianini: In passato i contadini non coltivavano l'Erbamat perché non maturava mai veramente. Il cambiamento climatico ha cambiato le cose. Ora si raccoglie in ottobre, molto più tardi rispetto al resto delle nostre varietà e può essere molto utile nel lungo periodo.

Quanto è grande l'area sotto Erbamat ora?

Silvano Brescianini: È ancora relativamente gestibile. Negli ultimi dieci anni sono state condotte numerose prove con questa varietà. Ma non sappiamo ancora come si svilupperà nel tempo in bottiglia. Manca ancora l'esperienza. Anche a Erbusco è stato impiantato un vigneto di prova in collaborazione con l'Università di Milano e si sta lavorando alla selezione dei cloni. Una decina di aziende vinicole hanno già piantato l'Erbamat, ma attualmente manca il materiale da piantare. Nei prossimi due o tre anni ci saranno piantine su scala più ampia e quindi anche la superficie aumenterà.

Related Magazine Articles

View All
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze