wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

L'enologo greco Panagiotis Papagiannopoulos non dimenticherà presto la mattina del 27 luglio 2007. Nella penisola del Peloponneso imperversano devastanti incendi boschivi. Papagiannopoulos è un socio dell'azienda vinicola Tetramythos, che è stata fondata nel 1999 e si trova in alta montagna vicino a Aegialia. Gli incendi stanno divorando anche questa regione. Ma la sera prima, i vigili del fuoco hanno mandato a casa i nervosi proprietari di immobili. Non c'è più pericolo, dissero - e più tardi partirono loro stessi per il villaggio, prendendosi finalmente una pausa. La mattina, il viticoltore 34enne è partito presto per la sua cantina. Ma non esisteva più. Guardò un mucchio di macerie che bruciava intensamente. Il fuoco era arrivato durante la notte.

Il nuovo edificio della tenuta prima dell'incendio


"Non c'era più nulla che mi ricordasse la nostra tenuta", dice. Anche se tutto era pieno di fumo, cercò di entrare nella cantina. Ma le cisterne d'acciaio installate nel 2004, i torchi, le scorte di vino immagazzinate - tutto questo non c'era più. Vide resti di muri, cocci di bottiglie rotte e tubi fusi. Tetramythos è l'unica tenuta vinicola in Grecia che è stata distrutta dalle fiamme.

Gli altri quattro comproprietari sono arrivati poco dopo. Stavano piangendo. L'enologo Papagiannopoulos aveva già chiamato i vigili del fuoco. Ma non sono venuti. Solo la sera sono arrivate due squadre di pompieri. Ma i pompieri non avevano maschere di respirazione con loro, e le pompe non funzionavano. Quando finalmente hanno iniziato a spegnere il fuoco, non si è potuto salvare nulla. Uno dei soci ha anche perso la sua casa tra le fiamme.

"Per due giorni non riuscimmo a parlare, tanto erano scioccati e depressi tutti", riferisce Panagiotis Papagiannopoulos, la cui voce gli manca ancora quando racconta la storia. Perché l'incendio non solo ha distrutto la sua azienda vinicola, ma ha anche messo fine a una storia di successo durante la notte. La tenuta vinicola Tetramythos, che prende il nome da un'antica varietà di pera originaria del luogo, è appartenuta per anni ai fratelli Aristidis e Stathis Spanos e a Panagiotis e Yiannis Ntotas. Coltivavano uva Roditis su 3,2 ettari e la vendevano ai viticoltori. Nel 1999, il signor Papagiannopoulos, 34 anni, che ha studiato enologia, si è unito a loro come socio.

Nel 2003, hanno deciso di costruire una cantina moderna. I proprietari estesero la superficie del vigneto a 14 ettari e piantarono anche Merlot, Cabernet Sauvignon, Sauvignon Blanc e le varietà autoctone Agiorgitiko, Mavro Kalavritino e Malagousia. Le vigne sono coltivate in modo biologico. "Lavorare in modo biologico è uno stile di vita per noi", sottolinea il giovane viticoltore.

Nel giro di un anno, la cantina, che comprende una moderna tecnologia di cantina, un'enoteca e un piccolo hotel elegantemente moderno, è stata costruita con sovvenzioni dell'UE. Per assicurare Tetramythos finanziariamente, i proprietari si sono affidati all'eco-turismo: gli ospiti dovevano venire nella regione affascinante, per degustare e comprare eco-vino sofisticato, ma anche per mangiare bene e pernottare. Il concetto ha funzionato: già nel primo anno sono arrivati più di 10.000 turisti. Nel 2006, il team di Tetramythos ha portato ben 105 tonnellate di uva, imbottigliato 40.000 bottiglie e venduto il resto alla spina, come si usa nel paese. Tutto sembrava andare alla perfezione. Fino alla mattina del 27 luglio.

L'incendio non ha lasciato nulla della cantina moderna


Dopo che Papagiannopoulos e i suoi colleghi hanno superato il primo shock, hanno fatto un bilancio: la tenuta era bruciata completamente, bar e hotel sono scampati con lievi danni. Anche i vigneti danneggiati non sembravano essere completamente persi. In un piccolo magazzino dell'enoteca, c'era ancora uno stock rimanente di 7500 bottiglie - se tutte sono sopravvissute al calore senza danni non è ancora chiaro.

"Siamo andati tutti insieme sulla montagna. Lassù, a 1050 metri sul livello del mare, possediamo un vigneto piantato a Sauvignon Blanc, il vigneto più alto della Grecia", racconta Papagiannopoulos. "Stavamo guardando in una regione grigio cenere, bruciata. Ma abbiamo anche visto delle colline verdi: i nostri vigneti", riferisce. Questa visione, dice, "ha dato loro speranza". Hanno deciso di ricominciare. Da zero.

Anche la casa padronale è stata gravemente danneggiata


Un'ondata di solidarietà da parte di vicini e amici li ha incoraggiati ad affrontarlo. Agosto, il tempo del raccolto si avvicinava. Le cantine della zona si sono offerte di pressare l'uva gratuitamente nelle loro strutture. Colleghi noti come Skouras, Spiropoulos, Rouvalis o Katogi & Strofilia sono stati tra i primi ad offrire il loro aiuto. "Abbiamo raccolto, ma non avevamo ancora le idee chiare", dice l'enologo. La vendemmia ha prodotto 60 tonnellate di uva - poco più della metà dell'anno precedente - che hanno pigiato in due amichevoli tenute vicine.

Lo stato ha presto offerto 3000 euro di aiuti di emergenza per ogni famiglia. Il ministro del turismo Fani Pali-Petralia ha ispezionato i danni e ha promesso di aiutare senza burocrazia. Perché era una campagna elettorale in Grecia, e gli indirizzi di solidarietà nei momenti di bisogno portano voti. Quindi, ha promesso di ricostruire la cantina con l'aiuto dello Stato. Dopo tutto, era di enorme importanza per la regione da un punto di vista turistico. Ma Pali-Petralia non ha ottenuto un posto da ministro nel nuovo gabinetto. Tetramythos era più povero di una speranza.

Anche gli Jungfeld erano impotenti di fronte al fuoco


Attualmente, la tenuta vinicola è una rovina. Una speranza per i viticoltori: l'UE ha aumentato le sovvenzioni per la ricostruzione della regione, l'assicurazione paga una parte dei danni, anche se di gran lunga non tutti. Tuttavia, i viticoltori, che sono già indebitati, devono finanziare da soli una gran parte della ricostruzione. Il reddito futuro dell'hotel, del bar e della tenuta vinicola, tuttavia, è incerto. Solo pochi turisti si addentrano nelle ceneri dei villaggi bruciati.

Tuttavia, i cinque si stanno mettendo al lavoro, hanno già partecipato di nuovo alle prime fiere del vino. Il nuovo edificio è in fase di progettazione, un sistema di sprinkler all'avanguardia lo renderà sicuro contro il fuoco. Papagiannopoulos ride amaramente: "Cosa dovrebbe prendere di nuovo fuoco qui? Tutta la regione è bruciata" Ma almeno le cose continuano con Tetramythos.

Related Magazine Articles

Mostra tutti
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più
Leggi di più

Eventi nelle tue vicinanze